Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 20 gennaio 2020 | aggiornato alle 20:08| 63024 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Rotari
HOME     PROFESSIONI     MAÎTRES e SALA

Muore a 73 anni il maître Cardaci
Pilastro della ristorazione bergamasca

Muore a 73 anni il maître Cardaci 
Pilastro della ristorazione bergamasca
Muore a 73 anni il maître Cardaci Pilastro della ristorazione bergamasca
Pubblicato il 21 agosto 2014 | 11:55

Stefano Cardaci avrebbe compiuto 73 anni il prossimo 5 settembre. Da 35 anni si era trasferito a Bergamo. Oltre all’attività nella ristorazione, offriva consulenze ed era in prima linea nella formazione delle nuove leve

È spirato lo scorso 17 agosto Stefano Cardaci (nella foto), grande maître e sommelier bergamasco, ex dirigente dell’Amira (Associazione maître italiana ristoranti e alberghi) e collaboratore di molte scuole alberghiere. Avrebbe compiuto 73 anni il prossimo 5 settembre. È stato un vero punto di riferimento per il mondo dei maître e ha contribuito a rendere grande la ristorazione bergamasca.

Stefano Cardaci

Negli anni ’60 lasciò la trattoria di famiglia in provincia di Enna per cercare fortuna all’estero. Dopo aver collezionato importanti esperienze professionali a Monaco di Baviera, nel Nord Europa (in Svezia in particolare), a Londra e poi di nuovo in Germania, tra Mannheim e Francoforte (città dove ha conosciuto e sposato la moglie Helga Emig), nel 1968 diventa responsabile di sala e si aprono per lui le porte delle grandi catene alberghiere di mezzo mondo. Si trasferisce con la moglie a Milano e lavora presso il Savini, il neonato Hilton e il Brellin, frequentato da molti personaggi famosi.

Arriva a Bergamo nel 1979: qui passa dal Continental di Osio Sotto all’Excelsior San Marco e poi al nuovo Cristallo Palace. A metà degli anni ’80 raggiunge l’apice della sua carriera con l’apertura del suo ristorante Baio nell’omonimo quartiere di Gorle. Per una decina d’anni il Baio è stata una delle insegne più gettonate dai gourmand bergamaschi. È lì che Cardaci ha saputo esprimere tutta la sua professionalità mettendo in luce anche le sue competenze in fatto di cucina alla lampada, in sala, davanti ai commensali. Dopo l’esperienza del Baio, si trasferisce in via Corridoni, aprendo un piccolo ristorante che porta il suo nome.

Tra un’apertura e l’altra è sempre rimasto in attività prestando consulenze per l’apertura di nuovi locali in Italia ed all’estero, rivestendo ruoli di vario titolo nelle associazioni di categoria - per anni è stato presidente dei ristoratori Confesercenti - e soprattutto dispensando i suoi insegnamenti alle giovani leve.

Lo ricorda così Elio Ghisalberti su L’Eco di Bergamo: «Come pochi altri sapeva unire savoire faire e professionalità, tanto da divenire un punto di riferimento per il mondo dei maître, categoria orgogliosamente rappresentata a livello istituzionale. Nemmeno la malattia, che da anni combatteva con fierezza e tenacia, lo aveva cambiato».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


stefano cardaci maitre sommelier ristorante bergamo

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).