Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 06 dicembre 2021 | aggiornato alle 18:05 | 80056 articoli in archivio

Anteprima del Bardolino e del Chiaretto Più di 120 vini in degustazione

Domenica 5 marzo a Lazise (Vr), si terrà la 9ª edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto: 124 i vini in degustazione da 41 produttori, per una Doc che conta ad oggi un giro d'affari pari a 100 milioni di euro

24 febbraio 2017 | 09:58

Anteprima del Bardolino e del Chiaretto Più di 120 vini in degustazione

Domenica 5 marzo a Lazise (Vr), si terrà la 9ª edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto: 124 i vini in degustazione da 41 produttori, per una Doc che conta ad oggi un giro d'affari pari a 100 milioni di euro

24 febbraio 2017 | 09:58

La nona edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto si svolgerà domenica 5 marzo a Lazise, nel cuore dell’area di produzione, sulla riviera veronese del lago di Garda. Di scena, nel trecentesco edificio della Dogana Veneta, affacciata sul porticciolo, 41 produttori che alle proprie postazioni porranno degustazione complessivamente 124 vini, provenienti in prevalenza dall’annata 2016 ma, nel caso del Bardolino, anche dalla 2015, considerato che sono sempre più numerosi i vignaioli del territorio che scelgono di allungare i tempi di uscita sul mercato dei loro vini, per giocare la carta dell’eleganza.

Anteprima del Bardolino e del Chiaretto  Più di 120 vini in libera degustazione

Più in dettaglio, saranno a disposizione del pubblico 43 etichette di Bardolino Chiaretto, 17 di Chiaretto Spumante, 37 di Bardolino della vendemmia 2016, 27 dell’annata 2015, con qualche aggiunta anche di vini di millesimi precedenti. La manifestazione, organizzata dal Consorzio di tutela del Bardolino e dal Comune di Lazise, con il sostegno del Banco Bpm - Divisione Banca Popolare di Verona, è ad ingresso libero. L’orario di apertura va dalle 10.00 alle 18.00. Per la stampa specializzata è a disposizione una sala degustazioni nell’adiacente palazzina dell’ex biblioteca civica.

La Doc del Bardolino, che interessa 3mila ettari di vigneto distribuiti su sedici comuni del Garda veronese e del suo entroterra, è stata riconosciuta, tra le prime in Italia, nel 1968. La produzione totale è intorno ai 28 milioni di bottiglie, di cui 10 milioni nella tipologia Chiaretto (erano 4,5 milioni otto anni fa), che nella sua nuova interpretazione più chiara e più orientata a note agrumate e floreali sta conquistando nuovi mercati, sino a pochi anni fa inesplorati per il mondo vinicolo bardolinese.

Oltre i 100 milioni di euro il giro d’affari complessivo, cui andrebbe peraltro sommato il fortissimo indotto turistico derivante dalla produzione vinicola, che vede flussi crescenti di visitatori sul Garda orientale, accolti anche in strutture enoturistiche collocate presso le cantine.

«Negli ultimi anni - dice il presidente del Consorzio di tutela del Bardolino, Franco Cristoforetti - il Chiaretto è diventato l’ambasciatore della nostra area vinicola, aprendo nuove prospettive di mercato, ad esempio in Scandinavia, negli Stati Uniti o nel Canada e affermandosi come il principale vino rosato italiano a menzione geografica. Una crescita cui ha fatto riscontro anche il riconoscimento della critica internazionale: varie etichette di Chiaretto hanno ottenuto rating pari o superiori alla fatidica quota di 90 centesimi, raramente attribuita a dei rosé».

«Per il Bardolino - prosegue Cristoforetti - si è costituito presso il Consorzio di tutela un gruppo di lavoro di una quindicina di aziende che si sta impegnando nella riscoperta delle prerogative organolettiche delle microzone interne alla nostra ampia area di produzione, con l’obiettivo di tornare a valorizzare le peculiarità territoriali già note a fine Ottocento, quando il Bardolino era esportato nei grandi hotel svizzeri, dove era venduto insieme con i rossi di Borgogna».

«Banco Bpm - Divisione Banca Popolare di Verona per vocazione territoriale da sempre intrattiene un rapporto privilegiato con il settore vitivinicolo - sottolinea Giordano Simeoni, responsabile della divisione Banca Popolare di Verona, Gruppo Banco Bpm - che annovera aziende sane e ben gestite a cui, grazie al rapporto di reciproca fiducia instauratosi negli anni, offriamo prodotti e consulenza finanziaria mirata. Il sostegno alla nona edizione dell’Anteprima del Bardolino e del Chiaretto, é la conferma di una attenzione verso un settore espressione di una filiera rappresentativa della tradizione locale, che produce risultati eccellenti, oggi diventato principale player internazionale».

Le cantine dell'Anteprima
Aldo Adami
Arduini Ivan
Bergamini
Bigagnoli
Bolla
Vinicio Bronzo
Cà Dei Rotti
Cantina Caorsa
Cantina Castelnuovo Del Garda
Casaretti
Cesari
Corte Gardoni
Domini Veneti
Frezza
Gentili
Girardi Giuseppe E Giampietro
Guerrieri Rizzardi
Il Pignetto
Le Fraghe
Le Ginestre
Le Muraglie
Le Vigne Di San Pietro
Monte Del Frà
Monte Zovo
Morando Lorenzo
Albino Piona
Poggio Delle Grazie
Rizzi
Roccolo Del Lago
Roeno
Santa Sofia
Sartori
Tamburino Sardo
Giovanna Tantini
Tenuta La Presa
Tinazzi
Giorgio Tommasi
Vigneti Villabella
Villa Calicantus
Villa La Bagatta
Villa Medici

Per informazioni: www.anteprimalazise.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali