Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 29 maggio 2024  | aggiornato alle 00:11 | 105458 articoli pubblicati

Roero
Salomon FoodWorld
Salomon FoodWorld

In Valtellina nasce il primo “Distretto biologico” in Lombardia

Il Distretto comprende 15 aziende agricole e 3 operatori della filiera bio e mira a incrementare del 10% la superficie agricola biologica nei prossimi cinque anni. Stanziati 93,2 milioni di euro per il bio [...]

24 aprile 2024 | 14:31
 

In Valtellina nasce il primo “Distretto biologico” in Lombardia

Il Distretto comprende 15 aziende agricole e 3 operatori della filiera bio e mira a incrementare del 10% la superficie agricola biologica nei prossimi cinque anni. Stanziati 93,2 milioni di euro per il bio [...]

24 aprile 2024 | 14:31
 

Dagli annunci, alle proposte concrete. Il Distretto biologico della Valtellina, con sede nel comune di Chiuro (Sondrio), è il primo riconosciuto dalla Regione Lombardia in base ad un'apposita normativa statale. Si tratta di un'associazione di promozione sociale (Aps) senza scopo di lucro, che si si propone di promuovere, diffondere e sostenere i metodi e i principi di produzione biologica come modello di sviluppo sostenibile nel territorio valtellinese, coinvolgendo numerose realtà agricole, economiche, istituzionali e sociali presenti nel territorio provinciale di Sondrio, che comprende 76 comuni.

In Valtellina nasce il primo “Distretto biologico” in Lombardia

Valtellina: il Distretto biologico punta su sostenibilità e qualità

«È il primo - dichiara l'assessore all'Agricoltura, Alessandro Beduschi - ad avere ottenuto il riconoscimento secondo i criteri stabiliti dal Masaf e approvati dalla Giunta lo scorso dicembre. Un modello innovativo che sta suscitando interesse in molti territori lombardi, e non solo». L'area vanta oltre 1.900 ettari di superficie agricola condotta con metodo biologico. Il Distretto è composto da 15 aziende agricole e 3 operatori della filiera bio, che offrono una vasta gamma di prodotti certificati: ortaggi, mele, patate, uva, frutti di bosco, zafferano, piante officinali, uova e miele, fino ai formaggi più tipici della Valtellina come le Dop Bitto e Valtellina Casera.

Il piano quinquennale di attività del Distretto biologico mira a incrementare la superficie agricola biologica del 10% e di conseguenza il numero degli operatori certificati. Le azioni previste si concentrano sulla sostenibilità, sulla promozione della conversione al metodo biologico e sul miglioramento della qualità della vita nelle aree montane. Inoltre, si prevede di facilitare l'accesso degli operatori biologici alle procedure amministrative, stimolare l'aggregazione e la certificazione di gruppo e gestire il Centro del biologico della montagna alpina di Chiuro, un importante hub per la divulgazione e la formazione nel settore biologico di montagna. Il Distretto biologico della Valtellina ha titolo per essere inserito nel Registro nazionale del ministero dell'Agricoltura.

In Lombardia si contano circa 3.500 imprese che si dedicano all'agricoltura biologica, includendo sia produttori sia trasformatori, mentre l'area totale destinata all'agricoltura biologica ammonta a 56.500 ettari. La Regione ha deciso di investire in questo settore, con uno stanziamento complessivo, negli ultimi anni, di 93,2 milioni di euro.

Di Renato Andreolassi

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       
LE ALTRE NOTIZIE FLASH
Loading...


Electrolux
Sartori
Valverde
Brita

Electrolux
Sartori
Valverde

Brita
Torresella
Fonte Margherita