Rotari
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 31 marzo 2020 | aggiornato alle 17:23| 64483 articoli in archivio
Rotari
Rational

NomaSense, il sistema Nomacorc
per dosare l’ossigeno nel vino

NomaSense, il sistema Nomacorc 
per dosare l’ossigeno nel vino
NomaSense, il sistema Nomacorc per dosare l’ossigeno nel vino
Pubblicato il 16 giugno 2015 | 15:17

La giusta dose di ossigeno nel vino è un elemento fondamentale per la buona riuscita del prodotto. È dunque importante misurarlo con precisione durante tutte le fasi della produzione. Per farlo è stato proposto NomaSense

Per la corretta gestione dell’ossigeno non basta scegliere la chiusura più adatta al prodotto, ma è necessario controllare il vino lungo i passaggi di trasformazione. Un’operazione possibile grazie a uno strumento come il NomaSense, capace di coniugare un alto tasso di precisione con la comodità e la maneggevolezza viste le dimensioni ridotte rispetto ad altri analizzatori. L’innovazione viene dunque in aiuto all’esigenze delle aziende, attraverso sistemi innovativi di misurazione frutto delle ricerche del team enologico di Nomacorc. Quanto ossigeno serve per fare grande un vino? La ricetta prova a darla Nomacorc, dalle pagine del suo blog (in diverse lingue, anche italiano), uno strumento sempre più operativo per produttori e enologi.



È Maurizio Ugliano, ricercatore del reparto enologico di Nomacorc, a suggerire un valore per l’imbottigliamento e uno per il termine del processo. Per la prima fase, in particolare, il dato di riferimento è 2 milligrammi per litro, una quantità in grado di dare ottimi risultati con quasi tutti i prodotti. Ovvio che poi sarà compito degli enologi dosare ad arte la presenza dell’ossigeno in modo da indirizzare al meglio l’evoluzione e le caratteristiche dei prodotti.

L'accumulo di ossigeno, infatti, si verifica in molti momenti e luoghi diversi all'interno dell'azienda vinicola, nei contenitori per la pigiatura, quando si stappa una botte di vino in fase di invecchiamento o durante lo svinamento e il pompaggio. Più si è avanti con il processo di vinificazione, maggiore è la cautela da esercitare. Nelle ultime fasi, un'introduzione eccessiva di ossigeno diventa più pericolosa, in particolare per i vini bianchi. In alcuni casi può avere effetti benefici, in altri no. Molto dipende dal vino stesso e dallo stile di vinificazione.

La parola chiave, per avere successo, è gestione. Nella realtà quotidiana delle attività di vinificazione, infatti, la perfezione può non essere perseguibile, ma l'uniformità può rivelarsi persino più importante. «L'obiettivo è cercare di ridurre i fattori casuali», ha dichiarato Maurizio Ugliano. «Avere una pompa non più perfettamente ermetica, esserne consapevoli e cercare di gestirla con attenzione è come disporre dell'attrezzatura perfetta senza attenersi agli standard stabiliti a causa di una gestione non adeguatamente attenta, o forse è anche meglio».


Nomacorc Italia
via Luigi Dalla Via 3/B/6 - Centro Direzionale Summano
Torre A - Piano 5° - 36015 Schio (Vi)
Tel 0445 1656521 - Fax 0445 1656136
it.nomacorc.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Nomasense Nomacorc dosaggio ossigeno vino

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Surl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®