Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 21 novembre 2019 | aggiornato alle 12:27| 62154 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     SPIRITS
di Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
Guido Gabaldi
di Guido Gabaldi

Rum&Whisky Day
Cresce il pubblico di appassionati

Rum&Whisky Day 
Cresce il pubblico di appassionati
Rum&Whisky Day Cresce il pubblico di appassionati
Pubblicato il 30 ottobre 2018 | 15:44

Si era partiti col Rum Day 5 anni fa, a Milano, e ora ci si ritrova qualcosa di leggermente diverso. L’edizione del “Rum&Whisky Day” ha avuto ancora come protagonista il distillato dei pirati ma accompagnato dal whisky.

Il rum un giovanotto con cinquecento anni di storia da raccontare. Il whisky, l’altro compagno di meditazioni e serate al bar, osannato ai quattro angoli del globo. Sia come lo intendono i capostipiti scozzesi e gli allievi giapponesi (scotch), ma senza trascurare gli orgogliosi irlandesi (whiskey) e i riformatori americani (bourbon, rye).

(Rum&Whisky Day Cresce il pubblico di appassionati)

E per allargare ancor più i confini, quest’anno anche la grappa ha rivendicato i suoi spazi nel “Rum&Whisky Day”, al punto da tener banco nell’ambito di un tasting guidato da Fulvio Piccinino a fianco dei suoi più famosi cugini, rum e whisky: tutti distillati, ma provenienti da materie prime diverse, e accomunati dal comune destino dell’invecchiamento in botte.

Il programma della due giorni ha poi esposto in cartellone numerosi seminari, degustazioni e mixing show, diretti sia ai professionisti della sala da bar sia ai sempre più numerosi spirit lovers. Domenica ha proposto Leonardo Leuci, Miscelazione tropicale: Cuba vs. Jamaica; Luca Cinalli, Cioccolato: tra rum e whisky; Marco Graziano, Rum agricole, fra storia e degustazione; Daniele Biondi e Angelo Canessa,  New Colors - I nuovi colori della mixology; Francesco Mattonetti,  Degustazione West Indies Dark Rum 1948; Antonio Parlapiano, Fasce climatiche dell’invecchiamento tra rum e whisky.Lunedì è stato il turno  di David Bermudez, La storia del Rum Cubano da 1862 ad oggi; Jimmy Bertazzoli, Cachaça e invecchiamento: legni autoctoni a confronto; Leonardo Leuci, Fatti e misfatti della miscelazione a base Rum e Whisky negli anni ‘90; Daniele Biondi,  La fine dell’era coloniale: uno spaccato di storia del rum; Marco Pierini, Quattro passi tra le Botti; Agostino Perrone e Giorgio Bargiani, Barley and sugarcane are not the same;  Elis Carriero, Exotic Infusions – Un viaggio nel mondo della miscelazione tropicale; Dario Comini, La soprafusione e altre tecniche moderne al bar.

Angelo Canessa (Rum&Whisky Day Cresce il pubblico di appassionati)
Angelo Canessa

C’è di che farsi una cultura, quindi, per chiunque voglia avvicinarsi a questo mondo ricco di fascino e di storia in modo maturo, senza cercare la bevuta facile o lo sballo occasionale.  Me lo conferma anche Angelo Canessa, mixology manager di Velier, storico distributore genovese di vini e distillati di qualità.

«La strategia di Velier - spiega Canessa - prevede di introdurre gradualmente, nel mercato italiano, prodotti poco noti al pubblico o non adeguatamente valorizzati. Quest’anno è il turno della Giamaica col suo Hampden rum nella versione 60 gradi overproof (cioè ad alta concentrazione di alcol), e nella 46 gradi. Grande carattere e personalità sia nell’uno che nell’altro, ma anche assoluta naturalità: un punto d’orgoglio della piccola distilleria Hampden è l’assenza di qualsiasi additivo nei loro prodotti. Che si prestano magnificamente anche alla miscelazione, se il barman che li usa possiede la tecnica per esaltare i profumi e le sfumature di un distillato di spessore, che non va annegato tra gli agrumi e le essenze, ma adeguatamente accompagnato e diluito con le giuste “spinte”: l’obiettivo è ottenere un cocktail che non mortifichi le sue basi, ma le renda ancor più presenti».

Luca Cinalli (Rum&Whisky Day Cresce il pubblico di appassionati)
Luca Cinalli

Proprio come accade con l’Hampden Daiquiri preparatomi da Angelo Canessa, dove il precario equilibrio raggiunto fra succo di lime, sciroppo di zucchero e distillato riesce a soddisfare sia il bevitore sofisticato sia il mix-addicted; sempre che quest’ultimo non si sia già bruciato il palato con la miriade di prodotti  senz’anima che il mercato promuove in continuazione (purtroppo).

E per chi invece ami il rum in purezza, cosa ha in serbo Velier?
Andremo avanti sulla strada intrapresa cercando di far conoscere al grande pubblico la raffinatezza ed espressività dei migliori distillati, ottenuti al di fuori di una logica puramente industriale e di profitto. Per far questo ci rivolgeremo sempre di più alla ristorazione medio-alta, perché è inconcepibile che il gourmet italiano, che di vino e cibo comincia davvero a capirne, debba concludere il pasto con un rum/whisky mediocre. I maître, i sommelier, gli chef saranno i nostri alleati, quelli che devono far passare il messaggio del bere di qualità: io stesso mi sto impegnando ad andare sul campo, ogni settimana, per meglio spiegare l’importanza dell’argomento a chiunque abbia un minimo di cultura gastronomica.

Tornando ora al grande tema dei cocktail, gli appassionati del genere hanno avuto l’opportunità di vedere all’opera, nel corso di un mixing show, il notissimo bartender Luca Cinalli, abruzzese trapiantato a Londra. Il profeta dello shaker ha spiegato ed elaborato in diretta due delle sue creazioni, pronte per essere servite al pubblico festivo-natalizio, magari in occasione di una serata informale post-shopping. Il Puppet è stato il primo è più impegnativo dei due drink “cioccolatosi” presentati: una shakerata di whisky, bourbon, amaro Lucano, gianduia e olio al tartufo, in cui la nota aromatica di questo fungo ipogeo era presente fin quasi all’invadenza. Spettacolare, d’altro canto, il risultato ottenuto col secondo mix, il Mr. Claps, a base di rum agricolo, amaro Lucano, anisetta, acqua tonica, arrope de Chanar, pinoli di Araucaria, farina ai funghi ...  un gusto impareggiabile, speziato e delicatamente complesso, e sapeva pure di cioccolato, senza averlo incluso negli ingredienti.

(Rum&Whisky Day Cresce il pubblico di appassionati)

Si può dire, allora, che questa edizione del Rum&Whisky Day, qui a Milano, è stata la quinta tappa obbligata per tutti gli amanti del bere creativo e classico, due anime distinte che a volte convivono nella stessa persona e non si negano a vicenda: a patto che le materie prime e l’ispirazione di chi distilla s’incontrino su un piano d’eccellenza per offrire, anno dopo anno, sempre un pizzico di qualità in più agli amanti del vasto, meraviglioso e colorato mondo del rum e del whisky.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


distillato spirits The RumWhisky Day grappa Milano evento masterclass mixology cocktail

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).