Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 14 novembre 2019 | aggiornato alle 05:42| 61996 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     ACQUA e ANALCOLICI

La sfida del Gruppo San Pellegrino
Obiettivo 35% di Pet entro il 2025

La sfida del Gruppo San Pellegrino 
Obiettivo 35% di Pet entro il 2025
La sfida del Gruppo San Pellegrino Obiettivo 35% di Pet entro il 2025
Pubblicato il 09 ottobre 2019 | 14:54

La necessità di ridurre le emissioni, di vivere e lavorare in modo sostenibile e di arginare gli sprechi sono temi caldi che devono vedere protagonisti anche i grandi colossi del food&beverage.

Il Gruppo San Pellegrino, che ha nell’acqua minerale il suo core business, è il simbolo di un’attività che fa della sostenibilità e della cura di un bene così prezioso. Un colosso di portata internazionale che non può che fare da esempio un po’ per tutti e che sta lavorando per migliorare sempre di più in tema di sostenibilità.

Il Gruppo San Pellegrino lavora in chiave sostenibilita (Gruppo San Pellegrino Obiettivo 35% di Pet entro il 2025)
Il Gruppo San Pellegrino lavora in chiave sostenibilità

Se sull’acqua in sé poco si può fare perché l’imbottigliamento avviene alla fonte senza alcun tipo di trattamento - da qui il concetto di acqua minerale - e pure sugli stabilimenti che già lavorano anche ad emissioni zero e riducendo all’osso l’utilizzo di acqua nei procedimenti, si può invece intervenire sui contenitori, sulle bottiglie.

«Per il Gruppo San Pellegrino - ha spiegato Prisca Peroni, responsabile comunicazione, a margine dell'evento 'Nnumari - la sostenibilità è una priorità. Per sostenibilità noi intendiamo la creazione di un valore condiviso da tutti gli attori che abitano su questo pianeta. Il nostro impegno è rivolto agli individui ai quali ci rivolgiamo soprattutto con l’intento di formarli su una corretta idratazione; è rivolto alla cura delle comunità dove noi operiamo con i nostri stabilimenti e quindi ai territori preservandoli il più possibile; in ultimo c’è il rispetto dell’ambiente come valore assoluto e che passa attraverso azioni concrete che si manifestano nei nostri stabilimenti, alcuni dei quali lavorano ad emissioni zero».

Prisca Peroni (Gruppo San Pellegrino Obiettivo 35% di Pet entro il 2025)
Prisca Peroni

Quindi, il capitolo delle bottiglie, dei contenitori, spesso messi sotto accusa e sui quali - come anticipato - può avvenire il grosso dei “tagli” in funzione ecologica.

«Nel nostro Gruppo - osserva Peroni - la plastica non pesa in grandi quantità perché siamo nell’ordine del 50% se consideriamo che il 30% delle nostre bottiglie è in vetro è il restante 20% in alluminio. Detto questo stiamo lavorando a livello di ricerca per trovare altri contenitori per il futuro come la bio-plastica o la plastica riciclabile. Abbiamo l'obiettivo di arrivare ad avere il 35% di plastica riciclata (Pet) entro il 2025 in tutte le nostre bottiglie, con alcune marche che arriveranno al 50%, il massimo consentito dalla legge».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


acqua analcolico gruppo san pellegrino san pellegrino acqua minerale pet plastica vetro alluminio emissioni sostenibilita pet Prisca Peroni

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).