Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 24 ottobre 2021 | aggiornato alle 08:06 | 78896 articoli in archivio

L’Onu: Il mondo a rischio carestia Germania, mascherine obbligatorie

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite dopo il coronavirus le persone che soffrono la fame potrebbero raddoppiare. Intanto tutta la Germania adotta l’obbligo di ripararsi bocca e naso dal contagio .

22 aprile 2020 | 18:30

L’Onu: Il mondo a rischio carestia Germania, mascherine obbligatorie

Secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite dopo il coronavirus le persone che soffrono la fame potrebbero raddoppiare. Intanto tutta la Germania adotta l’obbligo di ripararsi bocca e naso dal contagio .

22 aprile 2020 | 18:30

Onu: pandemia potrebbe causare carestie di dimensioni bibiliche
La pandemia di coronavirus potrebbe causare carestie diffuse "di proporzioni bibliche": è l'avvertimento lanciato dall'Onu attraverso il direttore esecutivo del Programma alimentare mondiale (Pam), David Beasley, che in un'intervista al Guardian ha sollecitato un'azione urgente per scongiurare una "catastrofe umanitaria". Un rapporto dell'agenzia delle Nazioni Unite con base a Roma stima che il numero di persone che soffrono la fame potrebbe passare da 135 milioni a oltre 250 milioni.

Le persone che soffrono la fame potrebbero arrivare fino a 250 milioni - L’Onu: Il mondo a rischio carestia Germania, mascherine obbligatorie

Le persone che soffrono la fame potrebbero arrivare fino a 250 milioni

Germania, obbligo mascherine in tutti i Lander
L'obbligo delle mascherine in Germania è stato deciso ormai da tutti i 16 Lander. La protezione della bocca e del naso, nei mezzi pubblici e nei negozi, viene prescritta per contrastare la diffusione del Coronavirus, ormai da tutte le Regioni. L'ultima ad annunciarla è stata oggi la città-Stato di Brema. Annunciando l'allentamento di alcune misure restrittive dopo l'ultima conferenza Stato-Laender, Angela Merkel si era invece limitata a raccomandarla.

Uk, torna a calare leggermente numero morti

Torna a calare leggermente il numero dei morti per coronavirus registrati nei soli ospedali del Regno Unito nelle ultime 24 ore. Lo rende noto il ministero della Sanità, allineando altri 759 decessi, una settantina in meno rispetto alla nuova impennata di 823 registrata ieri. Il totale censito sale così a circa 18.100 morti, mentre i contagi diagnosticati sfiorano ora 135.000 (133.495 per l'esattezza), con curva d'incremento in flessione attorno a 4500 al giorno.

Ue, crolla fiducia consumatori a livelli 2009
Prosegue il crollo della fiducia del consumatori in Ue: ad aprile 2020 l'indicatore della Dg Ecfin è sceso di 11,1 punti nella zona euro e di 11,6 punti nella Ue-27. Lo comunica la Commissione Ue. Il mese precedente era sceso rispettivamente di 5 punti e 4,5 punti. Ai livelli attuali (22,7 punti nella zona euro e 22 nella Ue), gli indicatori "sono vicini ai record negativi registrati durante la Grande recessione del 2009", segnala la Ue.

Ucraina estende misure restrittive fino a 11 maggio
Il governo ucraino ha deciso di estendere almeno fino all'11 maggio le misure restrittive per prevenire la diffusione del Covid-19 e ha annunciato che "secondo l'Accademia delle Scienze ucraina, ci si aspetta il picco" dell'epidemia "tra il il 3 e l'8 maggio". Il 12 marzo, l'Ucraina ha chiuso le scuole, ha vietato gli assembramenti di massa e ha imposto limitazioni ai viaggi "non indispensabili". Il 16 marzo ha vietato l'ingresso agli stranieri e il 17 ha chiuso le metropolitane di Kiev, Kharkiv e Dnipro.

Brasile, fosse comuni a Manaus per far fronte all'aumento dei morti
Nella capitale dell'Amazzonia il numero di sepolture giornaliere è più che raddoppiato a causa dell'emergenza. La città è una delle più colpite dal virus in Brasile. Il sindaco tra le lacrime: "Abbiamo bisogno di aiuto, siamo al collasso".

Israele, crowfounding raccoglie 12 mln per vaccino
"Gli esperimenti che abbiamo condotto finora - ha affermato David Zigdon, a capo del Migal Institute - dimostrano che, poichè il vaccino non include il virus stesso, sarà sicuro da usare anche in pazienti immunodepressi e avrà meno rischi di effetti collaterali in quanto utilizza un vettore proteico in grado di formare e secernere una proteina solubile che trasporta l'antigene virale nei tessuti e provoca la produzione di anticorpi contro il virus da parte del sistema immunitario. Ora stiamo lavorando per adattare il nostro sistema di vaccino generico al Covid-19".

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali