Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 14 giugno 2024  | aggiornato alle 10:49 | 105856 articoli pubblicati

Elle & Vire
Rational
Elle & Vire

Vino leader nell'export agroalimentare dell'Italia nel 2022

Il vino italiano si conferma come un importante motore dell'export agroalimentare Made in Italy, posizionandosi al primo posto nel 2022 con il 13% del totale dei flussi di settore in uscita, secondo [...]

27 settembre 2023 | 18:15
 

Vino leader nell'export agroalimentare dell'Italia nel 2022

Il vino italiano si conferma come un importante motore dell'export agroalimentare Made in Italy, posizionandosi al primo posto nel 2022 con il 13% del totale dei flussi di settore in uscita, secondo [...]

27 settembre 2023 | 18:15
 

Il vino italiano si conferma come un importante motore dell'export agroalimentare Made in Italy, posizionandosi al primo posto nel 2022 con il 13% del totale dei flussi di settore in uscita, secondo quanto affermato nella ricerca di Nomisma intitolata 'Il vino italiano nel mondo: trend, posizionamento e prospettive'. Questa ricerca è stata presentata durante il terzo incontro del tour di Agronetwork dedicato alla promozione dei prodotti agroalimentari e dei territori, tenutosi al Castello Nipozzano nel Chianti.

Vino

Il vino è valso il 13% del totale dei flussi di settore in uscita

Il trend delle esportazioni di vino italiano è in costante crescita, come indicato da Nomisma. Dai 4,7 miliardi di euro del 2012, si è raggiunto un valore di 7,8 miliardi di euro nel 2022, registrando un aumento del 68% in dieci anni. Solo nell'ultimo anno, le esportazioni sono passate da 7,1 a 7,8 miliardi di euro. Mentre l'Unione europea continua a rappresentare il principale mercato di destinazione delle esportazioni italiane, con il 40% nel 2022, è interessante notare che negli ultimi dieci anni è cresciuto l'interesse da parte degli Stati Uniti e del Canada, che sono passati dal 27% nel 2012 al 29% nel 2022, così come l'importanza dei mercati asiatici, saliti dal 5% al 7%. Inoltre, si è verificata una modifica nella composizione dell'export, con una riduzione delle esportazioni di vino sfuso (che ora rappresenta il 19% del volume totale) a favore di spumanti e vini imbottigliati, che costituiscono rispettivamente il 24% e il 57% delle esportazioni italiane di vino.

• Iscriviti alla newsletter su WhatsApp

Le regioni centro-settentrionali d'Italia svolgono un ruolo fondamentale in questo successo, con il Veneto che rappresenta il 36%, seguito da Toscana e Piemonte con il 16%. Tuttavia, è importante notare che anche il sud Italia ha aumentato la sua presenza sui mercati internazionali negli ultimi anni, come dichiarato da Emanuele di Faustino, responsabile industria, retail e servizi di Nomisma.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       
LE ALTRE NOTIZIE FLASH
Loading...


Artmenù
Mulino Caputo
Longarone Fiere
Siad

Artmenù
Mulino Caputo
Longarone Fiere

Tecnoinox