Ros Forniture Alberghiere
Feudo Arancio
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 16 ottobre 2019 | aggiornato alle 21:31| 61487 articoli in archivio
Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
di Roberto Vitali
Roberto Vitali
Roberto Vitali
di Roberto Vitali

Slow Food premia un'osteria
bergamasca per la carta dei vini

Slow Food premia un'osteria 
bergamasca per la carta dei vini
Slow Food premia un'osteria bergamasca per la carta dei vini
Pubblicato il 11 ottobre 2019 | 16:52

Quella della Trattoria Visconti di Ambivere, con 900 etichette, è per l'edizione 2020 della Guida, la "migliore d'Italia. Sette i locali della provincia di Bergamo presenti anche quest'anno.

Sono sette - esattamente come lo scorso anno - le “osterie” bergamasche segnalate nella Guida 2020 delle “Osterie d’Italia” pubblicata da Slow Food Editore (di cui vi abbiamo dato conto nelle scorse settimane). Confermati i sette locali che erano in Guida lo scorso anno, ma con una novità importante: a meritare la“chiocciola” (locale che piace in modo speciale, per ambiente, cucina, accoglienza), oltre alla conferma della Trattoria Burligo di Palazzago, si aggiunge quest’anno la Trattoria Visconti di Ambivere. Il locale della famiglia Visconti ha meritato anche un prestigioso primato nazionale: è stata proclamata l’Osteria con la miglior Carta dei Vini d’Italia (circa 900 etichette). Non solo: il locale di Ambivere è segnalato anche per la grande attenzione ai formaggi e all’olio extravergine d’oliva.

La famiglia Visconti-Caccia, al centro, con Silvio Magni e Silvia Tropea Montagnosi (Slow Food premia un'osteria bergamasca per la carta dei vini)
La famiglia Visconti-Caccia, al centro, con Silvio Magni e Silvia Tropea Montagnosi

Complessivamente la Guida elenca 1.656 locali di tutta Italia. Coordinatrice della Guida per la Lombardia è la bergamasca Silvia Tropea Montagnosi, grande esperta di cucina: «In totale in Lombardia - afferma - sono state verificate oltre 160 realtà e di queste solo una ottantina sono entrate in Guida. Il gruppo di lavoro comprende una ventina di persone, buongustai volontari da me coordinati. I criteri di valutazione sono: accoglienza (vogliamo locali dove ci si senta a casa propria); cucina tradizionale, innovata in modo semplice, senza barocchismi; utilizzo il più possibile di prodotti del territorio; prezzo (antipasto, primo e secondo) che non superi, salvo qualche eccezione motivata, i 35- 45 euro».

Oltre alle due Osterie che hanno meritato il massimo riconoscimento della “chiocciola”, ecco gli altri cinque locali inseriti in Guida: Ai Burattini di Adrara San Martino (segnalata anche l’ottima cantina); Al Gigianca a Bergamo (ottima cantina, grande attenzione ai formaggi locali e buona selezione di oli extravergine d’oliva); Dentella di Bracca (ottima selezione di formaggi); Polisena-l’Altro Agriturismo, sulle colline di Pontida, condotto dalla famiglia Locatelli all’insegna del bio sia nella struttura (in materiali ecocompatibili) sia nelle pietanze servite, le cui materie prime sono di propria produzione; Taverna di Arlecchino a Oneta di San Giovanni Bianco, segnalato per l’ottima polenta classica o taragna, consigliata con lo stufato di cinghiale in agrodolce.

«La nostra scelta - conclude Tropea Montagnosi - si fa sempre più difficile per le tendenze che, nel nome della innovazione, rischiano di stravolgere la cucina italiana. Le cosiddette “osterie”, che sono ottimi ristoranti a tutti gli effetti, mantengono salda la tradizione senza rinunciare a qualche equilibrata variazione».

Il volume è stato presentato alla Trattoria Visconti di Ambivere (premiata dalla Guida come “Miglior Carta dei Vini”) per iniziativa di Slow Food Valli Orobiche, delegato Silvio Magni, nel corso di una cena stagionale e vini di grandi annate. Tra i primi a credere e professare le idee di Slow Food, la famiglia Visconti-Caccia ha messo in tavola due prodotti che rappresentano due dei “presìdi” difesi dal movimento fondato da Petrini: la Roveja di Civita di Cascia, un pisello selvatico coltivato in Umbria che, unito ad altri legumi, ha dato vita a una ottima zuppa, impreziosita ancor più dal tartufo nero della Val Serina raccolto da Ivo Locatelli di Camerata Cornello e lamellato al momento; l’altro presidio, Stracchino antico delle valli orobiche, ha  impreziosito la mantecatura del riso Carnaroli, abbellito da ghirigori con coulis di uva americana.

Risotto all'uva americana (Slow Food premia un'osteria bergamasca per la carta dei vini)
Risotto all'uva americana

Per il resto ci ha ben impressionato il “polletto biologico del nostro giardino, con pomodoro, sedano, carote e polenta da mais rostrato rosso di Ambivere”, che ha confermato una delle motivazioni che fanno il successo del “Visconti”: scelta accurata delle materie prime più genuine e bio, in parte prodotte direttamente nell’orto-pollaio di famiglia.

Pollo alla cacciatora (Slow Food premia un'osteria bergamasca per la carta dei vini)
Pollo alla cacciatora

Buone le pappardelle alle tre carni (pollo, coniglio e manzo) abbinate a un sorprendente Sangiovese di Romagna Doc Assiolo Costa d’Archi 2013. Dopo una cena davvero ricca, interessante e gustosa, mi ha un po’ deluso il dolce, grasso e stucchevole, preparato con castagne, cioccolato bianco e Moscato di Scanzo. Un ultimo accenno agli altri vini scelti da Daniele Caccia con grande cura e ottimo abbinamento: Pinot Nero Oltrepò Pavese Doc Le Terrazze di Mazzolino 2015; Inferno Valtellina Superiore Docg Nobili 2013; Morellino di Scansano Docg I Cavallini 2017. Se il vino deve completare il gradimento di un piatto, qui l’abbinamento è sempre giusto.

ristorante pizzeria restaurant osterie trattoria visconti ambivere guida 2020 slow food cantina carta dei vini vini menzione lombardia Silvia Tropea Montagnosi silvio magni daniele caccia

RESTA SEMPRE AGGIORNATO! Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp - Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram - Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).