Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 25 agosto 2019 | aggiornato alle 07:26| 60542 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
di Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
Vincenzo D’Antonio
di Vincenzo D’Antonio

Un salto indietro di 400 anni
per rivivere l'atmosfera del passato

Un salto indietro di 400 anni 
per rivivere l'atmosfera del passato
Un salto indietro di 400 anni per rivivere l'atmosfera del passato
Pubblicato il 01 aprile 2019 | 15:49

Ricorriamo ad un gigante, Johann Wolfgang von Goethe, e citiamo un suo pensiero: “Colui che non è in grado di darsi conto di tremila anni rimane al buio e vive alla giornata”.

Ecco, ad Artimino durante la due giorni dell’11ª edizione del Premio Italia a Tavola, in un’atmosfera di lietezza dalla quale è difficile prescindere quando si vive un luogo mediceo, abbiamo ancora una volta potuto constatare quanto è vera l’affermazione di Goethe.

(Un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

Anni resi fatidici: 1619-2019. Lasso temporale di quattrocento anni e la suadente comprensione di come tutto scorra in placida armonia al cospetto di pietre miliari. Pietra miliare: la musica. Il linguaggio universale. La cena di gala è stata allietata dalla musica suonata con gli strumenti dell’epoca.

Particolarmente emozionante anche la musica utilizzata durante i momenti delle premiazioni. Sì: altisonanti squilli di tromba e sonori rullar di tamburi. Ad indurre attenzione, ad evocare importanza, a suscitare partecipazione e ad innescare plausi. La supremazia dell’orecchio e la magia che solo i racconti sanno suscitare. È sempre vero che “prestami un orecchio e ti restituisco occhio”. Oggi si chiama storytelling.

(Un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

Pietra miliare: le statue. Il fermo immagine. Busti, figure intere e, se non letteralmente statue, gli affreschi di volta ed i quadri. Insomma le arti visive. Acquisire contezza delle allegorie e rispettare i grandi del tempo passato. Durante la cena di gala, l’allegra magia delle statue in movimento: figuranti appropriatamente abbigliati, naturale il loro incedere, a donare immagini in retro visione. Il fluire del tempo.

Pietra miliare: i fiori, offerti da La Gardenia. I doni di natura. Nei saloni della villa addobbi floreali a deliziare la vista, dacché all’olfatto ed al palato ci pensano le pietanze. Il comunicare evergreen attraverso i fiori la lietezza medicea di cui si diceva. Oggi come allora, altrimenti evergreen non sarebbe, è ancora così. E cosa allora stiamo notando? Stiamo notando che la bellezza non muore, che della bellezza abbiamo bisogno, che, come fu detto, la bellezza salverà il mondo.

(Un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

E poi ancora le composizioni di frutta e verdura poste su ogni corner dove i cuochi si sono esibiti (opera anch'esse de La Gardenia), le sculture in terracotta che fungevano da centro-tavola curati e studiati da Antica Fornace Mariani per inserirsi al meglio non solo nella mise-en-place, ma anche nel contesto intero dell’evento. A rendere ulteriormente prezioso questo dettaglio, la parte progettuale e il verde decorativo curato da Alessandra Novelli stilista del verde. Infine, "Metamorfosi" la torta monumentale realizzata dalla sugar-artist Francesca Speranza (4ª nella categoria Pasticceri del sondaggio). Scultura da un metro che richiamava inevitabilmente il tema dell'evento e che spiccava nella zona degli aperitivi, negli spazi delle Cantine Granducali.

Dove più e dove meno c’era, cominciata già nel secolo precedente, forte attenzione al sapere e quindi alla cultura: le invenzioni, le scoperte, il fiorire delle accademie. E nel fluire del tempo, rigogliosa nelle corti lo svolgersi quotidiano di quella cultura materiale che permea l’atto stesso del cibarsi. Tanti piccoli stati, neanche all’orizzonte lo stato unitario, e tanti modi di cucinare. Reperibilità delle materie prime, tecniche di cottura, la stessa successione delle pietanze, il servizio a tavola e, come ampiamente dibattuto, l’introduzione delle posate, principale tra esse la forchetta. Le differenze, quindi, le diversità. Sorta di cucine etniche, se così possiamo dire.

(Un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

Ed in virtù di queste diversità, nascevano e proliferavano le contaminazioni virtuose, dai traffici rese possibili e dalle curiosità di cuochi e cortigiani rese vincenti. Cominciava così, con l’elogio delle diversità il grande cammino della cucina intesa come estrinsecazione della cultura materiale. Oggi accade sovente che al cospetto delle diversità, a meno che non si tratti di mode effimere, siamo più propensi a chiuderci piuttosto che ad aprirci. Ecco la lezione appresa: se i nostri secoli di maggior splendore sono stati quelli del Rinascimento è perché nel Rinascimento si guardava con curiosità e con rispetto al nuovo ed al diverso.

Un anelito: siamo facitori, vivificando quanto virtuosamente sedimentatosi negli ultimi quattro secoli, dell’Rpv? Un Rpv, ci sia consentito il conio dell’acronimo, che sta per Rinascimento Prossimo Venturo. Non è probabile, ma è possibile.

(Premio IaT, un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

(Premio IaT, un salto indietro di 400 anni per dar vita ad un nuovo Rinascimento)

premioitaliaatavola iat italiaatavola premioiat artimino rinascimento arte storia cultura musica firenze

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)