Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 24 settembre 2022 | aggiornato alle 17:20| 88073 articoli in archivio

Viaggio nel tempo e nella bellezza al Patria Palace di Lecce

Ubicato nel cuore del centro storico, di fronte alla Basilica di Santa Croce, l'hotel vive del fascino di un antico palazzo settecentesco per offrire ai suoi ospiti un nuovo concept di luxury hospitality

 
26 maggio 2022 | 09:30

Viaggio nel tempo e nella bellezza al Patria Palace di Lecce

Ubicato nel cuore del centro storico, di fronte alla Basilica di Santa Croce, l'hotel vive del fascino di un antico palazzo settecentesco per offrire ai suoi ospiti un nuovo concept di luxury hospitality

26 maggio 2022 | 09:30
 

L’immagine elegante e fiera del Patria Palace nasce nel ’700, quando i marchesi d'Anna Petrarolo, scelgono il centro di Lecce e lo stile di Mauro Manieri, tra gli architetti ad aver contribuito ad alcune delle più belle opere del Barocco in Puglia, per costruire la loro dimora gentilizia. Qui nasce il palazzo, nella Piazzetta Riccardi, dove si specchia nella più maestosa delle opere barocche della città, la Basilica di Santa Croce, e oggi splendido hotel 5 stelle.

Un hotel dal fascino unico Viaggio nel tempo e nella bellezza al Patria Palace di Lecce

Un hotel dal fascino unico


Storia di un palazzo diventato hotel

Dopo la morte dei proprietari il palazzo andò al comune e dopo varie vicissitudini venne donato a un ordine religioso che ne fece un orfanotrofio. Nel 1850 un imprenditore barese, Giacomo Gridi, acquistò il palazzo e ne fece una locanda, si dice la prima della città. Nel 1861 il palazzo subì un notevole ampliamento, che lo portò all’attuale consistenza edilizia. Per volere della famiglia Gridi, infatti, venne costruito il secondo piano, che portò all’ampliamento del numero delle camere. Per suggellare quell’esaltante periodo storico dell’Unità d’Italia (1861) Gridi trasformò la “Locanda” nel primo albergo della città con il nome di Hotel Patria. In seguito, diventerà Patria Touring.


Nel 1994 il palazzo venne acquisito da un imprenditore barese, Daniele De Gennaro. All’architetto barese Gaetano Mossa venne affidato il compito di ridisegnare il nuovo Patria Palace Hotel. Dopo tre anni di energici ma rispettosi interventi di restauro a opera di artisti e maestri artigiani, il Patria Palace riaprì i battenti nel 1997. L’hotel così rinnovato entrò nella prestigiosa catena Luxury Collection di Starwood Hotel and Resort, diventando così il primo 5 stelle di Puglia.

DolceVita


Un viaggio nel tempo e nell’arte

Al suo interno il palazzo è arricchito di affreschi ed elementi decorativi in stile Art-déco. Entrarvi è come viaggiare nel tempo. I quadri, i fregi architettonici in pietra leccese e in legno e l’elaborato soffitto dipinto a mano – che ricorda il sontuoso soffitto a cassettoni della vicina basilica di S. Croce - contribuiscono a creare un’atmosfera elegante e accogliente in cui il classico e il moderno, si fondono con armonia e stile. Una scala marmorea, vincolata dalla soprintendenza, si arrampica al secondo piano illuminato da un bellissimo soffitto in vetro dipinto a mano con motivi floreali.


Ognuna delle camere e suite, ciascuna con le proprie specificità e tratti distintivi, è personalizzata da affreschi murali di John Duggan, artista e architetto americano, trasferitosi in Italia da oltre 30 anni e maestro della pittura murale trompe-l'oeil. In una delle sue visite a Lecce, se ne innamorò aprendo uno studio d’arte proprio nei pressi del Patria Palace Hotel.

 


La cura dei dettagli

Dal 1994-97 ad oggi, le scelte d’intervento di rinnovo di spazi e interior al Patria Palace Hotel sono state concepite nel pieno rispetto dei valori storico-architettonici dell’immobile, e operate attraverso una rilettura e una reinvenzione dell’immagine del vecchio Hotel Patria, condotto sul filo della memoria tra passato e presente, classicità e modernità e di una rigorosa essenzialità, suggerita dalla rassicurante geometricità Art déco, nella cifra distintiva che accompagna la scelta degli arredi.


A seguito dell’ultimo restyling, curato dalla designer barese Mina Ignazi, l’eleganza originale del Palazzo viene valorizzata dal ricercato equilibrio estetico tra arredi di design del primo restyling (quello degli anni ’90) – come gli arredi Giorgetti, le lampade Ducale Parete in vetro di Murano disegnate da Giuseppe Righetto per Artemide e il lampadario Venini della lobby realizzato su progetto esclusivo per il Patria Palace Hotel affinché avesse due bracci in più di quello comunemente in commercio – con elementi di design contemporaneo – come gli arredi Poliform e Rimadesio, le lampade Floss e le eleganti graniglie Mipa – e, ancora opere artistiche in fase di ultimazione che andranno ad arricchire la hall e realizzate in esclusiva per il Patria Palace Hotel dall’artista leccese Pierpaolo Gaballo.

 


In cucina tutto il Salento

Fiore anche l’occhiello anche la ristorazione. Qui, i sapori autentici della cucina salentina, reinterpretata con eleganza e creatività dallo chef Ivan Bruno, trova massima espressione nelle ricercate proposte del menu del ristorante Atenze.


Le sere d’estate, Atenze si sposta in una riservata location sul rooftop, per offrire l’esperienza di cenare sotto le stelle, con vista su Santa Croce.


Non manca il lounge bar interno, in cui concedersi una pausa veloce sorseggiando un tipico caffè leccese e perdendosi nello scorcio della Basilica offerto dall’affaccio diretto su Piazzetta Riccardi


Patria Palace Hotel
Piazzetta Gabriele Riccardi 13 - 73100 Lecce
Tel 0832 245111

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Hotel - Fiera Bolzano 2022

Menu