ABBONAMENTI
 
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 27 ottobre 2020 | aggiornato alle 10:13| 68879 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Molino Quaglia
HOME     PROFESSIONI     CUOCHI

Schiaffo di Gualtiero Marchesi alla Michelin: rinuncia alle stelle

Schiaffo di Gualtiero Marchesi alla Michelin: rinuncia alle stelle
Schiaffo di Gualtiero Marchesi alla Michelin: rinuncia alle stelle
Primo Piano del 16 giugno 2008 | 14:20

Il vecchio leone non finisce mai di stupire per la grinta, la determinazione e la creatività che sa sempre esprimere. Reduce dall'inaugurazione del nuovo locale di Milano, il Marchesino (che rappresenta una nuova sfida per riqualificare l'ospitalità del centro meneghino troppo affollato da pizzerie e locali dalle gestioni a corrente alternata) e terminato il restiling del suo regno All'Albereta , Gualtiero Marchesi, l'unico 're” della cucina italiana lancia il guanto di sfida alla Bibbia dello stile azzurro (ma quello d'oltralpe) in cucina. E lo fa rinunciando a quelle stelle Michelin (attualmente lui ne ha 2) che fino a Gualtiero Marchesipoco tempo fa venivano considerate il più importante riconoscimento dell'alta cucina.

Quali sino le ragioni di una scelta che verrà comunicata solo martedì mattina a Milano ci sono ignote, ma di certo non può mancare un giudizio negativo (che Marchesi si può permettersi) su un sistema di valutazione che, almeno in Italia, non è più all'altezza delle aspettative e,  soprattutto, sembra inchiodato ad una strategia politico-culturale che deve privilegiare comunque lo stile francese, o comunque legato alla Francia. Non può essere solo casuale che anche nell'edizione 2008 della 'rossa” ci siano solo 5 ristoranti a pieno punteggio, meno di quelli presenti nella sola città di Tokyo…  

Qualcosa non va nella Michelin e Gualtiero Marchesi (che per quanto ha fatto per la cucina italiana meriterebbe probabilmente 3 stelle a vita…), che non può certo essere tacciato di essere alla ricerca di notorietà o nuovi successi avendo già passato da un po' la boa delle 70 candeline, ha il coraggio di rompere un tabù. Sentiremo fra poche ore perché lo fa, ma, se non sbagliamo, alcune motivazioni potrebbero valere anche per la rinuncia ad altri punteggi di guide italiane ancor meno prestigiose della Michelin.

Non sappiamo in quanti abbiano rinunciato ad un riconoscimento che a fine mese 'pesa” sul bilancio dei ristoranti (ricordiamo i casi di Senders a Parigi nel 2005 e di Westermann a Strasburgo l'anno dopo), ma certo per l'Italia potrebbe costituire uno scossone capace di aprire nuove prospettive. Speriamo anche per le altre guide sui ristoranti perché prendano più forza e con un po' più di rigore sappiano sfidare la Michelin e fare meglio il loro lavoro.

Alberto Lupini

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Surl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®