Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 02 luglio 2020 | aggiornato alle 18:00| 66523 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Rational
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

L'obesità pesa sulle casse dello Stato
Serve un'educazione allo sport

L'obesità pesa sulle casse dello Stato 
Serve un'educazione allo sport
L'obesità pesa sulle casse dello Stato Serve un'educazione allo sport
Primo Piano del 08 ottobre 2014 | 18:02

Nel 2013 il 42% degli italiani ha adottato uno stile di vita sedentario; questa percentuale si traduce in 200 milioni di spese per il Sistema sanitario nazionale, che deve provvedere a curare patologie come l'obesità. L'educazione ad un'alimetazione sana e alla pratica costante dello sport è la chiave per prevenire il problema

Nel 2013, secondo l'Istat, il 42% della popolazione italiana è stata sedentaria. Un fenomeno sempre più diffuso che non fa male solo alla salute, ma anche alle casse dello Stato se si pensa che ogni punto di tale percentuale si traduce in 200 milioni di spese per il Sistema sanitario nazionale in termini di cura di patologie legate a obesità, sovrappeso e cattivi di stili di vita.

Sono alcuni dei dati emersi al convegno “Investimento nello sport, investimento anticiclico”, organizzato dal presidente del Coni Giovanni Malagò, al quale hanno partecipato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Graziano Delrio. Quest'ultimo ha annunciato l'intenzione del Governo di avviare insieme al Coni un progetto per la costruzione di “mille impianti sportivi in mille giorni”.



«La sedentarietà è un problema che riguarda anche una larga fascia di giovani italiani», ha sottolineato Malagò, ricordando che il nostro Paese è il secondo, dopo la Grecia, nella classifica Ocse sul sovrappeso dei ragazzi tra i 5 e i 17 anni. Tutto questo porta con se' un problema sportivo, con perdita di qualità delle prestazioni e mancata scoperta di nuovi talenti, e uno sanitario, con costi molto elevati per il Ssn. «Serve una rivoluzione culturale» ha ribadito Malagò.

«Sui corretti stili di vita - ha rimarcato il ministro Beatrice Lorenzin - si gioca la partita della sostenibilità del sistema sanitario. Nonostante questo proprio i corretti stili di vita vengono considerati poco importanti, sebbene fumo, alcol, cattiva alimentazione e sedentarietà siano le prima quattro cause di malattia. Il diabete è un caso esemplare: aumentando il numero di persone che fa attività fisica potremmo risparmiare tre miliardi».

Il sottosegretario Graziano Delrio ha fatto eco a Lorenzin, evidenziando come «lo sport vada inserito nell'educazione a corretti stili di vita, che cambiano il destino di un Paese così come i cattivi stili di vita sono un costo. Quello culturale ed educativo è dunque il tema principale. Per questo abbiamo deciso di investire molto sulla scuola, strutturando un progetto per aumentare le ore di sport pomeridiano nelle primarie, con un collegamento tra scuole e società sportive».

Delrio ha tenuto anche a ricordare che per ridurre il gap tra Nord e Sud del Paese, in termini di dotazione di impianti sportivi, serve il coinvolgimento di investitori privati, attraverso il credito sportivo: «Servono leve finanziarie per favorire investimenti dei privati».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Sistema sanitario nazionale obesita salute sport alimentazione Beatrice Lorenzin

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Orobica Pesca
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®