Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 25 maggio 2022 | aggiornato alle 07:59 | 84908 articoli in archivio

Fake news, Facebook cambia modalità Gli articoli correlati per aiutare l'utente

di Federico Biffignandi
 
21 dicembre 2017 | 16:01

Fake news, Facebook cambia modalità Gli articoli correlati per aiutare l'utente

di Federico Biffignandi
21 dicembre 2017 | 16:01
 

Facebook continua a pensare a come combattere il fenomeno fake news. Dopo aver pensato di contrassegnarle con una bandierina rossa ora decide di affiancare articoli della stessa “news” provenienti da più fonti.

Facebook continua a pensare a come combattere il fenomeno fake news. Dopo aver pensato di contrassegnarle con una bandierina rossa ora decide di affiancare articoli della stessa “news” provenienti da più fonti.

In questo modo, spiegano i vertici del social, si mette nelle mani degli utenti la possibilità di confrontare gli articoli per farsi un’idea più strutturata e varia su una notizia così da poter comprendere i fatti effettivi. La prima strada, si evince dalle considerazioni dei “discepoli” di Mark Zuckerberg, poteva essere controproducente. Sarà da capire come verrà imbastita questa nuova strategia, ma nell’epoca del tutto e subito e del giornalismo fast, risulta difficile pensare che l’utente di Facebook perda secondi preziosi della sua navigazione a leggere più articoli su una stessa notizia, quando è già complesso conquistare la sua attenzione con un post.

Mark Zuckerberg (Facebook contro le fake news Più articoli correlati per una notizia)
Mark Zuckerberg

"La ricerca accademica sulla correzione della disinformazione ha dimostrato che mettere un'immagine forte accanto a un articolo, come una bandiera rossa, può radicare credenze profondamente consolidate: l'effetto opposto a quello che intendevamo", si legge in un post siglato da alcuni manager di Facebook. "Gli articoli correlati, al contrario, sono progettati per dare più contesto, il che è un modo più efficace per aiutare le persone ad arrivare ai fatti". La compagnia di Mark Zuckerberg spiega di aver condotto alcuni test da cui è emerso che mostrare gli articoli correlati porta a una minore condivisione delle fake news sul social. Sarà la strada vincente? Si spera.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali