Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 20 luglio 2024  | aggiornato alle 03:46 | 106587 articoli pubblicati

Bufala Campana
Bufala Campana

Bar, niente aperitivo d'asporto? A Bari e Trento scoppia la protesta dei gestori

L'ipotesi in vista del nuovo decreto è che anche in zona gialla ai bar venga impedito di fare servizio d'asporto. Gli imprenditori sono scesi in piazza chiedendo ai Prefetti di intervenire per poter lavorare. A Trento la protesta è stata indetta dalla Fipe: «Tante promesse, ma il momento di aprire non è ancora arrivato. Per noi difficile andare avanti».

11 gennaio 2021 | 13:00
Bar, niente aperitivo d'asporto? A Bari e Trento scoppia la protesta dei gestori
Bar, niente aperitivo d'asporto? A Bari e Trento scoppia la protesta dei gestori

Bar, niente aperitivo d'asporto? A Bari e Trento scoppia la protesta dei gestori

L'ipotesi in vista del nuovo decreto è che anche in zona gialla ai bar venga impedito di fare servizio d'asporto. Gli imprenditori sono scesi in piazza chiedendo ai Prefetti di intervenire per poter lavorare. A Trento la protesta è stata indetta dalla Fipe: «Tante promesse, ma il momento di aprire non è ancora arrivato. Per noi difficile andare avanti».

11 gennaio 2021 | 13:00
 

Stop anche all’asporto dopo le 18? Via alla protesta. Neanche il tempo di prendere forma che l’ipotesi avanzata dal Governo per il prossimo Dpcm ha fatto infuriare i baristi. Al di là del vociferare contrario - e come potrebbe essere altrimenti - in tutta Italia ora si è già passati alle manifestazioni di protesta in piazza. Trento e Bari sono state le prime ad organizzarsi.

La protesta di Trento - Bar, niente aperitivo d'asporto? Scoppia la protesta dei gestori

La protesta di Trento (fonte: Ansa)

L'ipotesi: niente asporto dopo le 18
Piccolo passo per chiarire lo scenario: il principio che ispirerà le nuove misure sarà quello di andare verso una zona gialla rinforzata. Sarebbe dunque vietato l'asporto di cibi e bevande dai bar dopo le 18 per evitare gli aperitivi improvvisati in strada. La certezza è che saranno confermati i weekend arancioni anche nelle regioni gialle (come accaduto questo sabato e domenica) con la libertà di muoversi all'interno del proprio comune e della propria regione: negozi aperti, ma bar e ristoranti chiusi. Resterebbe il coprifuoco alle 22, ma verrebbe introdotta la zona bianca in cui l'unica restrizione consisterà nel portare la mascherina e mantenere le distanze. Inoltre stop anche agli spostamenti tra regioni gialle (servirà un decreto ad hoc per confermare questo divieto alla mobilità).

A Trento 250 imprenditori in Prefettura
Come detto, a Trento non si perso tempo. I grembiuli bianchi di esercenti e ristoratori sono stati chiamati a raccolta da Fipe-Confcommercio (col supporto di Fiepet - Confesercenti e Associazione dei pubblici esercizi del Trentino) e hanno protestato in 250 al parcheggio ex Zuffo con le loro auto; si sono poi mossi in corteo fino al Commissariato del Governo, dove dopo un breve momento di confronto con il prefetto Sandro Lombardi. Questi ha incontrato all'esterno dell'edificio i manifestanti che hanno consegnato simbolicamente i loro grembiuli in segno di protesta per la situazione di stallo creatasi, con orari ristretti e penalizzanti, obblighi e divieti.

«La nostra categoria conta in Trentino 3.500 aziende, che con responsabilità e investimenti hanno affrontato la pandemia cercando di rendere sicuri il più possibile i nostri luoghi», dice Marco Fontanari, presidente provinciale Fipe. «Ad oggi dopo tante promesse di riapertura e tanti sacrifici il momento di ripartire non è ancora arrivato. Per noi diventa veramente difficile andare avanti se non ci viene permesso il lavoro quotidiano. A fronte dell'impossibilità di lavorare ci aspettiamo che lo Stato ci aiuti, qualcosa è arrivato ma non in maniera sufficiente e nei tempi necessari per dare dignità di vita a imprenditori e lavoratori. Vogliamo riaprire, per dignità ma anche per un sacrosanto diritto sancito dalla Costituzione, che è quello del lavoro».

Il Commissario del Governo Sandro Lombardi ha detto: «Il vostro documento e la mia relazione verranno inviati già in mattinata ai ministeri competenti affinché venga fatto un focus sulla situazione della vostra categoria, che è penalizzata al massimo. Chiedo di stringere i denti, è il momento della compattezza e dell'unità, cerchiamo di affrontare i mesi che verranno insieme, con determinazione e orgoglio».

La protesta di Bari - Bar, niente aperitivo d'asporto? Scoppia la protesta dei gestori
La protesta di Bari (fonte: Ansa)

Anche a Bari chiesto un incontro con il Prefetto
Da Trento a Bari dove è stata imbandita una tavola con piatti, bicchieri e posate al centro di piazza della Libertà, davanti al palazzo della Prefettura, per chiedere «risposte e ristori immediati». «Cominciamo oggi un presidio a oltranza in un luogo simbolico che abbiamo scelto come punto di incontro», spiega Gianni Del Mastro, storico portavoce degli esercenti.

«Chiediamo di essere ascoltati, di essere ricevuti dalla prefetta perché si faccia portavoce con il Governo della nostra disperazione. Dicembre è stato un mese terribile e se non arrivano aiuti a gennaio la metà delle nostre attività chiuderà e fallirà». Davanti alla tavola apparecchiata hanno posizionato uno striscione con la scritta: “Se falliamo noi, fallite voi. La ristorazione va tutelata”. Per i prossimi giorni annunciano presidi a oltranza e uno sciopero della fame.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       



Debic
Sartori

Icam Professionale
Schar
Longarone Fiere