Ros Forniture Alberghiere
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 07 dicembre 2019 | aggiornato alle 13:30| 62458 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     SPIRITS

Dazi sui liquori, allarme di Federvini
«A rischio un centinaio di aziende»

Dazi sui liquori, allarme di Federvini 
«A rischio un centinaio di  aziende»
Dazi sui liquori, allarme di Federvini «A rischio un centinaio di aziende»
Primo Piano del 09 ottobre 2019 | 12:55

Secondo l’associazione, i rincari applicati ai prodotti italiani farebbero perdere oltre un terzo del valore dell’export mettendo in pericolo l'attività di tante imprese e il posto di lavoro di alcune migliaia di persone. Il mercato statunitense è il secondo, dopo quello tedesco, con una crescita di circa il 40% negli ultimi cinque anni.

I dazi statunitensi che scatteranno con ogni probabilità intorno al 18 ottobre potrebbero mettere a rischio un altro settore, oltre a quello dell'agroalimentare. Parliamo delle imprese che producono liquori e cordiali, un comparto che rappresenta un fiore all’occhiello del ‘saper fare’ italiano, tra i più apprezzati e longevi della nostra produzione alimentare e tra i massimi contribuenti alla fiscalità del nostro Paese con oltre 630 milioni di euro versati all’erario solo nel 2018.

I rincari potrebbero ridurre fino al 35% del valore dell'export (Dazi sui liquori, allarme di Federvini «A rischio un centinaio di  aziende»)
I rincari potrebbero ridurre fino al 35% del valore dell'export

I rincari, che comporteranno una perdita secca di valore export pari ad almeno il 35% provocheranno danno soprattutto alle piccole e alle medie imprese italiane che negli ultimi anni hanno investito ingenti risorse nell’export, in particolare sul mercato americano. Si tratta di circa cento aziende, presenti su tutto il territorio nazionale - da Nord a Sud - concentrate principalmente nei territori dei quali costituiscono spesso un rilevante polo di creazione di sviluppo, anche per quello che riguarda l’indotto.

Gli Stati Uniti rappresentano il secondo mercato di destinazione, dopo la Germania, con una crescita negli ultimi 5 anni di quasi il 40% a valore. Basti pensare che solo dal 2017 al 2018 abbiamo assistito a un incremento del 13%, con una quota di mercato di oltre il 16% dietro a Irlanda e Francia. Il dazio del 25% andrà ad interessare un valore di quasi 163 milioni di dollari, con una incidenza per singola bottiglia pari, secondo le prime stime, a circa 2/2,5 dollari che potrebbero tranquillamente raddoppiare considerando i vari passaggi da importatore a distributore e venditore.

«Stiamo parlando - dichiara Micaela Pallini, presidente del Gruppo Spiriti - di una perdita enorme per il settore della liquoreria italiana: alla riduzione del 35% del valore, già di per sé molto grave, si aggiunge il timore che in diversi casi può essere pregiudicata la sopravvivenza dell’azienda in quanto sia il mercato interno, sia eventuali nuovi mercati, non possono garantire immediatamente l’attività di impresa. Inoltre, il settore si troverebbe in una condizione di svantaggio competitivo di grande impatto perché sullo scaffale americano aumenteranno i prodotti locali o di altri paesi non colpiti da dazi con denominazioni evocative del prodotto italiano e tutto questo avverrebbe senza poter neppure intervenire».

Il presidente del Gruppo Spiriti chiede dunque un intervento delle istituzioni nazionali ed europee per «difendere e preservare un settore molto rilevante che rappresenta Aziende storiche di lunga tradizione».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


distillato spirits Dazi liquori allarme Federvini alcol cordiali gruppo spiriti Micaela Pallini

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).