Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 15 aprile 2024  | aggiornato alle 15:32 | 104594 articoli pubblicati

Il primo fashion cooking della storia "Tra Cuochi e Stilisti" a Firenze

Ha vinto l'abito abbinato al piatto di Daniele Zennaro del Vecio Fritolin, in occasione dello show cooking di Italia a Tavola. L'evento, unico in Italia, ha celebrato al meglio due settori trainanti della nostra economia

di Clara Mennella
vicedirettore
 
03 marzo 2014 | 15:30

Il primo fashion cooking della storia "Tra Cuochi e Stilisti" a Firenze

Ha vinto l'abito abbinato al piatto di Daniele Zennaro del Vecio Fritolin, in occasione dello show cooking di Italia a Tavola. L'evento, unico in Italia, ha celebrato al meglio due settori trainanti della nostra economia

di Clara Mennella
vicedirettore
03 marzo 2014 | 15:30
 

Spero che nessuno mi accuserà di essere di parte se racconterò con un poco di enfasi l'evento nato dal genio di Alberto Lupini, che ha avuto luogo durante la lunga giornata di festa che si è svolta il primo marzo a Firenze, per le premiazioni del Sondaggio di Italia a Tavola sul Personaggio dell'anno 2013; ma sfido chiunque abbia vissuto questo bellissimo momento a non esserne rimasto profondamente colpito.

da sinistra: Aldo Cursano, Daniele Zennaro, Rosanna Marziale, Andea Berton, Filippo La Mantia, Alberto Lupini, Marco Stabile e Giancarlo Morelli
Nella foto, da sinistra: Aldo Cursano, Daniele Zennaro, Rosanna Marziale, Andea Berton, Filippo La Mantia, Annamaria Tossani, Alberto Lupini, Marco Stabile e Giancarlo Morelli



Io stessa quando ero venuta a conoscenza di come si sarebbe svolto questo nuovissimo format, non ne avevo compreso appieno le potenzialità. Lo spettacolo che si è presentato alla vista di quanti hanno potuto accedere al salone del Grand Hotel Baglioni di Firenze è stato, a mio parere, paragonabile all'atmosfera che si respirava all'interno delle grandi factory creative degli anni '60 e '70, quando si credeva che il valore della creatività e della manualità umane, potessero fare la rivoluzione.



Lo stesso coinvolgimento dei presenti che non erano un pubblico qualsiasi, ma un grande parterre di addetti e appassionati, con un'attenzione e una preparazione tangenti e comuni fra di loro, lo stesso piacere dell'incontro fra conoscenti, amici e colleghi, la stessa gioia, emozione ed orgoglio nell'essere consapevoli di vivere un momento unico di novità e scoperta.



Sei grandi cuochi italiani si sono messi a disposizione, con grande simpatia e generosità, per fare gareggiare i giovani stilisti sulla base di una loro creazione culinaria in esclusiva. Ogni studente del corso di Moda dello IED di Firenze ha tratto ispirazione dagli ingredienti, dai colori e dal mood del piatto, per creare un capo d'abbigliamento.



Uno scenario di grande impatto; sei postazioni di cucina separate, ognuna con il "suo" manichino vestito per l'occasione, affiancato da una cassettina in legno della frutta, utilizzata per contenere gli "ingredienti" dell'abito: tessuti, gomitoli, elementi decòr; ovunque "stelle" della gastronomia che brillavano, dietro i fornelli ma anche fra gli intervenuti e fra i giurati.



Ha ricevuto più consensi l'abito "Sapore di mare" dei ragazzi di Manusa Refashion Factory abbinato al  "Baccalà mantecato nel tacos" proposto da Daniele Zennaro (nella foto qui sotto).  «Voglio che il baccalà mantecato - mi ha raccontato Daniele - sia il piatto simbolo del Vecio Fritolin, perché lo prepariamo con una tale cura e scegliendo il baccalà in maniera maniacale, che non ho paura di essere smentito se dico che è il migliore di Venezia. Il tacos invece regala un tocco etnico ed internazionale a questo piatto della tradizione». Il Vecio Fritolin è un locale storico della città lagunare, del quale è patron Irina Freguia.

Baccalà mantecato nel tacos; foto di Mariella Morosi

Anche da tutti gli altri meravigliosi partecipanti alla gara ho raccolto una chiosa sulle creazioni in gara. Giancarlo Morelli (nella foto qui sotto) ha presentato un Tuorlo d'uovo confit tiepido affumicato, insalatina di quinoa, amaranto e riso soffiato, tartare di slameri e le sue uova. A questo è sttao abbinato l’abito “Rossissimo”. «La filosofia di questo piatto è quella di un percorso che parte dalla natura - dichiara Morelli - prima è arrivato l'uovo e in seguito i cereali, con l'acqua come elemento fondamentale per la sopravvivenza di tutti gli ingredienti, ho voluto anche creare un gioco di consistenze con la croccantezza dei cereali che ricorda il fruscìo degli abiti in movimento».

Tuorlo d'uovo confit tiepido affumicato, insalatina di quinoa, amaranto e riso soffiato, tartare di slameri e le sue uova

Marco Stabile (nella foto qui sotto) ha cucinato invece la Bruschetta di Grana Padano Dop, cavolo nero e olio toscano Igp, e l’abito che ha affiancato il piatto è stato “Dettagli filangè”. «È una ricetta nata un po' di tempo fa che ho sviluppato in questa occasione con la sfida dell'abbinamento dei fagioli con con il grana che di solito in Toscana non si fa».

Bruschetta di Grana Padano Dop, cavolo nero e olio toscano Igp

Maritata con Grana Padano Dop all'olio del Consorzio Toscano Igp, la creazione di Rosanna Marziale (nella foto qui sotto), in abbinamento all’abito “Tip tap bolero”. «Nella nostra tradizione la maritata si è sempre fatta ma con alcuni grassi animali quali la salsicca dai quali ho voluto alleggerirla, ho poi calibrato con il grana».

Maritata con Grana Padano Dop all'olio del Consorzio Toscano Igp

Andrea Berton (nella foto qui sotto) ha proposto la Manioca croccante con baccalà guacamole e paprika affumicata, e l’abito che di fianco al piatto era “Leggerezza”. «Ho messo insieme questi ingredienti durante i miei viaggi, la costruzione di questo piatto trae quindi genesi dal viaggio».

Manioca croccante con baccalà guacamole e paprika affumicata

Filippo La Mantia (nella foto qui sotto) ha invece proposto agli ospiti dello show cooking la Zuppetta di cous-cous con la bottarga di tonno, lime e centrifugato di sedano; “Trancio di camicia” è l’abito nato ispirandosi al piatto. «Questo piatto mi racconta perché è un mix di Sicilia e Asia, i miei due posti di appartenenza».

Zuppetta di cous-cous di Alce Nero con la bottarga di tonno, lime e centrifugato di sedano

Foto servizio e gallery: Riccardo Melillo e Giulio Ziletti

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Delyce
Electrolux
Italmill
Senna

Delyce
Electrolux
Italmill

Senna
Julius Meiln
Union Camere