Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 27 settembre 2021 | aggiornato alle 11:52 | 78166 articoli in archivio

Grado alcolico o grado zuccherino? Ecco come si classifica la birra in Italia

Esistono 5 modi per classificare le birre commercializzate in Italia, considerando il grado saccarometrico e non altri aspetti legati alla produzione: birra analcolica, birra light, birra, birra speciale, doppio malto

di Enrico Rota
Quattroerre Group
06 luglio 2014 | 10:50

Grado alcolico o grado zuccherino? Ecco come si classifica la birra in Italia

Esistono 5 modi per classificare le birre commercializzate in Italia, considerando il grado saccarometrico e non altri aspetti legati alla produzione: birra analcolica, birra light, birra, birra speciale, doppio malto

di Enrico Rota
Quattroerre Group
06 luglio 2014 | 10:50

La denominazione “birra” secondo la giurisdizione italiana è riservata al prodotto ottenuto dalla fermentazione alcolica con ceppi di Saccharomyces Carlsbergenis o di Saccharomyces Cerevisae di un mosto preparato con malto, anche torrefatto, di orzo o di frumento o di loro miscele e d’acqua amaricato con luppolo o suo derivato o con entrambi. Il malto d’orzo o di frumento può essere sostituito con altri cereali, anche rotti o macinati o sotto forma di fiocchi, nonché con materie prime amidacee e zuccherine nella misura massima del 40% calcolato sull’estratto secco del mosto.



In Italia è possibile quindi classificare la birra considerando solo il grado saccarometrico e non altri aspetti legati alla produzione. Nel dettaglio, esistono solo cinque modi per classificare le birre prodotte e/o commercializzate in Italia:

Denominazione

Grado saccarometrico

% alcol

Birra analcolica

da 3 a 8

< 1,2%

Birra light

da 5 a 10,5

da 1,2 a 3,5%

Birra

> 10,5

da 3,6 a 5,4%

Birra speciale

> 12,5

da 5,5 a 5,9%

Birra doppio malto

> 14,5

> 6%


Si specifica che non esiste un rapporto diretto tra il grado saccarometrico e la percentuale di alcol in volume. Una regola empirica, non scritta, definisce tale equazione in questo modo: la percentuale di alcol in volume è da 1/2 a 1/3 del grado saccarometrico.

La classificazione commerciale avviene invece seguendo altri parametri e si basa sull’immagine con cui il prodotto si immette sul mercato. Abbiamo quindi birre da “Prezzo” (birra di bassa immagine), birre “Standard” (l’immagine è consolidata), birre “Premium” (sono marchi trasversali, ossia prodotti presenti dagli scaffali alla Super Horeca), birre “Super Premium” (birre ad altissima immagine con presenza quasi esclusiva nel medio-alto Horeca e Super Horeca) e le “Specialità” (birre che si differenziano dalle altre categorie commerciali per un’intrinseca diversità e qualità di produzione).

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali