Sofidel Papernet
Rational
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 05 luglio 2020 | aggiornato alle 14:21| 66553 articoli in archivio
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO

Niente tasse per i dehors
Idea buona, ma solo per pochi...

Niente tasse per i dehors  
Idea buona, ma solo per pochi...
Niente tasse per i dehors Idea buona, ma solo per pochi...
Pubblicato il 10 maggio 2020 | 12:50

La proposta è sul tavolo, gli spunti e le occasioni per ampliare i coperti sono validi. Ma non tutti i locali hanno spazio davanti alle vetrine e lo Stato dovrebbe aiutare i Comuni che non riscuoteranno le tasse.

Mancano regole e quando se ne ipotizzano, tutto fa pensare che comportino costi eccessivi o limitazioni fuori luogo. Sempre per i ristoratori, naturalmente. La discussione sulle riaperture di bar e ristoranti non cessa e ora si sposta sui dehors. La proposta di cancellazione della tassa sull’occupazione del suolo pubblico preannunciata dal Ministro Dario Franceschini per consentire ai locali di ampliare la propria superficie all’esterno ha una logica, ma non può essere la soluzione a tutto. Se ne era già accorto il Sindaco Giusepe Sala che per primo l'aveva lanciata.

Tavolini all'aperto senza tasse per il suolo pubblico - Niente tasse per i dehors Idea buona, ma non tutti ce l'hanno
Tavolini all'aperto senza tasse per il suolo pubblico

Primo, semplicemente perché non tutti i locali hanno davanti alla propria vetrina lo spazio necessario per aprirsi e posizionare sedie e tavolini e allora concedere di non pagare una tassa a chi invece può permetterselo creerebbe delle differenze sostanziali all’interno del settore. In Regione Lombardia era stata proposto di cancellare la tassa su plateatico, ma non se ne è fatto più nulla.

Antonio Decaro, presidente dell’associazione dei Comuni (Anci), da giorni sta cercando di capirci qualcosa di più sull’idea, sia in cabina di regia (quella presieduta dal premier Giuseppe Conte con i Ministri Francesco Boccia e Roberto Speranza), sia negli incontri con il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri. L’idea è stata ribadita nei giorni scorsi ai sottosegretari del Mef (Laura Castelli e Antonio Misiani). La tesi è che non sarebbe corretto riscuotere la Tosap (la tassa sull’occupazione sul suolo pubblico) e la Tari (tassa sui rifiuti) per i tre mesi di chiusura dei locali.

Oltre all’idea c’è anche l’attuazione però. Sembrerebbe, per non perdersi nella solita burocrazia elefantesca, che tutto potrebbe avvenire con un’autorizzazione semplice e una norma che consenta di derogare al parere delle sovrintendenze ai Beni culturali. Decaro lo sta già facendo a Bari, dove autorizza l’occupazione per una superficie maggiore fino al 50% davanti al locale, il tutto con una mail all’ufficio del Municipio.

Tuttavia c’è un aspetto economico da non dimenticare perché la coperta è corta e nessuno naviga in acque tranquille. I Comuni infatti chiedono allo Stato aiuti, dal momento che la mancata riscossione delle imposte di cui sopra produrrà certamente effetti sulle entrate. Tra le altre richieste dei Comuni: agevolazioni per chi paga l’affitto per i locali attraverso risorse a fondo perduto o cessione del credito d’imposta a banche o ai proprietari degli immobili per evitare il pagamento dei mesi di chiusura, e la reintroduzione della cedolare secca per favorire una riduzione dei canoni d’affitto.

La sensazione in tutto questo è che si stia stiracchiando la discussione per evitare di concedere riaperture anticipate. Se è vero che, a parole e con miriadi di infiniti incontri, si sta valutando di concedere la riapertura il 18 maggio invece che l’1 giugno, è altrettanto vero che anche se dovesse esserci il via libera in pochissimi potrebbero alzare la saracinesca. Perché il preavviso sarebbe davvero risicato e allora tra comprensione delle norme, eventuali ritocchi, organizzazione, formazione e altro ancora la riapertura ufficiale slitterebbe senza dubbio.

E quando si riapre? Se le regole fossero così ferree come si vocifera, sarebbe una riapertura quasi dannosa. Su tutte si scongiura l’ipotesi della distanza di 4 metri tra i tavoli già condannata duramente dalla Fipe (Federazione dei pubblici esercizi) con il presidente Lino Enrico Stoppani che ha annunciato: «Con queste regole è preferibile tenere tutto chiuso. A quel punto lo Stato dovrà aiutare 1,25 milioni di persone che dovranno vivere sulle sue spalle». Secondo la Fipe rischia di chiudere l’80% dei locali, che sono di dimensioni ridotte.

Più attuabile la distanza di 1 metro e 20 ai tavoli, con mascherine da indossare solo alla cassa e per andare in bagno, prenotazione obbligatoria, protezioni per il personale e distanza tra i tavoli idonea a concedere il passaggio dello stesso senza pericoli.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali ristorante bar dehor apertura governo anci sindaco regione tavoli tassa suolo pubblico. milano bari anci Regione Lombardia fipe giuseppe sala franceschini DE caro lino stoppani

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®