ABBONAMENTI
 
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 23 settembre 2020 | aggiornato alle 08:32 | 67901 articoli in archivio
Castel Firmian
Ros Forniture Alberghiere

Ingredienti stranieri in 2 pizze su 3
Dalla Cina il concentrato di pomodoro

Ingredienti stranieri in 2 pizze su 3 
Dalla Cina il concentrato di pomodoro
Ingredienti stranieri in 2 pizze su 3 Dalla Cina il concentrato di pomodoro
Primo Piano del 28 maggio 2014 | 12:05

In Italia 2 pizze su 3 sono ottenute da un mix di ingredienti provenienti dall'estero. Nel 2013 sono stati importati 80 milioni di chili di cagliate per mozzarelle e 105 milioni di chili di concentrato di pomodoro. Il 25% degli italiani rinuncia del tutto ad andare in pizzeria, mentre il 40% ha ridotto drasticamente le presenze

Quasi due pizze su tre (63%) servite in Italia sono ottenute da un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza senza alcuna indicazione per i consumatori che oggi hanno rinunciato del tutto ad andare in pizzeria (25%) o hanno ridotto le presenze (40%) rispetto a prima della crisi secondo l’indagine Ixè.



È quanto emerge dal Dossier “La crisi nel piatto degli italiani nel 2014”, presentato dal presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo al Teatro Palapartenope di Napoli, che analizza per la prima volta anche cosa c’è di diverso con la crisi nei piatti più rappresentativi della tradizione alimentare italiana con la pizza che sempre meno tricolore, la pasta diventata “autarchica”, mentre i sughi più nostrani, dall’arrabbiata alla puttanesca, profumano d’oriente e il pane viene impastato nei Paesi dell’est Europa.

Dal Dossier si evidenzia che si è verificata una rivoluzione storica per la pasta con la produzione di quella fatta di grano italiano al 100% che è iniziata ed esplosa proprio negli anni della crisi. In Italia, sempre più spesso nelle pizzerie viene servito un prodotto preparato con mozzarelle ottenute non dal latte ma da semilavorati industriali, le cosiddette cagliate, provenienti dall'est Europa, pomodoro cinese o americano invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell'extravergine italiano e farina francese, tedesca o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale.

In Italia sono stati importati nel 2013 ben 481 milioni di chili di olio di oliva e sansa, oltre 80 milioni di chili di cagliate per mozzarelle, 105 milioni di chili di concentrato di pomodoro dei quali 58 milioni dagli Usa e 29 milioni dalla Cina e 3,6 miliardi di chili di grano tenero con una tendenza all’aumento del 20% nei primi due mesi del 2014.

Una fiume di materia prima che ha purtroppo compromesso notevolmente l’originalità tricolore del prodotto servito nelle 50mila pizzerie presenti in Italia che generano un fatturato stimato di 10 miliardi, ma non offrono alcuna garanzia al consumatore sulla provenienza degli ingredienti utilizzati. Se il 39% degli italiani ritiene che la pizza sia il simbolo culinario dell’Italia, la maggioranza del 45%, secondo un sondaggio del sito di Coldiretti, attribuisce il primato alla pasta la cui produzione, al contrario, ha fatto registrare una decisa svolta nazionalista con la nascita e la rapida proliferazione di marchi che garantiscono l’origine italiana del grano impiegato al 100%.

Un percorso che è iniziato nei primi anni della crisi dal Consorzio Agrario di Siena con la pasta dei coltivatori toscani per estendersi poi ad alcune etichette della grande distribuzione (da Coop Italia a Iper) fino ai marchi nuovi o storici più prestigiosi (Ghigi, Valle del grano Jolly Sgambaro, Granoro, Armando, ecc) tanto che all’appuntamento con 10mila agricoltori della Coldiretti Guido Barilla Presidente Barilla G. & R. Fratelli Spa, ha annunciato che lo storico marchio napoletano “Voiello”, che fa capo al Gruppo, venderà solo pasta fatta da grano italiano al 100% di varietà #8220; aureo” coltivato in Abruzzo, Molise, Puglia e Campania che per il contenuto proteico e la forza del glutine può essere considerato il grano duro italiano d'alta qualità del Sud.

Una tendenza rivolta a garantire qualità sostenibilità della produzione, ma favorita anche dalla volontà di sostenere il lavoro e l’economia italiana in un difficile momento del Paese che spinge i consumatori a privilegiare scelte di acquisto sostenibili che contribuiscono al rilancio del Made in Italy.

«La produzione nazionale degli ingredienti e la sua lavorazione esclusivamente in Italia consente di salvare dall’abbandono interi territori situati in aree difficili nel sud del Paese, ma anche di garantire occupazione e reddito ad agricoltori e lavoratori in un momento di crisi - ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel sottolineare che - per tornare a crescere il Paese deve saper mettere in rete le sue straordinarie capacità imprenditoriali e le potenzialità dei territori, a cominciare da quelle inespresse del Mezzogiorno».

Meno fortuna ha avuto il prodotto più presente sulle tavole degli italiani poiché accanto al pane artigianale venduto nei forni in Italia, si assiste all’arrivo di milioni di chilogrammi di impasti semicotti, surgelati, con una durata di 24 mesi, grazie ad additivi e conservanti, provenienti dall’est europeo, destinati ad essere poi cotti e diventare pane nelle strutture commerciali a basso costo.

Un destino che colpisce anche i tradizionali sughi e il ragù italiano che sempre più spesso sono ottenuti da conserve di pomodoro provenienti dall’estero miscelate con ingredienti e importati, dalle spezie dall’Oriente aIla carne, come purtroppo ha dimostrato il recente scandalo della carne di cavallo spacciata per manzo dopo un rally tra le frontiere che ha interessato numerosi Paesi europei.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


pizza Made in Italy pizzeria olio concentrato di pomodoro mozzarella

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

30/05/2014 00:00:31
1) E' ora di cambiare registro....non prendeteci in giro.
Ormai queste notizie io non le commento nemo più, sono solo timide azioni pubblicitarie volte a far vedere che lo Stato lotta contro questo fenomeno, in realtà' lo Stato fa affari e avalla queste porcherie, e lo dico da operatore del settore, NON CE NESSUNA VOLONTA', ne da parte dello Stato e ne da parte di chi deve salvaguardare e difendere il nostro PATRIMONIO CULTURALE, quindi smettiamola di prenderci per i fondelli. In Italia tra Enti, Consorzi, Regioni, Camere di Commercio, ce un esercito di uomini e risorse economiche per affrontare e difendere i nostro prodotti, soldi buttati via, posti clientelari per i trombati della politica, basta, lo dico anche alla Coldiretti, che fa un buon lavoro sul territorio ma con le parole non si va da nessuna parte...e' ora di agire a livello anche europeo...ci vogliono azioni forti, l'argomento e' molto complesso, quindi mi fermo qua...io la penso in maniera diversa, e ripeto dobbiamo coordinare come fanno i Francesi!
EMANUELE ESPOSITO


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®