Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e ospitalità
venerdì 17 agosto 2018 | aggiornato alle 08:56 | 55237 articoli in archivio
HOME     BEVANDE     SPIRITS
di Lucio Tordini
di Lucio Tordini

Roner, una tradizione nei distillati
Ora si punta alla mixology con rum e gin

Pubblicato il 12 giugno 2018 | 16:57



Grappe, distillati ma anche gin e rum: il mercato di Roner si amplia sempre di più, sempre portando con sé un'esperienza, frutto di una tradizione che dura da ormai tre generazioni.

Era infatti il 1946 quando Gottfried Roner iniziò a distillare. L'azienda cominciò dalle grappe, per poi specializzarsi in liquori come quello alla genziana, al ginepro o al mirtillo. Nel 1965 fu costruita una nuova distilleria di grappa, e nel '72 se ne aggiunse una di frutta.

(Roner, una tradizione nei distillati Ora si punta alla mixology con rum e gin)

Dopo due generazioni, toccò alla terza: nel 2007 Karin Roner raccolse il testimone ed accettò la sfida di diventare amministratore delegato (una sfida ben riuscita se si considera che nel 2010 vinse il premio Distillatore dell'anno). «Devo dire che sono contenta - ha spiegato Karin Roner durante Vinitaly 2018 - dell'andamento degli ultimi anni e, visto come è iniziato l'anno corrente, non ci rimane che continuare per questa strada».

Karin Roner (Roner, una tradizione nei distillati Ora si punta alla mixology con rum e gin)
Karin Roner

La strada di cui parla l'ad di Roner Distillerie è un consolidamento di prodotti che sul mercato già stanno avendo un ottimo successo, come ad esempio l'acquavite di pere Williams, e dall'altra parte l'ampliamento della propria gamma, con l'introduzione di nuovi prodotti: «Abbiamo una nuova gamma di gin, di rum e di Vermouth che ci danno grandi soddisfazioni».

(Roner, una tradizione nei distillati Ora si punta alla mixology con rum e gin)

Così facendo Roner si apre al mondo della mixology, «un canale dal grande potenziale, un mercato capace di offrire grandi possibilità ai nostri prodotti».

(Roner, una tradizione nei distillati Ora si punta alla mixology con rum e gin)

Ad attribuire un carattere distintivo ai prodotti Roner è indubbiamente il territorio di produzione: l'Alto Adige. «Abbiamo un clima molto particolare: da una parte è quasi mediterraneo, con sole e pianura; dall'altra, vicinissime alla distilleria, a circa 2 chilometri, le montagne. Contribuiscono sbalzi di temperatura molto intensi tra notte e giorno».

Per informazioni: www.roner.com

Roner Roner Distillerie distillato acquavite grappa rum gin mixology mercato produzione Vinitaly spirit Alto Adige Karin Roner


ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >

ARTICOLI RECENTI
Loading...


COMMENTA
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

Tomatopiu
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Edizioni Contatto Srl
via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg)
P.IVA 02990040160
Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548