Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 04 marzo 2024  | aggiornato alle 02:51 | 103574 articoli pubblicati

L'Unione Cuochi della Toscana: "Tutelare subito la bistecca alla Fiorentina"

L'Unione Cuochi della Toscana si compatta per difendere la bistecca alla Fiorentina e garantire la provenienza e qualità della carne e la preparazione secondo le tradizioni. Assieme all'Accademia della Fiorentina [...]

31 maggio 2023 | 15:32
 

L'Unione Cuochi della Toscana: "Tutelare subito la bistecca alla Fiorentina"

L'Unione Cuochi della Toscana si compatta per difendere la bistecca alla Fiorentina e garantire la provenienza e qualità della carne e la preparazione secondo le tradizioni. Assieme all'Accademia della Fiorentina [...]

31 maggio 2023 | 15:32
 

L'Unione Cuochi della Toscana si compatta per difendere la bistecca alla Fiorentina e garantire la provenienza e qualità della carne e la preparazione secondo le tradizioni. Assieme all'Accademia della Fiorentina gli chef toscani chiedono il bollino europeo di qualità che certifichi il rispetto di una delle più celebri tradizione culinarie fiorentine e italiane. Un riconoscimento contro le imitazioni, affinché il piatto sia identificato come "Specialità Tradizionale Garantita".

L'Unione Cuochi della Toscana:

Una bistecca alla Fiorentina

«Proteggere un'identità gastronomica come quella della Bistecca alla fiorentina significa tutelare un patrimonio della città - afferma Giovanni Brajon, presidente dell'Accademia - in un mondo sempre più globalizzato il rischio è un appiattimento, che porta a perdere un boccone alla volta la qualità. Serve la certificazione europea come garanzia». «Ci sono tante caratteristiche che devono essere seguite per quello che è un prodotto di filiera. Dal tipo di carne: deve essere utilizzato Vitellone a manto bianco, oltre a Charolaise e Limousine, razze autoctone e razze allevate nell’Appennino centrale - dice Roberto Lodovichi, presidente di Unione Regionale Cuochi Toscani. Poi l'altezza minima di quattro centimetri e il peso non inferiore al chilogrammo. La frollatura minima sopra i venti giorni, il tipo di cultura, di legno utilizzato e altri importanti aspetti. Il riconoscimento è importante tanto per i cuochi, quanto per gli allevatori e soprattutto i consumatori che hanno diritto ad assaporare il vero piatto che ordinano e non una riproduzione errata».

Bindi

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       
LE ALTRE NOTIZIE FLASH
Loading...


Horeca Expoforum
Cantine Collalto
Notte Rossa
Giordana Talamona

Horeca Expoforum
Cantine Collalto
Notte Rossa

Giordana Talamona
Mulino Caputo
Italmill