Allegrini
Ros Forniture Alberghiere
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
lunedì 13 luglio 2020 | aggiornato alle 09:39| 66678 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Emanuela T. Cavalca
Emanuela T. Cavalca
Emanuela T. Cavalca
di Emanuela T. Cavalca

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco
Tanti assaggi, con un occhio alle calorie

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco 
Tanti assaggi, con un occhio alle calorie
Mezze porzioni, risposta contro lo spreco Tanti assaggi, con un occhio alle calorie
Pubblicato il 20 ottobre 2016 | 16:50

Le mezze porzioni sono ritornate in auge grazie al fatto che consentono di assaggiare diverse specialità, evitando inutili sprechi. Oggi si trovano in molti ristoranti, ma hanno contaminato anche la pasticceria

Nostalgia della vita di ballatoio, dove in passato si svolgeva parte della giornata tra panni stesi, il cestino sali-scendi con la spesa e il profumo di minestrone, cucinato con la battuta di lardo. Sarà forse per la presenza dei cellulari, ma abbiamo disimparato a parlare, così oggi sono in tanti a voler scambiare quattro chiacchiere, cercando ambienti raccolti e familiari.

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco. Tanti assaggi, con un occhio alle calorie
foto: Andrea Martignano

Dinette - Cucina di ringhiera” è il regno della mezza porzione: ci troviamo a Milano, in via Bronzetti: lo spazio è piccolo, con qualche mattone grezzo, volutamente lasciato a vista, pochi tavoli, sedie rustiche, impagliate e lampade vintage dalla luce soffusa e calda. I proprietari, milanesi classe ‘75, sono soci di locali di successo: Luigi Beretta è uno dei proprietari dell’Elettrauto in via Cadore, mentre Filippo Leva è socio dello storico bar sui Navigli, il Tango.

«È un posto casalingo, non impegnativo, senza formalismi, alla portata di tutti - fa notare Luigi Beretta - ricorda gli assaggi che portava il vicino, quand’ero piccolo. Era un modo per legare e stringere amicizia, tipico delle case di ringhiera. Nel nostro locale si possono gustare le “mezze del ballatoio” che consentono di assaggiare diverse specialità, evitando inutili sprechi».

Come usava nelle vecchie trattorie di una volta Dinette è aperto tutto il giorno e serve anche la prima colazione a base di torte fatte in casa. Ci si può fermare a lavorare durante la giornata, pranzare con il menu della schiscetta o prendere un aperitivo con le mezze del ballatoio e un bicchiere di vino per pochi euro.

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco. Tanti assaggi, con un occhio alle calorie

«A pranzo la clientela proviene soprattutto dagli uffici limitrofi - continua Beretta - la sera i tavoli si riempiono di gente giovane o di chi abita nei palazzi limitrofi, perché magari non ha voglia di mettersi ai fornelli. A volte capita che i commensali di una tavolata o addirittura tra vicini di tavolo si scambino i piatti. Qui non si ha l’impegno di affrontare dosi esagerate: è un mezzo democratico per assaggiare un piatto, fatto bene, dal prezzo contenuto. Non solo, è divertente, perché ci si può permettere di ordinare contemporaneamente differenti ricette. Se consideriamo che un piatto di pasta si aggira intorno ai cento grammi, qui se ne gustano 50».

Come si ottengono le mezze dosi, a occhio? «Semplice, si misura tutto con il bilancino». “Un’altra mezza porzione, abbondante però”: è la frase pronunciata da Nino Manfredi, nel film di Ettore Scola C’eravamo tanto amati degli anni Settanta, non è altro che lo specchio di un’Italia, che sta risalendo la china e sogna piatti strabordanti. Oggi è differente. Il timore che l’ago della bilancia segni qualche chilo di troppo si mescola all’attenzione al portafoglio, ma senza rinunciare a uscire.

Gli esempi delle mezze porzioni stanno dilagando un po’ dovunque, le propone anche il giovane chef Stefano Sforza a Les Petites Madeleines, ristorante torinese di Turin Palace, hotel accanto a Porta Nuova. Un esempio? Una mezza porzione di zuppa, a soli 10 euro.

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco. Tanti assaggi, con un occhio alle calorie

Martina Lucattelli, titolare dei quattro ristoranti “Gesto” di Perugia (il primo nato), Firenze, Milano (via Sirtori) e Bologna (recente), invece parte da una filosofia e da «uno stile di vista civico, applicato alla ristorazione». Qualità ed etica per Martina è un binomio imprescindibile. Non per nulla ha chiamato con questa semplice parola i suoi locali: «Ogni gesto, anche il più piccolo, può contenere un significato profondo. A volte lo facciamo per amore, altre per passione. Ci aiuta a esprimere, quando le parole non bastano». Martina è attenta a selezionare l’origine delle materie prime: visita gli allevamenti e predilige quelli etici, dove gli animali sono lasciati allo stato libero. «Serviamo piccole porzioni, tutte con prodotti italiani - prosegue Martina - sono contro gli sprechi, perché non desidero che la clientela sia costretta a terminare un piatto. Da noi è difficile che avanzi qualche cosa, ma se dovesse avvenire, è messo tutto nella doggy bag. Anzi consigliamo alla clientela di portare via l’acqua, bene prezioso, che non va mai sprecata».

Un “Gesto” educativo, dunque. «La nostra cucina è ricercata, come il baccalà con ceci e perle di cassis, servito su una lavagnetta o le ciabattine della buona notte, dolce arricchito con crema di nocciola e panna - prosegue Martina - ma l’ambiente è casalingo, dove si paga... il giusto prezzo. Le porzioni? Tutte rigorosamente pesate. Qui lo spreco è messo al bando, dalle scorze di limone lavorate per il bar all’acqua dei ceci per creare un drink vegano».

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco. Tanti assaggi, con un occhio alle calorie

Le mono-porzioni hanno contaminato anche la pasticceria: se si è da soli o in due, perché rinunciare a una golosità? Ecco dunque un delizioso “Montebianco”, formato mignon, che si può trovare nella storica Pasticceria milanese Panzera: «Realizziamo i nostri dolci più amati in versione monodose da sempre, li hanno sempre chiesti, per togliersi uno sfizio a metà mattina, a fine pranzo e, soprattutto all’ora del tè - racconta Lorenzo Panzera, titolare dell’omonima pasticceria - produciamo tartellette ai frutti di bosco con crema pasticcera, al cioccolato e al pistacchio. Uno dei nostri dolci cult, il Montebianco, è realizzato in diverse versioni monodose fino a 8-10 persone e anche più grande, su richiesta. A rotazione anche le classiche torte sono proposte a fette. Noi lavoriamo tutto a mano; preparare piccole porzioni richiede più tempo ed estrema precisione. Il piccolo in pasticceria è sempre più complesso, per questo le versioni mignon hanno un costo in proporzione leggermente maggiore rispetto alla porzione grande».

Mezze porzioni, risposta contro lo spreco. Tanti assaggi, con un occhio alle calorie

Un angolo di Sicilia è approdato a Milano, da Ammu in Corso Garibaldi: un goloso cannolo siciliano monoporzione costa solo 2 euro, mentre la vera cassata in formato monodose solo tre euro e 50. D’altra parte se si acquistasse un dolce da 6-8 porzioni, irrimediabilmente finirebbe per avanzare e poi in fondo anche i single hanno diritto di accontentare la gola.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


mezza porzione ristorante pasticceria Luigi Beretta Filippo Leva Dinette Cucina di ringhiera Stefano Sforza Martina Lucattelli Gesto Pasticceria Panzera Lorenzo Panzera

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®