Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 19 agosto 2019 | aggiornato alle 18:30| 60427 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Distillazione grappa "fai da te": no grazie per Anag e produttori

Distillazione grappa
Distillazione grappa "fai da te": no grazie per Anag e produttori
Primo Piano del 17 ottobre 2008 | 15:02

Il disegno di legge al vaglio al Senato per la grappa 'fai da te” presenta forti rischi da un punto di vista igienico-sanitario. Ne sono convinti sia i produttori sia gli assaggiatori. Il disegno di legge, presentato dai senatori Montani, Divina e Vallardi e al vaglio della commissione Agricoltura, prevede la possibilità di distillare 30 litri di grappa all'anno per azienda agricola. Una quantità che per gli addetti ai lavori è incomprensibilmente elevata se si pensa che il consumo di grappa per famiglia non raggiunge i tre litri all'anno.
Ad esprimere un forte disappunto sulla questione è in particolare l'Istituto nazionale grappa. «Siamo preoccupati innanzitutto per la salubrità del prodotto - ha dichiarato Cesare Mazzetti, presidente dell'Istituto nazionale grappa. In Italia si stima che ci siano diverse decine di migliaia di alambicchi clandestini che, legalizzati, potrebbero produrre circa 10 milioni di bottiglie di grappa difficilmente controllabili e potenzialmente molto pericolose».
La distillazione produce infatti anche componenti fortemente dannosi come l'alcol metilico (lo stesso all'origine dello scandalo nel vino più di vent'anni fa). E inoltre residui di metalli tossici come il rame. I distillatori sono in grado di escludere questi composti e la grappa prodotta è costantemente controllata  dall'amministrazione dello Stato da un punto di vista igienico-sanitario. Questo significa che la grappa attualmente in commercio è sanitariamente e igienicamente sicura per i consumatori. «Ma il disegno di legge sulla distillazione casalinga non prevede alcun piano di controllo specifico di queste decine di migliaia di alambicchi che potranno produrre in libertà - ha aggiunto Cesare Mazzetti. Il rischio sanitario è elevatissimo, siamo stupiti che nessuno si ponga in modo serio il problema, non vorremmo vedere intossicazioni per la grappa fai da te nei prossimi mesi».

Preoccupazioni condivise anche da Aldo Carminati, vicepresidente della sezione Lombardia dell'Anag, Associazione nazionale assaggiatori grappa: «Con questo disegno di legge c'è il rischio di produrre tanto "veleno". Mi riferisco al metanolo, un componente tossico che olte a rovinare la qualità del prodotto potrebbe danneggiare gravemente anche la salute dei consumatori. Nella distillazione occorrono strumenti altamente sofisticati, altrimenti si rischia di produrrre una grappa contenente metanolo e altre sostanze nocive. Mi auguro che questo disegno di legge non venga approvato: il rischio è di ripetere quanto accaduto con il vino venti anni fa».


Il disegno di legge della Lega Nord
"Lambiccare" in casa, purché in condizioni di sicurezza igienica, è un'antica consuetudine nell'arco alpino europeo. Ne è convinto il senatore della Lega Nord, Gianpaolo Vallardi, che insieme ai suoi colleghi Enrico Montani e Sergio Divina hanno presentato il ddl, approvato in commissione Agricoltura del Senato, per riconoscere la possibilità di distillare grappa artigianale, in quantità minima (30 litri all' anno), purché in un contesto agricolo e in condizioni di sicurezza igienica.
Vallardi ha ricordato come che alcuni paesi alpini, come l'Austria, riconoscono questa facoltà mentre in Italia le attuali disposizioni statali, in ambito fiscale e igienico, vietano tutti i tipi di produzione, riservandole alle regole e alle limitazioni del regime dei monopoli di Stato. Vallardi rileva che la prassi di produrre distillati con modalità "domestiche" o artigianali «non si puo' dire scomparsa». Nel ddl si prevede una prassi di autoregolamentazione igienica, la limitazione di quantità della produzione solo ed esclusivamente per l'autoconsumo con una quantità massima di 30 litri e l'impiego in locali agrituristici gestiti dal produttore medesimo. Inoltre è prevista la trasmissione all'ispettorato provinciale dell'agricoltura della documentazione idonea all'applicazione della legge e il rispetto delle limitazioni imposte.
«Attualmente - sottolinea ancora il senatore Vallardi - in alcune aree alpine dell'Alto Adige viene tollerato l'arricchimento di grappe, distillate secondo le norme nazionali, con erbe o altri aromi (la grappa al crescione, alla ciliegia o la grappa alla vipera, usata in alcuni masi, che prevede l'infusione di una vipera nella grappa). Per il Veneto, poi, ciò è molto importante per tutte quelle piccole aziende agricole familiari che riprendono così una vecchia e buona tradizione da tramandare anche ai giovani e alle scuole. è un bene per il nostro territorio in termini culturali e sociologici».

 

Articoli correlati:
Grappa "fai da te": perplessità anche dal Trentino
Grappa 'fai da te”: ma perché i politici non frequentano i corsi dell'Anag?

talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

10/02/2014 13:23:28
2) INSERZIONE
sono in possesso di attestato di BREVETTO per modello di utilità n° 000265570 rilasciato dal Ministero dello Sviluppo Economico, Ufficio Italiano Brevetti e Marchi del 30 09 2o10. TITOLO: Dispositivo per velocizzare ed economizzare il processo di distillazione delle vinacce: Ho rinnovato tassa quinquennale il 13.06.2011, tale dispositivo permette di ottenere ottima grappa (analisi metanolo 0,18) in tempi brevissimi circa ore 2, consumi GPL un sesto rispetto a usuali consumi, basato si principi fisici. Cerco contatto con ditte che lavorano contenitori inox per dimostrazioni e sviluppi.
gaetano mancino
pensionato
=========
09/06/2013 23:52:22
1) In Italia si vieta tutto
non lamentiamoci se l'Italia è negli ultimi posti nelle classifiche mondiali.Qui tutto è difficile,perchè fare una cosa semplice quando con un pò di inventiva si può fare complicata,basta leggere le leggi.Qui non si fanno strade,gasificatori,centrali,ferrovie,tutti vogliono il cellulare ma nessuno vuole'lantenna vicino alla propria casa,tutti vogliono tutto ma a pagare siano gli altri.Si potrebbe continuare all'infinito,di esempi ce ne sarebbero a migliaia.In Italia sono vietate cose che in europa sono ammesse,siamo in europa si o no.
manlio lelli
pensionato
privato

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)