Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 25 giugno 2022 | aggiornato alle 16:12 | 85729 articoli in archivio

Il Piccolo Principe diventa maggiorenne. Nuovo menu all'insegna del divertimento

Lo chef Giuseppe Mancino è tornato ai fornelli del locale del ristorante del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio proponendo piatti storici del locale, con qualche novità. Anche nel personale

 
23 giugno 2022 | 10:30

Il Piccolo Principe diventa maggiorenne. Nuovo menu all'insegna del divertimento

Lo chef Giuseppe Mancino è tornato ai fornelli del locale del ristorante del Grand Hotel Principe di Piemonte di Viareggio proponendo piatti storici del locale, con qualche novità. Anche nel personale

23 giugno 2022 | 10:30
 

Nell’estate della ripartenza Viareggio e la Versilia tornano a sfoggiare un fiore all’occhiello, un vanto della ristorazione che nel nostro territorio è un valore aggiunto dell’offerta turistica. Ha riaperto l'1 giugno “Il Piccolo Principe”, ristorante del Grand Hotel Principe di Piemonte premiato con due stelle Michelin, l’unico bistellato della costa toscana. Una ripresa dell’attività all’insegna di tante novità di valore e con il punto fermo della presenza dello chef Giuseppe Mancino, autentico re della ristorazione e membro di Euro-Toques.

Il Grand Hotel Principe di Piemonte, oltre che per i suoi eccellenti servizi alberghieri, è famoso anche per il suo ristorante gourmet “Il Piccolo Principe” con ambienti intimi e accoglienti incorniciati nella bellezza di Viareggio che si schiudono per offrire a tutti una cucina raffinata, il gusto inimitabile di ricette creative e l’aroma sublime di vini italiani ed esteri della selezionata cantina.

Delizie da gustare avvolti in un’atmosfera rilassante e piacevole con un servizio eccellente. Il ristorante è aperto solo a cena dalle 19.30 alle 22 con giorno di chiusura il lunedì.

Il ristorante Il Piccolo Principe diventa maggiorenne. Nuovo menu all'insegna del divertimento

Il ristorante

Le novità del menu

Il nuovo menu è stato realizzato prevedendo in carta piatti divertenti, gustosi, stimolanti. Del resto lo chef Mancino è un professionista che guarda al mondo ma resta fedele alle sue origini campane e alle prelibatezze della Toscana, sua patria di adozione. Due cucine che sono in grado di offrire alternative di mare e di terra con l’unico obiettivo di far star bene chi si siede a tavola.

Algida Dolce Vita

Per il diciottesimo anno a capo della cucina del ristorante del Grand Hotel Principe di Piemonte, Giuseppe Mancino ha l’entusiasmo del primo giorno. Mancino fa anche alcune attese anticipazioni sui menu. «Proponiamo il nostro signature menu con i piatti storici del ristorante. Ci saranno l’intramontabile calamarata che ha 18 anni di storia, la triglia alla pizzaiola, il sushi toscano, una rivisitazione del pesce in crosta di sale servito con la misticanza del nostro orto biodinamico e accompagnato dalla maionese di Yuzu». Spazio anche a un menu green con piatti vegani e vegetariani. Un mix di sensazioni e ispirazioni frutto anche dei miei viaggi all’estero.

La nuova squadra Il Piccolo Principe diventa maggiorenne. Nuovo menu all'insegna del divertimento

La nuova squadra
 

Anche nel personale, si cambia

Novità anche nel servizio con la presenza del nuovo maitre Alessio Di Iorio con esperienze a Londra e all’Osteria Francescana di Massimo Bottura. La carta dei vini è affidata alla giovane e promettente sommelière italiana Francesca Pellegrini.

La proprietà ha realizzato anche investimenti sugli ambienti. Una grande novità, sicuramente apprezzata, è l’acquisizione di opere dell’artista Francesca Pasquali. Si tratta di un progetto site-specific dal titolo “Setole”, realizzato in collaborazione con Marco Casamonti & Partner, Archea Associati.

Partendo dall’osservazione delle trame compositive con cui la natura crea le sue forme, l’artista cerca di riprodurne le strutture e i pattern attraverso la materia del proprio tempo. Pasquali trasforma i materiali plastici e industriali in ambienti di grande complessità e lenta elaborazione. Utilizza tecniche antiche quanto l’uomo, quali la tessitura, l’accumulo, l’intreccio.

Uno dei piatti del nuovo menu Il Piccolo Principe diventa maggiorenne. Nuovo menu all'insegna del divertimento

Uno dei piatti del nuovo menu

Una materia attuale che vive di trame e intrecci del passato, che sovverte i confini temporali e confonde i limiti tra ciò che è reale e ciò che invece è artificio plastico. Partendo dalla fascinazione che questi materiali esercitano nella sua prassi creatrice, stimolata dalla peculiare tipologia dello spazio del Grand Hotel Principe di Piemonte e sollecitata dalla volontà di interagire con il pubblico, l’artista Francesca Pasquali realizza questa complessa installazione di spazzole di setole colorate, lavorando sul dialogo tra ambiente e materia, tra pubblico e opera d’arte. La metamorfosi è uno degli elementi peculiari della sua ricerca, intesa quale pratica processuale e manuale che dà vita ad opere di grande visionarietà, mutevoli, policrome e sensualmente attraenti per lo spettatore.

 

Il Piccolo Principe
piazza Puccini 1 - 55049 Viareggio (Lu)
Tel 0584 4011

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita