Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 07 luglio 2020 | aggiornato alle 17:32| 66590 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     SALUTE     STILE DI VITA

Moda low cost, un danno per la salute
Eritemi e dermatiti in agguato

Moda low cost, un danno per la salute 
Eritemi e dermatiti in agguato
Moda low cost, un danno per la salute Eritemi e dermatiti in agguato
Pubblicato il 15 novembre 2014 | 14:05

Acquistare abbigliamento e accessori a basso costo è sicuramente un vantaggio per il portafoglio, ma può causare problemi alla pelle, che deve fare i conti con i materiali utilizzati per la produzione dell'articolo

Abiti, accessori e scarpe a basso costo sono solo all'apparenza simili agli originali, fatta eccezione per il prezzo e sicuramente per i materiali. I pericoli dello shopping low cost si scontano sulla propria pelle, nel vero senso della parola, e si chiamano dermatiti ed eritemi; coloranti e altri agenti chimici, inquinanti, tecniche di lavorazione improvvisate o che non rispondono alle severe regole europee possono innescare reazioni allergiche a carico della pelle. Riportiamo il contributo dell'esperto Marcello Monti, tratto da Humanitasalute.it.




«Problemi che non vanno sottovalutati - spiega il professor Marcello Monti, responsabile di Dermatologia in Humanitas e docente di Dermatologia all’Università di Milano - e ai quali le società scientifiche stanno prestando sempre più attenzione per il dilagare del fenomeno». Si comincia con i tessuti. Pantaloni, magliette, persino biancheria intima. «Si tratta di merce prodotta a basso costo in varie parti del mondo - sottolinea Monti - generalmente senza rispettare le normali regole di fabbricazione, in particolare quelle per la fissazione del colore. Al momento in cui si indossano per la prima volta si rivelano di scarsa qualità».
 
Sos rosso per la pelle
In particolare due tipi di coloranti, tinte conosciute con il nome di Disperso Rosso e Disperso Blu, sono i principali responsabili delle dermatiti da contatto dovute agli indumenti, anche note come textile allergy. «A contatto con la pelle, specie se sudata, questi coloranti vengono rilasciati dai tessuti e vanno a depositarsi sulla pelle», continua l'esperto. D'estate e nelle aree del corpo dove la sudorazione è più intensa come ascelle, inguine e la zona subito sotto il seno, si possono avere infiammazioni cutanee e vere proprie dermatiti irritative.

«Generalmente il primo sintomo è il prurito - spiega Monti - accompagnato o seguito da bruciore. Subito dopo la pelle diventa rossa e si può ricoprire da delle piccole vesciche tipiche della dermatite». Neanche ripetuti lavaggi in lavatrice o il ricorso alla tintoria riesce a eliminare del problema, continua l'esperto, «perché questi indumenti continuano a rilasciare il colore ogni volta che si indossano».

Alle prime avvisaglie, come prurito, rossore e gonfiore sulla pelle, invece, «si consiglia di lavare bene la parte - dice Monti - eliminando il colore dalla pelle, applicando una crema lenitiva facendo attenzione al fatto che sia priva di cortisone perché potrebbe mascherare il problema. Poi il consiglio è quello di rivolgersi al dermatologo per le cure del caso e i test allergologici - conclude lo specialista - utili a scoprire la sostanza che ha provocato la reazione».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


low cost moda pelle salute eritema dermatite

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®