ABBONAMENTI
 
Rational
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 18 settembre 2020 | aggiornato alle 19:03 | 67837 articoli in archivio
Castel Firmian
Molino Quaglia

Per i 65enni il diabete dipende dallo stile di vita

Per i 65enni il diabete dipende dallo stile di vita
Per i 65enni il diabete dipende dallo stile di vita
Pubblicato il 28 aprile 2009 | 19:10

Alimentazione corretta, esercizio fiscio e niente fumo: così per i 65enni si può ridurre il rischio del diabete. Lo conferma una ricerca dell'università di Boston che ha studiato per 10 anni un gruppo di pensionati con diversi stili di vita. Con dovute attenzioni si può ridurre dell'89% il rischio

 Alimentazione, attività fisica e altri fattori legati allo stile di vita: ecco che cosa influisce sul rischio di sviluppare il diabete, anche dopo i 65 anni, secondo uno studio americano. «Con l'età, il diabete è comune e quasi interamente prevenibile», sostiene il Dr. Dariush Mozaffarian della Harvard School of Public Health, Boston, che ha diretto lo studio. «Il diabete è fondamentalmente una malattia causata dallo stile di vita».
L'equipe di Mozaffarian ha seguito 4.883 uomini e donne, dai 65 anni in su, per un periodo di 10 anni. All'inizio dello studio, nessuno aveva il diabete. Gli studiosi hanno raccolto i dati tramite un questionario annuale e degli esami fisici e hanno classificato i partecipanti in due gruppi, uno a basso rischio, l'altro ad alto rischio, a seconda del livello di attività fisica, dell'alimentazione seguita, se erano o no fumatori e bevitori, del peso corporeo e della circonferenza vita. Nel corso del follow-up, 337 persone hanno sviluppato il diabete.
In base ai dati raccolti, il rischio di una persona di ammalarsi si riduceva del 35% per ogni fattore legato a uno stile di vita a basso rischio, come scrivono i ricercatori sulla rivista Archives of Internal Medicine. Le persone che facevano parte del gruppo a basso rischio (buon livello di attività fisica, dieta sana, niente fumo, alcol con moderazione) avevano un rischio dell'82% inferiore di ammalarsi di diabete. Se a questi fattori a basso rischio si univano un buon peso forma (Bmi sotto 25) e un giro vita sotto controllo, il rischio era dell'89% più basso. Per questo Mozaffarian conclude che 9 casi su 10 di diabete emersi nel corso dello studio sono stati causati da stili di vita errati e potevano essere evitati. «Si parla tanto dei nuovi farmaci o di ricerca genetica, ma tendiamo a dimenticare che con certe malattie croniche, come il diabete, la cura non è nei farmaci o nei geni, ma nello stile di vita», ha dichiarato lo studioso.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®