Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 28 febbraio 2024  | aggiornato alle 09:06 | 103460 articoli pubblicati

Olio contraffatto, ma non dal ristorante! L'illegalità nasce in fase di produzione

I casi di olio contraffatto dimostrano che le falsificazioni avvengono in fase di produzione e non al ristorante, dove non si possono effettuare controlli specifici; anche il ristoratore è dunque vittima di una truffa

 
28 luglio 2014 | 11:11

Olio contraffatto, ma non dal ristorante! L'illegalità nasce in fase di produzione

I casi di olio contraffatto dimostrano che le falsificazioni avvengono in fase di produzione e non al ristorante, dove non si possono effettuare controlli specifici; anche il ristoratore è dunque vittima di una truffa

28 luglio 2014 | 11:11
 

«Gli arresti per frode di alcuni produttori di olio sono la chiara dimostrazione che le adulterazioni e contraffazioni, quando ci sono, si verificano in fase di produzione. È sui grandi numeri che l’illegalità ha ragione di esistere. Se il prodotto è contraffatto o sofisticato all’origine il ristoratore non può verificarlo, quindi subisce una truffa di alto valore, eppure si sta tentando di imporgli per legge di servire l’olio a tavola in contenitori anti-rabbocco, pena multe salatissime. Se questa norma passasse, al danno si aggiungerebbe la beffa».



È duro il commento del presidente della Fipe-Confcommercio, Lino Enrico Stoppani (nella foto), sui 16 arresti di produttori pugliesi e loro complici calabresi, soprattutto in considerazione del disegno di legge in discussione al Senato (approvato alla Camera) che impone ai pubblici esercizi di presentare gli olii al tavolo in contenitori etichettati e forniti di dispositivo che impedisca di modificare il loro contenuto o di poterli riutilizzare una volta esaurito quello originale; provvedimento, peraltro, già bocciato dall’Europa.

Lino Enrico Stoppani«È assurdo pensare - chiosa Stoppani - che un ristoratore possa alterare una quantità di olio simile a quella sequestrata ultimamente in Puglia, cioè 400 tonnellate. La norma sull’obbligo per i ristoranti di dotarsi dei contenitori anti-rabbocco per l’olio d’oliva da portare al tavolo, pena una sanzione da mille a 8mila euro, è priva di senso, inutile, esasperante. Serve solo a spostare l’attenzione dal settore della produzione a quello della ristorazione. Il ristoratore, preso di mira dalla legge in discussione, è invece la vittima della frode».

Secondo l’ufficio studi della Fipe, un ristorante spende mediamente 3.800 euro l’anno per acquistare l’olio. Per i 104mila ristoranti attivi in Italia vuol dire una spesa di 400 milioni di euro. Il carrello degli olii è presente soprattutto (46%) nei ristoranti dove la fascia di prezzo è compresa fra 50 e 75 euro. Il carrello conta in media 4,2 olii Dop di cui 1,1 è biologico. Significativa è anche la presenza di olii non a denominazione: se ne contano in media 2,4 a cui si aggiungono 1,7 di origine biologica.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       

29/07/2014 15:59:38
1) certificate i ristoranti
non entro nel merito dell'analisi che condivido. suggerisco ai produttori ed ai ristoratori di certificare e di permettere controlli a sorpresa da parte di esperti, dell'olio messo in tavola con etichette certificate. esposte all'ingresso del locale medesimo. io sono disponibile anzi auspico che tutti i ristoranti siano disponibili. autocontrollo,collaborazione,tra i produttori e i ristoratori devono diventare un valore a tutela dei clienti
walter zugno
ristoratore


Giordana Talamona
Ristorexpo
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni
Prugne della California

Giordana Talamona
Ristorexpo
Agugiaro e Figna Le 5 Stagioni

Prugne della California
Roner
Union Camere