Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 11 agosto 2020 | aggiornato alle 15:28| 67169 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     PROFESSIONI     PIZZAIOLI

Sulla pizza è scontro aperto
fra la Fipe e la Coldiretti

Sulla pizza è scontro aperto fra la Fipe e la Coldiretti
Sulla pizza è scontro aperto fra la Fipe e la Coldiretti
Primo Piano del 06 maggio 2009 | 17:43

L'associazione degli agricoltori presenta la sua iniziativa per avere una pizza Doc con prodotti italiani al 100%, ma la federazione dei pubblici esercizi la contesta duramente per invasione di campo. La Fipe polemizza con la Coldiretti e le chiede di occuparsi della qualità degli agriturismi

 La ristorazione e in genere l'alimentazione è da sempre un punto di confine e di incontro fra le attività degli agricoltori, degli artigiani e dei commercianti. Un'area dove gli sconfinamenti sono all'ordine del giorno e i paletti per le competenze non sono sempre chiari. Ne è un esempio la polemica, che ha quasi dell'incredibile, fra la Fipe e la Coldiretti, su chi ha più titoli per parlare della pizza.

L'associazione dei piccoli agricoltori ha presentato oggi a Napoli la sua iniziativa per una pizza Doc (fatta cioè con materie prime di qualità ed italiane), ma la federazione dei pubblici esercizi di Confcommercio l'aveva contestata anticipatamente invitando anzi la Coldiretti, con una dichiarazione del presidente Lino Stoppani, a lasciare perdere la cosa e occuparsi invece della qualità delle produzioni agricole. Una nota che non ha certamente fermato il progetto Coldiretti che ha annunciato altre iniziative, rigirando ai commercianti la responsabilità sui prodotti taroccati in circolazione. Ed ecco, puntuale una nuova nota della Fipe che letteralmente invita la Coldiretti ad occuparsi degli agriturismi. In una nota Edi Sommariva, direttore della Fipe, afferma in particolare che la ristorazione è già certificata. Se ne occupa la nostra organizzazione con i marchi del Bollino Blu e del Ristorante Tipico. E per chi non si accontenta, lo fa anche all'estero con ARDI, l'unica associazione dei veri ristoranti italiani». Peccato, aggiungiamo, che non dica quanti sono questi bollini o marchi in Italia.

Ma Sommariva rincara poi la dose ricordando quali sono ruoli e mestieri degli imprenditori e aggiunge: «l'agricoltura si sta già occupando di gastronomia con gli agriturismi e sono proprio queste le strutture che la Coldiretti deve tenere sotto controllo, nello stesso modo in cui Fipe fa con i ristoranti. Esistono infinite realtà dove il cliente pensa di entrare per mangiare la cucina con i prodotti dell'orto e invece esiste a mala pena un rovo di more. Da dove vengono gli ingredienti usati per preparare quei piatti? Non sempre dalla produzione agricola della struttura di riferimento. Sono altri i campi in cui si può sconfinare a lavorare assieme; uno per esempio è quello delle frodi alimentari».Osservazioni pungenti a cui la Coldiretti replica con più distacco ricordando che la trasparenza sugli ingredienti utilizzati nella preparazione della pizza non deve far paura perché è una opportunità per le imprese e i consumatori che hanno il diritto di conoscere se vengono usate cagliate provenienti dall'est Europa invece della tradizionale mozzarella, pomodoro cinese invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell'extravergine italiano e farina canadese o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale.


Una pizza su due contiene prodotti importati
Una su due contiene ingredienti principali importati dall'estero senza alcuna indicazione per i consumatori che credono di assaporare i prodotti della tradizione Made in Italy mentre viene loro servito un mix di farina, pomodoro, mozzarelle e olio provenienti da migliaia di chilometri di distanza.
è la Coldiretti a presentare a Napoli la prima pizza firmata dagli agricoltori italiani per contrastare l'evidente rischio sulla perdita di originalità del prodotto più amato dagli italiani. Sempre più spesso nelle pizzerie viene servito un prodotto preparato - sottolinea la Coldiretti - con cagliate provenienti dall'est Europa invece della tradizionale mozzarella, pomodoro cinese invece di quello nostrano, olio di oliva tunisino e spagnolo o addirittura olio di semi al posto dell'extravergine italiano e farina canadese o ucraina che sostituisce quella ottenuta dal grano nazionale. In Italia sono stati importati in un anno - spiega la Coldiretti - 500 milioni di chili di extravergine, 86 milioni di chili di cagliate per mozzarelle, 130 milioni di chili di concentrato di pomodoro e 5 miliardi di chili di grano tenero.

Il rischio - sostiene la Coldiretti - è di perdere definitivamente lo storico legame con il territorio di provenienza della pizza che è nata a Napoli a metà del 1700 ed eretta per sempre a vessillo tricolore, con il bianco della mozzarella alla regina di casa Savoia nel 1889.

Oggi la pizza è la parola italiana più conosciuta all'estero con l'8%, seguita dal cappuccino (7%), dagli spaghetti (7%) e dall'espresso (6%), secondo un sondaggio on line della Società Dante Alighieri. In Italia ci sono 25mila pizzerie con 120 mila posti di lavoro e un fatturato di 5 miliardi di euro che è in crescita nonostante la crisi, come conferma - sottolinea la Coldiretti - una recente ricerca Doxa secondo la quale quando si tratta di scegliere qualcosa di 'gustoso', per la pausa pranzo, il 29% degli italiani predilige pasta, ma ben il 26% pizza.

