Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 23 aprile 2024  | aggiornato alle 13:27 | 104758 articoli pubblicati

Overtourism: l'Italia verso il numero chiuso? E la Francia "caccia" i turisti

Sempre più località costiere italiane stanno adottando delle misure per diminuire il flusso massivo di turisti. Un percorso intrapreso anche dalla Francia, che a breve potrebbe introdurre una legge nazionale per incoraggiare i visitatori ad adottare nuovi criteri di scelta per la loro destinazione e soprattutto per le date del viaggio

20 giugno 2023 | 11:35
Overtourism: l'Italia verso il numero chiuso? E la Francia
Overtourism: l'Italia verso il numero chiuso? E la Francia

Overtourism: l'Italia verso il numero chiuso? E la Francia "caccia" i turisti

Sempre più località costiere italiane stanno adottando delle misure per diminuire il flusso massivo di turisti. Un percorso intrapreso anche dalla Francia, che a breve potrebbe introdurre una legge nazionale per incoraggiare i visitatori ad adottare nuovi criteri di scelta per la loro destinazione e soprattutto per le date del viaggio

20 giugno 2023 | 11:35
 

Le previsioni sono state superate dalla realtà. In Italia, infatti, ormai sempre più località costiere, tra spiagge e calette, stanno stringendo la mano al numero chiuso, contingentando gli accessi dei turisti e favorendo il relax e il benessere dei primi acquirenti dei ticket di prenotazione. Dopo la chiusura per quasi due anni a causa dello scoppio della pandemia, tra la gente è esplosa la voglia di svago, in particolare nei luoghi all’area aperta, ma serve equilibrio: ridurre il flusso massivo di visitatori significa sostenibilità, in tutti i sensi possibili. Un percorso che sta intraprendendo anche la Francia, il paese più visitato al mondo, che a breve potrebbe anche introdurre una legge per limitare gli accessi nei luoghi più gettonati e incentivare così i tour alternativi.

Turismo, in Italia i pionieri del numero chiuso sono i sindaci della Sardegna

Si sa che la Sardegna è una, se non “la”, meta preferita dagli italiani per prendersi una pausa dalla frenesia della quotidianità, ma è stata anche la prima regione, grazie all’intervento dei suoi sindaci, a blindare alcune delle località più frequentate: come, per esempio, la costa di Baunei (eletta di recente come “Mare più bello d’Italia), Stintino (con la spiaggia La Pelosa), Lu Impisti, Brandichini, San Teodoro, Cala Coticcio e la spiaggia del Cavaliere nell’arcipelago della Maddalena e anche Cala Gabbiani. Hanno seguito a ruota, poi, altre zone d’Italia gettonate come Sestri Levante in Liguria, alcune spiagge sul Gargano sull’Adriatico, a Posillipo in Campania e zone della Riviera del Conero nell’Anconetano. Ma sono attese altre decisioni nel corso dell’estate.

Overtourism: l'Italia verso il numero chiuso? E la Francia

Sempre più località costiere italiane verso il numero chiuso

La Francia ferma i turisti e incentiva i tour alternativi

Nel frattempo, i nostri cugini francesi si stanno attivando con "più forza" per limitare gli accessi in alcune zone preferite dai visitatori, arrivando persino a bloccarli - come successo lo scorso 19 maggio a Mont Saint-Michel, dove le autorità hanno allontanato i turisti invitandoli a tornare un’altra volta. Ma anche cercando di farli virare su altre destinazioni meno gettonate con l’individuazione e l’inserimento di una quarantina di tour alternativi.

Bindi

E per farlo, il governo sta istituendo un osservatorio che monitora la situazione delle località turistiche, analizzandone i flussi e identificandone i momenti di crisi. Poi, da marzo 2024, verrà lanciata una campagna da un milione di euro per incoraggiare i turisti ad adottare nuovi criteri di scelta per la loro destinazione e soprattutto per le date del viaggio, incentivando a visitare il paese in tutte e quattro le stagioni dell’anno.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Vini Alto Adige
Senna
Siggi
Di Marco
Union Camere

Vini Alto Adige
Senna
Siggi

Di Marco
Festival Brodetto 2024
Schar