Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 16 dicembre 2019 | aggiornato alle 01:51| 62568 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Alcolici, AssoDistil e Federvini insieme
contro l'aumento delle accise

Alcolici, AssoDistil e Federvini insieme 
contro l'aumento delle accise
Alcolici, AssoDistil e Federvini insieme contro l'aumento delle accise
Primo Piano del 11 novembre 2014 | 11:35

L’aumento delle accise sugli alcolici colpisce duramente i prodotti simbolo del Made in Italy, come la grappa, gli amari, il limoncello e altri prodotti, e i territori legati alle produzioni di eccellenza. AssoDistil e Federvini organizzano degli incontri per lanciare l'allarme sui duri effetti delle tasse sull'alcol

L'aumento delle accise “si beve” il territorio e le aziende che producono bevande alcoliche. È l'allarme degli imprenditori del settore, già colpiti duramente da tre incrementi della fiscalità sull’alcol a partire dall'ottobre 2013. Il comparto, già in sofferenza per la crisi dei consumi, ora vede in pericolo anche le sue produzioni d'eccellenza, come la grappa, gli amari, il limoncello, gli aperitivi e altri prodotti simbolo del Made in Italy.



«Secondo i dati dell'Osservatorio congiunturale Format - afferma Antonio Emaldi, presidente di AssoDistil - relativi al terzo trimestre dell'anno, le aziende attribuiscono il calo del fatturato, nell'80% dei casi, alla crescita delle accise. Il clima di sfiducia è generalizzato, anche perché l'aumento sarà scaricato soprattutto sui prezzi, gli investimenti e l'occasione».

La situazione del comparto è tutt'altro che rosea. «Secondo i dati Format - spiega Emaldi - la metà delle imprese del settore denuncia un pesante deterioramento della liquidità aziendale. In questi giorni, in Parlamento si sta scrivendo la Legge di Stabilità: lanciamo un appello perché questo balzello, l'ennesimo, sulle aziende del settore sia scongiurato».

«Con gli incrementi di accisa sugli spiriti che raggiungeranno quota +30% a gennaio 2015 - osserva Sandro Boscaini, presidente di Federvini - l’impatto di questa manovra sul fronte occupazionale comporterebbe il taglio di oltre 6.700 posti di lavoro, indebolendo gravemente un settore produttivo che esprime alcune eccellenze regionali molto famose nel mondo: dalla Grappa al Limoncello, dagli Amari alla Sambuca, dal Nocino di Modena al Mirto di Sardegna».

Lo scenario, disegnato da una ricerca di Trade Lab per conto della Federazione, sottolinea l'impatto negativo che la serie di aumenti della accise ha prodotto sulle zone vocate per tradizione ai distillati e liquori. «Veri distretti di qualità - precisa Boscaini - pensiamo al Piemonte, alla Lombardia, al Veneto e al Friuli Venezia Giulia».

Contro il quarto aumento della accisa dal prossimo 1° gennaio 2015, AssoDistil, l'associazione nazionale dei distillatori, e Federvini - Federazione italiana industriali produttori, esportatori e importatori di vini, acqueviti, liquori, sciroppi, aceto ed affini - hanno deciso di mobilitarsi, organizzando una serie di incontri sul territorio. Obiettivo: raccontare la crisi vista dalla base, ovvero dagli imprenditori che, tutti i giorni, lottano per garantirsi la sopravvivenza.

Il primo incontro è previsto per lunedì 17 novembre, presso la Distilleria Da Ponte, a Corbanese di Tarzo, nei pressi di Treviso. Gli imprenditori anti-accise si incontreranno poi venerdì 21 alla Distilleria Vieux Moulin, a Motta di Costigliole d'Asti, per poi chiudere l'iniziativa lunedì 24 novembre, presso le Distillerie Franciacorta, a Borgonato di Corte Franca (Bs). A tutti gli incontri oltre ai dirigenti di AssoDistil e Federvini, sono stati invitati anche rappresentanti delle amministrazioni locali e parlamentari del territorio.

Le singole iniziative saranno anche l'occasione per partecipare alla petizione online di Federvini, che vuole sensibilizzare i consumatori al problema dell'eccesso di fiscalità sull'alcol.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


accisa alcol tassa Made in Italy crisi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky_Business_Natale_DIC19_No_Prezzo
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).