Allegrini
Molino Quaglia
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 07 luglio 2020 | aggiornato alle 18:21| 66592 articoli in archivio
Sofidel Papernet
Ros Forniture Alberghiere
HOME     LOCALI     TENDENZE e MERCATO
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Mafia e ristoranti, è allarme rosso
Senza aiuti, si piega anche il nord

Mafia e ristoranti, è allarme rosso 
Senza aiuti, si piega anche il nord
Mafia e ristoranti, è allarme rosso Senza aiuti, si piega anche il nord
Primo Piano del 09 maggio 2020 | 06:50

L'Organismo di Monitoraggio delle infiltrazioni criminali della Polizia di Stato ha stilato un dossier sui movimenti criminali nell'economia italiana colpita dal virus. La Fipe si sta muovendo chiedendo con decisione al Governo interventi d'aiuto per evitare i rischi che ora riguardano da vicino anche il nord.

Il rischio che le organizzazioni mafiose si infiltrino nel settore dei pubblici esercizi è alto, sempre più alto ogni giorno che passa. Non solo dunque le imprese agricole sono esposte a questo rischio, ma l’intera filiera balla su un filo molto instabile in un periodo di forte emergenza economica causata dalle chiusure per il coronavirus.

Locali pubblici a rischio infiltrazioni - Verona, occhi della mafia sui localiFipe: Senza aiuti, rischio inevitabile
Locali pubblici a rischio infiltrazioni

E se inizialmente si trattava solo di timori e poi di prime voci ora è anche l'Organismo di Monitoraggio delle infiltrazioni criminali sull'emergenza coronavirus che conferma il tutto. A presiederlo è il vice capo della Polizia Vittorio Rizzi, incaricato dal capo Franco Gabrielli di monitorare la criminalità in questa fase di crisi.

I clan si muoverebbero su due binari, neanche troppo nuovi a dire il vero, ma clamorosamente fragili e floridi ora: da una parte l'economia sanitaria legata soprattutto ai dispositivi di protezione e ai rifiuti provenienti dagli ospedali; dall'altra aiutare i piccoli e medi imprenditori - soprattutto del turismo e della ristorazione, attività ideali per il riciclaggio - mettendo soldi liquidi e immediati nelle attività.

Il motivo di questa propensione a "investire" in alberghi e ristoranti risiede nel tipo di economia sulla quale si basano i pubblici esercizi, con particolare focus su bar e ristoranti. A sottolinearlo è il vicepresidente della Federazione italiana pubblici esercizi, Aldo Cursano: «Il nostro settore - spiega - non vive su capitali o patrimoni, ma sull’impegno di professionisti che si sono costruiti nel tempo con la forza del proprio lavoro. Queste attività si mantengono attive con la liquidità o con alcuni finanziamenti nel caso in cui necessitino di investimenti più importanti e ciò li espone al rischio, in questo periodo, di dover ricorrere ad aiuti non leciti. C’è bisogno di acqua, ma il timore che si “beva” acqua sporca è alto e già qualche segnalazione di avvicinamento ci sta arrivando. Credo che i nostri professionisti meritino aiuti maggiori perché se l’Italia perdesse la ristorazione perderebbe una parte integrante della propria anima».

Aldo Cursano e Roberto Calugi - Verona, occhi della mafia sui localiFipe: Senza aiuti, rischio inevitabile
Aldo Cursano e Roberto Calugi

Gli fa eco il direttore generale della Fipe, Roberto Calugi che ha anche recentemente riferito alla Camera la situazione del settore: «Siamo al collasso - ha detto - addirittura i nostri associati non sanno se convegna aprire o restare chiusi. Non è accettabile per i lavoratori questa situazione, non è accettabile che l’1,4% delle imprese che hanno chiesto aiuto lo abbiano effettivamente ricevuto. Il problema è nella burocrazia eccessiva che le istituzioni stanno riservando prima di versare soldi alle imprese. Paradossale sarebbe che per eccesso di sicurezza i soldi non arivassero a chi ne necessita e questi ultimi dovessero riferirsi ad associazioni illecite».

E l’allarme mafia non è affatto solo al Sud, una credenza onestamente ormai classificabile come stereotipo. L’allarme infatti è stato lanciato anche da Confcommercio Verona e Federalberghi Garda che hanno spiegato come i propri associati abbiano segnalato tentativi di infiltrazioni. Anche in questo caso il dito è stato puntato sui mancati aiuti economici arrivati agli imprenditori ed è stato rilevato come solo 300 esercizi pubblici abbiano ottenuto i 25mila euro garantiti dallo Stato. Troppo poco.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail
Abbonati alla rivista cartacea in spedizione postale

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


locali ristoranti bar confcommercio fipe mafia economia soldi verona federalberghi aldo cursano roberto calugi

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Sky
Sofidel Papernet
Allegrini
Caricamento...
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®
Edizioni Contatto Srl | via Piatti 51 24030 Mozzo (BG) | P.IVA 02990040160 | Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES | Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, GDO, F&B Manager, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. www.italiaatavola.net è strettamente integrato
con tutti i mezzi del network: il magazine mensile cartaceo e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti
ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). ©®