Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 30 novembre 2021 | aggiornato alle 03:34 | 79853 articoli in archivio

La doppietta del Santa Elisabetta Due stelle Michelin in due anni

Il ristorante dell'Hotel Brunelleschi di Firenze ha incassato il secondo riconoscimento dopo il primo ottenuto nel 2019. Premiato il lavoro dello chef campano Rocco De Santis e di tutta la sua squadra.

25 novembre 2020 | 16:22

La doppietta del Santa Elisabetta Due stelle Michelin in due anni

Il ristorante dell'Hotel Brunelleschi di Firenze ha incassato il secondo riconoscimento dopo il primo ottenuto nel 2019. Premiato il lavoro dello chef campano Rocco De Santis e di tutta la sua squadra.

25 novembre 2020 | 16:22

Il ristorante Santa Elisabetta del Brunelleschi Hotel di Firenze raddoppia la stella Michelin dopo la prima “menzione” ottenuta giusto l’anno scorso. La doppia stella giunge in un momento delicato in cui più che mai sono da premiare la visione dello chef Rocco De Santis, il lavoro di squadra e la dedizione costante e ottimista, che sono di casa al primo piano della Torre bizantina della Pagliazza e in tutto l’albergo.

Il ristorante - La doppietta del Santa Elisabetta Due stelle Michelin in due anni

Il ristorante

Cucina e fascino tosco-campano fanno la differenza
La sintesi tosco-campana della cucina dello chef, che porta profumi e sapori di mare e di costiera nel centro di Firenze, è valorizzata da una location dall’atmosfera intima ed esclusiva della sala, da un servizio colto e attento: tutti elementi che contribuiscono a creare un’esperienza multisensoriale.
 
Il filo unico che lega la cucina alla sala
Inevitabilmente l’altro valore aggiunto è il menu impreziosito da una carta dei vini che è una ricerca continua. Non ultimo, viene molto apprezzato il servizio, discreto e accurato: la sala è vista infatti quale estensione dello chef nel completamento del piatto, tanto che alcune proposte vengono perfezionate al tavolo dell’ospite.
 
Il valore aggiunto è il gioco di squadra
De Santis crede molto nel lavoro di squadra e non manca mai di esprimere gratitudine e soddisfazione nei confronti della direzione dell’albergo e di tutto il personale: Alessandro Fe come maitre, Lorenzo Paoli come sommelier, Francesca Benedettelli come pastry chef e Fabio Silla sous chef.
 
Il general manager: Grazie agli ospiti che onorano il nostro lavoro
«Siamo estremamente orgogliosi di ricevere questo doppio riconoscimento che premia gli sforzi della proprietà che ha sempre creduto e investito nel progetto di una ristorazione di qualità per il Brunelleschi Hotel e di tutto il nostro Team. Ringrazio soprattutto i nostri Ospiti, che ci hanno onorato della loro preferenza negli anni e sono i protagonisti fondamentali di questo prestigioso percorso», ha dichiarato il general manager Claudio Catani.

Rocco De Santis - La doppietta del Santa Elisabetta Due stelle Michelin in due anni
Rocco De Santis

De Santis: La Campania mi ispira con emozione e facilità
Lo chef De Santis ha portato la stella al Ristorante Santa Elisabetta appena un anno fa, e con essa una sapiente sintesi tosco-campana.
 
«Ho un forte legame con le mie origini - ha detto lui - la Campania mi ispira con emozione e facilità: il mare, la montagna, i luoghi e le persone si uniscono come ingredienti di una ricetta che vive nei miei piatti. I miei maestri mi hanno trasmesso il grande rispetto per la conoscenza, che metto alla base della creazione e della rielaborazione dei miei piatti di tradizione volti all’innovazione. Ovviamente il territorio è un punto di partenza, non certo la mia gabbia».
 
Nel menu, i piatti del ricordo
Ed è proprio partendo dalla Campania e dalle origini affettive che l’estro dello chef compie voli sapienti e calibrati. Le sue origini geografiche e affettive sono così dichiarate e valorizzate: la Campania scalda tutta la carta con i piatti del ricordo, i suoi simboli e ingredienti cardine. Esempio perfetto il piatto signature Cappelletti ricordo della Domenica: cappelletti di ricotta di bufala, intensità di ragù napoletano.

Dichiarati omaggi alla Toscana si trovano ne La Triglia in crosta di Pane allo Zafferano 2015, e ne Il Gambero rosso crudo, panzanella all’agro, caviale e zuppetta di olive di Nocellara, in cui zafferano e la panzanella sono interpretati impreziosendo piatti di mare. Nel Piccione Campania e Toscana si uniscono attraverso cavolo nero e mela annurca: Piccione (petto e coscia) ai carboni, Cavolo nero, mela Annurca, Pastinaca.
 
Altri due fil rouge della carta sono pesce e agrumi: bergamotto nelle Linguine al burro di alghe, bergamotto, ricci e bottarga; lime nel Risotto Riserva San Massimo, crema di patate affumicate, scampo e lime, limone in diversi piatti salati e naturalmente nei dessert.

Si aggiungono in questa stagione primizie e suggestioni autunnali: il tartufo bianco impreziosisce il baccalà (Il Baccalà: baccalà, pil pil, cavolfiore, papaccella napoletana e tartufo bianco); carciofi e aglio nero sposano la seppia (Seppia & Seppia: velo di seppia, cuore di carciofo, limone ed aglio nero); entrano in carta quaglia, animelle, coda di bue, agnello, piccione, tartufo nero, verza e melograno.
 
Massima attenzione all'essenzialità dell'estetica
L’estetica dei piatti è essenziale, delicati cromatismi e grafismi accompagnano abbinamenti esplosivi ed opulenti.
Fra i dolci, il Babà in evoluzione racconta molto bene la visione dello chef fra ricordo e leggerezza: Babà, mango, passion fruit, lime, sorbetto al lemongrass.
 
I menu degustazione di Rocco De Santis si chiamano “Tracce di innovazioni” (da 5 portate,) “In-Contaminazioni” (da 7 portate), “Chef Experience” (da 9 portate). A pranzo è possibile ordinare anche i menù “Percorsi” da 3 portate, e “Carte Blanche” da 3 portate a scelta dello chef.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali