Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 12 dicembre 2019 | aggiornato alle 16:23| 62536 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BEVANDE     TENDENZE e MERCATO

L'ira di Assobibe: «Sugar Tax
anche su bevande senza zucchero»

L'ira di Assobibe: «Sugar Tax 
anche su bevande senza zucchero»
L'ira di Assobibe: «Sugar Tax anche su bevande senza zucchero»
Primo Piano del 05 novembre 2019 | 17:52

Il testo della manovra ha svelato i contenuti della norma che impone il balzello sulle bibite. Si tratta di una tassa di 10 centesimi al litro solo per alcune bevande dolci, anche con edulcoranti. L’associazione di Confindustria prospetta un calo delle vendite di circa il 10% e soprattutto una perdita di 4.700 posti di lavoro.

Dalla lettura del testo della Legge di Bilancio 2020 approdato al Senato, emergono i contenuti della tassa sulle bevande, dopo mesi di dichiarazioni alla stampa di rappresentanti del Governo che continuano a giustificarla come soluzione per la salute. Ma il testo effettivamente approvato dal Consiglio dei Ministri smentisce questa lettura. A dichiararlo è Assobibe, l’associazione di Confindustria delle imprese che producono e vendono bevande analcoliche in Italia.

La Sugar Tax colpirà anche bevande senza zucchero (L'ira di Assobibe: «Sugar Tax anche su bevande senza zucchero»)
La Sugar Tax colpirà anche bevande senza zucchero

La tassa, infatti, non riguarderebbe il consumo di zucchero in Italia, né quello di alimenti e bevande dolci. «Quindi, non chiamiamola più, impropriamente, “sugar tax” - dice Assobibe in una nota - è invece una tassa di 10 cent/litro solo per alcune bevande dolci, quali aranciate, chinotti, cedrate, gassose, cole, aperitivi analcolici e altri prodotti non alcolici». Sul tema è intervenuto anche il direttore generale di Assobibe, David Dabiankov: «A conferma delle contraddizioni insite nella proposta - ha detto - l’intenzione del Governo è quella di tassare anche le versioni senza zuccheri e calorie che impiegano edulcoranti. Viene così mortificata l’attività delle aziende svolta con il Ministero della Salute e che ha portato a innovare i prodotti, aumentare del 41% l’offerta “senza zucchero e calorie” e tagliare del 20% lo zucchero venduto tramite bibite negli ultimi anni».

La tassa, ricorda Dabiankov, mira a colpire il lavoro di imprese che operano in Italia e che hanno sofferto un calo di vendite del 25% negli ultimi 10 anni: aziende piccole, medie e grandi che danno lavoro a una filiera di 80.000 persone e con 100 stabilimenti produttivi distribuiti su tutto il territorio.

«Forse dietro la discriminatoria scelta del Governo - ha aggiunto -  si nasconde la scarsa consapevolezza dei numeri: i tassi di obesità infantile in Italia continuano a preoccupare e le vendite di bevande zuccherate sono in calo da anni. Le premesse elettorali irrealizzabili o i pregiudizi ideologici di alcuni non possono però mettere a rischio imprese, lavoratori e loro famiglie. Dopo il blocco degli investimenti e delle nuove assunzioni già adottato dalle imprese a causa di queste incertezze, serve la giusta attenzione delle forze politiche per evitare danni irreparabili. Le conseguenze della tassa sulla “dolcezza” decisa dal Governo sono stimabili in un calo del 10% volumi e conseguente perdita di 4.700 posti di lavoro. Un boccone amaro per tutta la filiera industriale».

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


bevande beverage assobibe sugar tax tassa bitite senza zucchero zucchero cola cedrata aperitivi analcolici aranciata confindustria David Dabiankov

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).