Molino Quaglia
Rotari
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 29 maggio 2020 | aggiornato alle 15:35| 65853 articoli in archivio
HOME     CORONAVIRUS    

Spagna, proteste contro il Governo
Sanchez: Turismo riparte da luglio

Spagna, proteste contro il Governo 
Sanchez: Turismo riparte da luglio
Spagna, proteste contro il Governo Sanchez: Turismo riparte da luglio
Pubblicato il 23 maggio 2020 | 18:16

Un corteo di auto sfila per la cattiva gestione da parte del Governo spagnolo dell'emergenza coronavirus. Intanto la Spagna riapre al turismo per luglio. Intanto, domani, riapre il Santo Sepolcro a Gerusalemme.

Spagna. Proteste in auto contro Sanchez, che annuncia: i turisti possono tornare da luglio
Migliaia di persone nel Paese si sono messe in moto sulle proprie macchine o su bus e moto per manifestare contro la gestione della crisi dell'emergenza sanitaria fatta dal governo. Alcuni veicoli hanno suonato musica militare e l'inno nazionale dagli altoparlanti.
Il premier, sempre oggi: «Incoraggio gli spagnoli a pianificare le loro vacanze adesso. Inoltre, a partire da luglio, riprenderà l'ingresso dei turisti stranieri in Spagna in condizioni di sicurezza». Lo ha detto il premier spagnolo Pedro Sanchez.



Confermata la riapertura del Santo Sepolcro a Gerusalemme
Come annunciato nei giorni scorsi domani riapre ai fedeli e alle visite il Santo Sepolcro nella Città Vecchia di Gerusalemme che era stato chiuso lo scorso marzo a causa del coronavirus. Lo ricordano i capi delle tre Chiese cristiane che sono custodi del luogo santo. «Per ragioni di sanità - hanno scritto il Custode di Terra Santa Francesco Patton, il Patriarca ortodosso Teofilo III e quello armeno Nourhan Manougian - e per evitare il rischio di una nuova diffusione del Covid-19 per ora l'ingresso sarà limitato a 50 persone e la Basilica sarà accessibile solo a quelli che non hanno febbre o sintomi dell'infezione e indossano protezioni facciali».

Russia, altri 10mila casi in 24 ore
La Russia ha registrato nelle ultime 24 ore atri circa 10mila casi di coronavirus tornando cosi' al secondo posto dei Paesi con il più alto numero dei contagi dopo gli Stati Uniti: è quanto emerge dall'ultimo bilancio mondiale pubblicato questa mattina dall'università americana Johns Hopkins. Sono la Russia e il Brasile i due Paesi più colpiti dal virus dopo gli Usa e nel giro di poche ore si sono alternati al secondo posto della triste classifica.

L'Austria consente il corridoio Germania-Italia per i turisti
I turisti dalla Germania e dalla Svizzera potranno attraversare l'Austria per raggiungere l'Italia. Come informa il sito del ministero degli Interni di Vienna, già adesso l'Austria può essere attraversata non facendo soste. Lo ribadisce anche Hermann Gahr, responsabile per i rapporti con l'Alto Adige del partito popolare Oevp. «Che l'Austria impedisca il passaggio ai turisti tedeschi che vogliono raggiungere l'Alto Adige è una favola che evidentemente è stata raccontata con uno scopo preciso», dice sulla stampa l'esponente del partito del cancelliere Kurz.

Oms: «Il Sud America è il nuovo epicentro dell'epidemia»
La maggior parte dei casi è concentrata a San Paolo e Rio de Janeiro, anche se l’Organizzazione mondiale della sanità ha espresso preoccupazione per la situazione nella regione amazzonica. Timori anche per l’approvazione dell'uso di clorochina e idrossiclorochina per il trattamento di pazienti.

Cina, per la prima volta raggiunti zero contagi nel Paese
È la prima volta da quando il Paese ha iniziato a raccogliere i dati, cioè dallo scorso gennaio. L'annuncio arriva il giorno dopo l'apertura del Congresso del Popolo, in cui sono stati celebrati i "grandi successi" nella lotta contro il virus. Il bilancio ufficiale delle vittime del Covid-19 in Cina è di 4.634, ma molti dubbi sono stati sollevati su questa cifra

Gran Bretagna, dall'8 giugno 14 giorni di quarantena per chi arriva. Ira della Francia
Via libera alla misura anticipata da Boris Johnson. Il provvedimento riguarda chiunque arrivi nel Regno Unito, con qualsiasi mezzo e da qualsiasi Paese, tranne l’Irlanda. Esclusi anche gli autisti dei tir, i lavoratori agricoli stagionali e i medici impegnati nell’emergenza Covid-19. Multe di 1.000 sterline per chi trasgredisce. Parigi non ci sta e minaccia reciprocità.

In America latina 670mila contagi e 37mila morti
Un nuovo forte balzo in avanti delle conseguenze del coronavirus in Brasile, ha caratterizzato nelle ultime 24 ore l'America latina, diventata ufficialmente per l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) "nuovo focolaio della pandemia". Nella regione i contagiati sono oggi 672.770, di cui 37.021 morti. È quanto emerge da una statistica elaborata dall'ANSA sulla base dei dati conosciuti di 34 fra nazioni e territori latinoamericani. Il Brasile, che è balzato al secondo posto della classifica mondiale dietro gli Stati Uniti, ha raggiunto quota 330.890 contagiati e 21.048 morti. A distanza lo segue il Perù (111.698 e 3.244), mentre al terzo posto è salito il Cile (61.857 e 630) che ha scavalcato il Messico (59.567 e 6.510).

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


coronavirus aggiornamento mondo live diretta 23 maggio Spagna proteste Santo Sepolcro Russia Pedro Sanchez

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®