Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 11 novembre 2019 | aggiornato alle 21:21| 61960 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
HOME     BIRRA    
di Gabriele Ancona
vicedirettore
Gabriele Ancona
Gabriele Ancona
di Gabriele Ancona

“Indipendente e artigianale”
Unionbirrai presenta il suo marchio

“Indipendente e artigianale” 
Unionbirrai presenta il suo marchio
“Indipendente e artigianale” Unionbirrai presenta il suo marchio
Pubblicato il 24 settembre 2019 | 10:50

Il simbolo, già apponibile su bottiglie e imballaggi, è stato presentato al Birrificio Lambrate di Milano dal presidente Vittorio Ferraris, che ha annunciato un’iniziativa analoga anche per i pub .

«Il marchio - ha spiegato Vittorio Ferraris - assicura innanzitutto le caratteristiche di indipendenza del produttore e di artigianalità del prodotto. L’esigenza è nata dall'incremento nel numero di produttori che c’è stato negli ultimi anni. Una crescita e un successo sul mercato italiano che ha spinto i grandi marchi industriali a realizzare prodotti molto simili alle birre artigianali o ad acquistare alcuni birrifici, che quindi non sono più indipendenti. Questo simbolo ci consente di informare correttamente il consumatore, garantendo ai veri produttori artigianali il riconoscimento del loro lavoro». 

Un messaggio costante e chiaro: nel marchio vengono identificati il birrificio (indipendente) e la birra (artigianale). Birrifici economicamente e legalmente autonomi rispetto a qualsiasi altro birrificio, con una produzione inferiore ai 200mila ettolitri di volume di birre non pastorizzate né microfiltrate. «Rappresentiamo un comparto che pesa per il 4% nei consumi totali di birra in Italia, ma stiamo crescendo - ha ricordato Ferraris - Il nostro Paese, va sottolineato, è l’unico al mondo che ha promulgato una legge (n. 154 del 27 luglio 2016, ndr) che regola la birra artigianale. Fatto singolare, se si pensa che l’Italia vanta una vera cultura birraria da circa 20 anni».

Il nuovo marchio vuole tutelare produttori e artigianalità (Indipendente e artigianale Il marchio di tutela di Unionbirrai)
Il nuovo marchio vuole tutelare produttori e artigianalità

I birrifici artigianali sono oltre 850 (ce n'è almeno uno per ogni provincia), di cui 326 associati a Unionbirrai. La produzione media e di 650 ettolitri l’anno, la quantità che un birrificio industriale realizza in un paio d’ore. Il settore occupa circa 4.000 addetti. Un comparto molto dinamico, ma mignon, che a maggior ragione va tutelato.

Il marchio Indipendente Artigianale può essere concesso gratuitamente ai piccoli birrifici indipendenti associati Unionbirrai dotati di codice accisa e deputati alla produzione esclusiva di birra artigianale. È in corso di valutazione la possibilità di concederlo anche ai birrifici non associati Ub, a patto che soddisfino le caratteristiche di indipendenza e artigianalità. In cantiere anche un marchio dedicato ai pub, una targa in ottone per consentire ai clienti di riconoscere le realtà dove è possibile degustare la vera birra artigianale italiana.

Il nuovo marchio è stato presentato al Birrificio Lambrate (Indipendente e artigianale Il marchio di tutela di Unionbirrai)
Il nuovo marchio è stato presentato al Birrificio Lambrate

Il comparto birrario artigianale italiano rappresenta un fenomeno di interesse nel panorama delle produzioni enogastronomiche per cui l’Italia è nota in tutto il mondo. Dagli esordi a metà degli anni ‘90 del secolo scorso a oggi, i cambiamenti in termini di dimensioni aziendali, capacità produttiva dei singoli birrifici, qualità in costante crescita delle birre artigianali prodotte in Italia e sempre maggiore penetrazione nel mercato sia nazionale che estero, raccontano di un mondo innovativo, ma al tempo stesso legato alla tradizione della storia della birra.

Il marchio presentato ieri a Milano (Indipendente e artigianale Il marchio di tutela di Unionbirrai)
Il marchio presentato ieri a Milano

Unionbirrai, che segue, tutela e promuove questo mondo fin dai suoi primi passi, ha dato un impulso allo sviluppo di importanti sinergie fra i birrai artigiani, i produttori di impianti e i fornitori di materie prime e servizi, in un meccanismo virtuoso di crescita qualitativa e quantitativa del prodotto, che si traduce in un volano economico per tutto il settore, compreso quello dei produttori locali di materie prime.

Di anno in anno si è visto inoltre crescere i partecipanti ai corsi di formazione tecnica e di degustazione, indice di un sempre maggiore interesse per il mondo della birra artigianale, con una schiera sempre più folta di consumatori appassionati e consapevoli che permettono oggi a questo prodotto di conquistare importanti e crescenti fette di mercato.

«Tra gli obiettivi in essere - ha fatto notare Vittorio Ferraris - il coinvolgimento del turismo. L’universo brassicolo è un polo di attrazione con ampi margini di sviluppo, che mette in primo piano, birra, locale, atmosfera e mastro birrario. La birra artigianale è una bevanda differente da quella comune, è un modo di bere diverso».

Per informazioni: www.unionbirrai.it

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


beer birra iat italiaatavola Unionbirrai marchio collettivo tutela birrifici Indipendente Artigianale vittorio ferraris

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).