 L'operazione verità della Coldiretti smaschera gli inganni del finto Made in Italy con circa la metà dell'extravergine, delle mozzarelle e della farina utilizzata per la pizza che vengono importate dall'estero mentre il concentrato cinese che entra nelle frontiere italiane è ben il 20% del pomodoro coltivato in Italia. E alle perplessità sull'origine si aggiungono - continua la Coldiretti - quelle sul livello qualitativo considerato che una mozzarella sulle quattro impiegate non viene fatta direttamente dal latte, ma da cagliate importate dall'Est Europa. Una tendenza allo scadimento qualitativo che secondo la Coldiretti è accentuata dalla crisi economica in atto.



La Coldiretti garantisce gli ingredienti della Pizza Doc

Dubbi che vengono completamente fugati dall'arrivo della prima pizza firmata dagli agricoltori, realizzata nell'ambito del progetto della Coldiretti 'una filiera agricola tutta italiana” che garantisce l'origine nazionale di tutti gli ingredienti utilizzati oltre al rispetto del disciplinare per la pizza napoletana Sgt (Specialità tradizione garantita) in corso di riconoscimento da parte dell'Unione Europea che prevede, oltre agli imprescindibili pomodoro, mozzarella di bufala Dop o mozzarella Stg, olio extravergine d'oliva e origano, un diametro non superiore ai 35 centimetri, il bordo rialzato (cornicione) tra 1 e 2 centimetri e una consistenza insieme morbida, elastica e facilmente piegabile 'a libretto”.

Ad assicurare la disponibilità e l'originalità degli ingredienti ci saranno le strutture economiche associate alla Coldiretti che aderiscono al progetto come i Consorzi Agrari italiani che hanno messo in rete i 36 milioni di quintali di cereali di cui dispongono, il Consorzio Interregionale Ortofrutticoli (Cio) che lavora circa un quarto del pomodoro coltivato in Italia, l'Unaprol - Consorzio olivicolo italiano con il 60% della produzione nazionale di olio e i caseifici cooperativi in grado di offrire mozzarella di bufala campana e fiordilatte.


Gli ingredienti italiani costano meno di 2 euro per pizza

ll costo degli ingredienti per la pizza firmata dagli agricoltori  tra farina, lievito, pomodoro, mozzarella ed extravergine di qualità e origine garantita Made in Italy rimane abbondantemente sotto i due euro e non rende dunque necessario alcun ritocco dei listini in pizzeria che dipendono soprattutto da altri fattori (lavoro, affitti, ecc.). A titolo di esempio - conclude la Coldiretti - sette grammi di olio extravergine italiano sulla pizza costano dieci centesimi all'esercente e danno il massimo per digeribilità, sapore e valori nutrizionali rispetto agli altri oli alimentari come  colza, soia, mais, girasole e arachide.



GLI INGANNI NELLA PIZZA 'MADE IN ITALY”

  • IL 50% DELLA FARINA DI GRANO TENERO IMPIEGATA PER LA PIZZA é IMPORTATA;
  • LA METà DELLE BOTTIGLIE DI OLIO DI OLIVA CONSUMATE VIENE DALL'ESTERO
  • LA METà DELLE MOZZARELLE NON A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CHE SONO FATTE CON LATTE O ADDIRITTURA CAGLIATE STRANIERE
  • BEN IL 20% DEL POMODORO IN SCATOLA VENDUTO IN ITALIA è ADDIRITTURA DI PROVENIENZA CINESE.

Fonte: Elaborazioni Coldiretti



 LA PIZZA NAPOLETANA 'DOC” FIRMATA COLDIRETTI
Gli ingredienti: farina di grano tenero italiano, lievito di birra, acqua, pomodori pelati italiani, olio d'oliva extravergine italiano, mozzarella di bufala a denominazione di origine controllata o fiordilatte prodotto con latte italiano, aglio italiano, origano italiano, sale.

L'impasto
: mescolando farina, acqua, sale e lievito si fa un impasto che viene fatto riposare due ore. Se ne ricavano dei panetti, a loro volta fatti lievitare per altre 4-6 ore, che vengono posti su un bancone e lavorati e fatti volteggiare con le mani in modo da formare dei dischi di pasta. Al centro la pizza deve avere uno spessore non superiore a 0,4 centimetri, mentre i bordi, il cosiddetto 'cornicione” devono essere alti 1-2 centimetri.

Il condimento
: la Pizza Napoletana viene condita - precisa la Coldiretti - con 70-100 grammi di pomodori pelati italiani. Si aggiungono sale, origano, uno spicchio di aglio, 80-100 grammi di mozzarella di Bufala campana Dop o di fiordilatte prodotto con latte italiano tagliata a listelli e foglie di basilico fresco. Si distribuiscono quindi sulla superficie della pizza 4-5 grammi di olio extravergine d'oliva prodotto in Italia.

La cottura
: servendosi di una pala di legno la pizza viene fatta scivolare all'interno del forno a legna, riscaldato a 485°C. La pizza viene fatta ruotare verso il fuoco, sollevandone un lembo per verificarne la cottura, che dovrà durare non più di 60-90 secondi.

In tavola
: Al termine della cottura il pomodoro dovrà restare denso e consistente, la mozzarella sarà fusa, mentre il basilico e l'origano svilupperanno un aroma intenso. La Pizza Napoletana 'Doc” firmata dagli agricoltori italiani è così pronta per essere gustata.


Articoli correlati:
Uniti per la pizza 
Il decalogo della buona pizza

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


talia a Tavola alimenti food bevande caffè birra distillati vino salute diete ristorazione aziende attrezzature ristoranti pizzerie bar enoteche hotel SPA agriturismi appuntamenti fiere turismo circoli libri stampa ricette oroscopo enogastronomia territorio ospitalità  horeca

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®