Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 04 agosto 2021 | aggiornato alle 18:16 | 76973 articoli in archivio

Il "Rosso del Conte" di tasca d'Almerita è il "miglior vino del Sud"

25 luglio 2008 | 00:00

Il "Rosso del Conte" di tasca d'Almerita è il "miglior vino del Sud"

25 luglio 2008 | 00:00

Rosso del Conte 2004, fiore all'occhiello della produzione ultracentenaria Tasca d'Almerita, conquista il gradino più alto del podio dei vini del Sud Italia, secondo Gambero Rosso. Dall'autunno 2007 ad oggi Tasca d'Almerita ha seguito il Road Show del Gambero Rosso che ha accompagnato un gruppo selezionato di produttori ad eventi mirati nei principali mercati mondiali. Undici tappe per presentare l'eccellenza del made in Italy del vino, nelle più importanti capitali fra Europa e Stati Uniti: Stoccolma, Zurigo, Londra, Copenhagen, Amsterdam, Bruxelles, Los Angeles, San Diego, Berlino, Dusseldorf e Mosca. In questo contesto Rosso del Conte 2004 e' stato incoronato "Miglior Vino dell'Italia Meridionale".

Le origini di Rosso del Conte risalgono al 1970 come "Regaleali Riserva del Conte", un Nero d'Avola, coltivato ad alberello, quasi in purezza con una piccola aggiunta di Perricone, altra varieta' autoctona. La sua storia e' lunga e fatta di numerose evoluzioni tra cui diverse tipologie di affinamento (grandi botti di Castagno dal 1970 al 1988, Tonneaux francesi e barriques di rovere). Le annate ritenute non all'altezza non vengono prodotte, in passato e' gia' successo per 5 volte. L'ultima evoluzione voluta da Alberto e Giuseppe Tasca d'Almerita, che rappresentano la VII Generazione, risale alla vendemmia 2003, in cui il Rosso del Conte e' divenuto definitivamente il vino di Tenuta, poichè il Nero d'Avola è affiancato alla migliore selezione vendemmiale delle altre uve a bacca rossa presenti in azienda. Questo vino nasce nella Tenuta Regaleali (450/900 metri di altitudine), da vigneti con esposizione sud/est. Il terreno e' compatto con reazione alcalina, l'allevamento e' a spalliera e alberello, come se ne vedono ormai raramente in Sicilia. Il frutto di questa terra e' un vino dal color rosso rubino intenso e brillante, al naso con sentori di frutti di bosco, liquirizia, spezie, al palato si presenta morbido, di grande struttura e lunga persistenza.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali