Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 11 dicembre 2019 | aggiornato alle 02:20| 62496 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

Vino e distillati, i Millennial
sono consumatori più consapevoli?

Vino e distillati, i Millennial 
sono consumatori più consapevoli?
Vino e distillati, i Millennial sono consumatori più consapevoli?
Pubblicato il 25 gennaio 2018 | 16:05

I Millennial preferiscono le esperienze ai prodotti. Questo è il mantra che si ripete in tutti gli uffici marketing.

Il target demografico degli individui nati nel ventennio 1982-2002 è, infatti, oggetto di studio privilegiato da parte di tutti quegli analisti che cercano di decifrarne gusti e comportamenti. Non sempre gli esperti sono d’accordo, ma su una cosa nessuno ha più dubbi: i giovani adulti di oggi hanno cambiato abitudini di consumo rispetto ai loro genitori (Baby Boomer), ma anche rispetto ai loro fratelli maggiori (Generazione X).

(Vino e distillati, i Millennial sono consumatori più consapevoli?)

Capire i Millennial non è un’impresa facile, poiché sfuggono alle categorizzazioni tradizionali e sono molto consapevoli delle modalità in cui i prodotti vengono loro proposti dai brand. Da un punto di vista generale, pongono maggiore attenzione alla salute e ricercano uno stile di vita equilibrato e sostenibile. L’eccesso fine a se stesso sta passando di moda.

Nei loro consumi vince, piuttosto, la ricerca di prodotti autentici e preferibilmente biologici. Il consumismo dei Millennial è meno bulimico di quello delle generazioni precedenti e sembra che diano più importanza alla valenza identitaria di quello che aquistano. Esperienze, invece di prodotti, dicevamo: ma che cosa significa tutto questo per chi si occupa di produrre e vendere vino?

Secondo IWSR, uno dei più importanti centri per l'analisi di mercato nel settore degli alcolici, per il secondo anno consecutivo il consumo di alcolici negli USA è in leggero calo (-0,2%). A calare, tuttavia, sono i prodotti più economici volti a un consumo di massa. In crescita, invece, il settore del vino e dei distillati, che registrano, rispettivamente, un miglioramento dell’1,3% e 2,3%. Particolare successo è stato riscosso dal prosecco, che cresce con uno sbalorditivo +23%. I dati americani ci dicono, in sintesi, che si beve un po’ meno, ma si beve meglio. Se come di solito accade, gli Stati Uniti anticipano le tendenze che poi si verificano anche da noi, il messaggio ai nostri produttori è forte e chiaro: la qualità paga.

(Vino e distillati, i Millennial sono consumatori più consapevoli?)

Dello stesso parere è anche il Wine Management Lab della Bocconi, che ha recentemente sottolineato come il vino sia un merceologico caratterizzato da una valenza simbolica elevata, per cui non sono per forza determinanti le classiche dinamiche tra prezzo e qualità. La domanda giusta da porsi diventa "come si vende il vino?" e non "quanto va prezzata la bottiglia?". Se le dinamiche commerciali si fanno più complesse e sfaccettate, chi produce vini di qualità ha un indubbio vantaggio competitivo.

E per quanto riguarda la distribuzione e la vendita? Grazie alla nuova attenzione alla qualità e a un’esperienza di degustazione che valorizzi il prodotto in tutte le sue sfumature, le enoteche si presentano come un vero e proprio punto di riferimento. La partita della ristorazione locale viene vinta da coloro che sanno raccontare meglio i prodotti che propongono perché, come abbiamo visto, il prezzo non è tutto in questo settore. Un grande ruolo in questa partita lo giocano anche gli store virtuali come l’enoteca online Bibentes. Il commercio elettronico è, infatti, l’ambiente naturale dove i nativi digitali si muovono con sicurezza e disinvoltura. L’assenza di mura fisiche e limiti geografici permette di concentrarsi su schede prodotto raffinate in grado di accompagnare il cliente all’acquisto fornendogli le corrette informazioni e collocando i prodotti e le loro caratteristiche nel giusto contesto.

La posizione più debole, sul lato della produzione, è quella di chi propone vino economico destinato a un consumo non consapevole, mentre, dalla parte di chi vende, vedremo se la grande distribuzione saprà adattarsi a queste nuove tendenze. Il mercato negli ultimi anni è indubbiamente cambiato, ma per il vino è un momento favorevole, perché rappresenta il tipico merceologico ad alto valore aggiunto in grado di regalare quell’esperienza a 360 gradi tanto amata e cercata dalle nuove generazioni.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Millennial vino distillati consumi beverage target grande distribuzione enoteca Bibentes

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).