Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 19 gennaio 2022 | aggiornato alle 15:30 | 81120 articoli in archivio

Dalla Vigna alla tavola, ultima puntata da Amarantos a Porto Recanati

Fatto in casa per davvero è lo slogan che contraddistingue il locale marchigiano e nei piatti portati in tavola si ritrova tutto questo principio. Il pesce, naturalmente, regna sovrano

di Carla Latini
10 gennaio 2022 | 09:30

Dalla Vigna alla tavola, ultima puntata da Amarantos a Porto Recanati

Fatto in casa per davvero è lo slogan che contraddistingue il locale marchigiano e nei piatti portati in tavola si ritrova tutto questo principio. Il pesce, naturalmente, regna sovrano

di Carla Latini
10 gennaio 2022 | 09:30

L’ultima puntata del 2021 di Dalla Vigna alla Tavola del gruppo guidato da Flavio Cerioni, Alla Lanterna a Fano, si è svolta a fine dicembre. Al Ristorante Amarantos di Porto Recanati i numerosi partecipanti hanno potuto approfondire il significato dello slogan “fatto in casa per davvero” che è il valore aggiunto di Amarantos. Qui tutto, dalla pasta ripiena allo splendido pane, fino alla calda ospitalità, contribuisce a creare un clima familiare e accogliente. Ma è la passione, unita alla grande professionalità, a rendere speciale questo locale posto nel cuore della città, curato sia nell’ambiente che nelle proposte enogastronomiche.

Gli antipasti Dalla Vigna alla tavola, ultima puntata da Amarantos a Porto Recanati

Gli antipasti

Inizio col botto grazie agli antipasti di pesce

La giornata di degustazione si è svolta a pranzo e a cena ed è stata l’occasione per verificare - grazie ad un prezzo tutto compreso che abbina piatti di gran livello a vini prestigiosi - l’effettiva qualità che i proprietari, Mara in sala e Antonio in cucina, propongono. Abbiamo cominciato con una sequenza di antipasti di pesce che rappresenta l’apoteosi della qualità e della creatività, passando per i cavatelli, vongole, cime di rapa, sgombro affumicato al ciliegio, poi un tuffo nel brodetto Portorecanatese allo zafferano e un finale che è tutto una sorpresa, in abbinamento ai vini delle cantine La Lepre e la Luna, Moroder, San Ginesio. Gli abbinamenti cibo/vino sono stati raccontati e curati dal sommelier Filippo Pacelli, dell’Assosommelier Umbria, che con discrezione, passione contenuta ma ben espressa, competenza, ha girato tavolo per tavolo rendendo ancora più intimo e prezioso l’incontro.

 

Il menu... fatto in casa

Ed ecco il bellissimo menu: Salmone marinato agli agrumi e aneto, affumicato al faggio, panbrioche al cacao, mousse di caprino e erba cipollina; Tonno scottato alla colatura di alici di Cetara, affumicato al whisky; Seppia cotta a vapore con panzanella del contadino; Turbante di sogliola e fagiolini alla menta su fondente di sedano rapa, crumble di bottarga e pistacchi; Mazzancolle nostrane saltate alla maggiorana, crema di zucca, tè nero affumicato, crostini dorati; Cavatelli fatti in casa, vongole nostrane, cime di rapa, scaglie di sgombro affumicato al ciliegio, pane povero croccante.

Rinasce il Saigon, elegante angolo di Vietnam a Milano

I vini della Cantina La lepre e la luna

In sala, accanto a Pacelli, c’era Gianluca Zitti, patron della Cantina La Lepre e la Luna che ha spiegato la sua scelta di seguire una vinificazione ancestrale. Da ingegnere elettronico a agricoltore biodinamico. Abbiamo bevuto Spirito, bollicine bianco e Anima, bollicine rosé. Con l’Idea di brodetto Portorecanatese, bianco allo zafferano, Pacelli ci introduce la Malvasia di Candia dell’Azienda Moroder. Un recupero storico importante per un vitigno autoctono di gran pregio, da poco recuperato. Al Semifreddo al Rosso Conero Kyma Oros Villa Carlo Boccolini, frutti rossi e confettura di more selvatiche Mara Palanca e Flippo Pacelli osano un Vin Cotto dell’Azienda San Ginesio. Il pubblico, attento e interessato, dice la sua e la serata si anima fra chi preferisce il Vin Cotto e chi il Vin Santo.

La degustazione di caffè

Oltre alla Fondazione Ferretti, sempre presente con i suoi oli, legumi e confetture, nella dispensa di Amarantos, al momento del caffè abbiamo assistito alla presentazione degli Specialty Coffee The Smoking Tiger estrazione a filtro di Antonio Tombolini. Un modo diverso per gustare monocultivar di caffè non in tazzina ma nel calice da Chardonnay. La giornata ha avuto il contributo della Regione nell’ambito del progetto “Marche: dalla vigna alla tavola. Ri-Conviviamo”, volto a favorire la promozione dell’intera filieraenogastronomica marchigiana, dai vini, ai prodotti del mare e della terra, fino alla loro presentazione sulle tavole della ristorazione locale. In conclusione della serata la bella coppia Mara Palanca in sala e Antonio Di Guglielmo in cucina hanno intrattenuto gli ospiti con spiegazioni sui piatti.

Tutti molto ben fatti e in naturale armonia con i vini. Voci di corridoio dicono che il progetto Dalla Vigna alla Tavola continuerà acnche nel 2022. Vi terremo informati.

Ristorante Amaratos ‘fatto in casa per davvero’
C.so Matteotti, 21 Porto Recanati (Mc)
Tel 071 7590324
www.ristoranteamarantos.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali