Rational
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 21 novembre 2019 | aggiornato alle 22:47| 62165 articoli in archivio
Rational
Pentole Agnelli
HOME     MEDIA     STAMPA, WEB, TV e APP
di Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
Federico Biffignandi
di Federico Biffignandi

Bufale sul web, i medici contro Grillo
«La scienza non è democratica»

Bufale sul web, i medici contro Grillo 
«La scienza non è democratica»
Bufale sul web, i medici contro Grillo «La scienza non è democratica»
Pubblicato il 05 gennaio 2017 | 11:07

La polemica sulle post-verità impazza anche nei temi di sanità. Roberto Burioni, virologo del San Raffaele, si sfoga su Facebook e scrive: «La scienza non è democratica», libertà di parola solo «a chi ha studiato»

Libertà di informazione, democrazia e dialogo tra chi ha punti di vista diversi. Bello, corretto, stimolante, moderno, ma fino a che non si toccano certi argomenti i quali non sono accessibili a tutti perché richiedono certe conoscenze e perché mettono a repentaglio la salute delle persone. Ecco, appunto la salute. Quando si parla di salute, e quindi scienza, i dibattiti devono seguire delle regole ben precise e non ci si può permettere di giocare a chi la spara più grossa perché la sensibilità dei lettori è soggetta proprio alle “bombe” dell’espertone di turno.

Bufale sul web, i medici contro Grillo «La scienza non è democratica»

Il tema si inserisce alla perfezione nella polemica che ha chiuso il 2016 e aperto il 2017 relativa alle post-verità in rete che ha riguardato principalmente la politica dando vita ad un Grillo contro tutti, contro i media tradizionali soprattutto. Su questo filone non poteva passare inosservato il post di Roberto Burioni, 54 anni, il virologo dell’ospedale San Raffaele che sul proprio profilo Facebook nell’ultimo pomeriggio dell’anno ha scritto: «Preciso che questa pagina non è un luogo dove della gente che non sa nulla può avere un “civile dibattito” per discutere alla pari con me. Qui ha diritto di parola solo chi ha studiato, e non il cittadino comune. La scienza non è democratica».

Lo sfogo è arrivato dopo che lo stesso medico ha letto in rete i post di alcuni profili che additavano gli immigrati come responsabili dell’ “epidemia” di meningite in Italia. «Tanto per cambiare - scrive il virologo - è una menzogna senza senso. In Europa i tipi predominanti di meningococco sono B e C, ed in particolare i recenti casi sono stati dovuti al meningococco di tipo C; al contrario, in Africa i tipi di meningococco più diffusi sono A, W-135 ed X. Per cui è impossibile che gli immigrati abbiano qualcosa a che fare con l’aumento di meningiti in Toscana. Per cui chi racconta queste bugie è certamente un somaro ignorante. Qualche lettore ha iniziato a inserire link di diversi documenti nei quali veniva descritta la presenza del ceppo C in Africa, avendo esso causato un’epidemia in Niger. Purtroppo, però, questi lettori avevano forse letto il contenuto del link, ma non lo avevano capito».

Roberto Burioni - Bufale sul web, i medici contro Grillo «La scienza non è democratica»
Roberto Burioni

Burioni attacca portando tesi scientifiche, ma nei mesi scorsi si era anche affidato a casi concreti come quello di Faye Burdett, una bimba di due anni colpita da meningite fatale. «La vedete poco prima della festa di San Valentino - spiega ai lettori il medico postando due foto della piccola scattate a pochi giorni di distanza, una in perfetta salute e una in fin di vita - giorno in cui è morta uccisa da una meningite causata dal meningococco di tipo B. Le lesioni che vedete nella sua cute sono provocate da questa terribile infezione. È una foto molto cruda, ma - come ho detto - questa è la malattia terribile che causa il meningococco e questa è una bambina che se fosse stata vaccinata verosimilmente sarebbe ancora viva». Sostanzialmente in questo caso si parla dei vaccini, una discussione che si è aperta già tempo fa e che ha spaccato in due l’opinione pubblica.

La stragrande maggioranza dei medici si è schierata a favore degli stessi mentre il popolo, stuzzicato da qualche post virale e fuorviante, ha iniziato a pensare che i vaccini fossero il male dell’umanità improvvisandosi “dottoroni” e volendo giocarsela alla pari con medici veri in discussioni palesemente impari. Un segno dei tempi causato dalla facilità di accesso alla rete che tutto sa e a cui tutto risponde, ma in modo spesso superficiale o con articoli che vanno analizzati e visti con occhi esperti. Fermare questo delirio di onniscienza del popolo che travolge diversi settori forse non sarà possibile, ma come sempre bisogna combatterlo e mettere dei paletti, delle regole, degli argini entro cui stare altrimenti tutti dicono tutto, sempre di più e senza freni mentre la gente muore per colpa di una bufala. Il contagio da bufale è un virus micidiale, occorre un vaccino: non facciamolo diventare la malattia del secolo.

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


vaccino bufala web rete Roberto Burioni post verita Beppen Grillo scienza medicina Facebook

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

06/01/2017 17:42:17
1) le bufale di italia a tavola
Parlate del problema delle 'bufale' mnel mondo dell'informazione, ma siete i primi a dare notizie fuorvianti. Basta vedere il titolo: cosa c'entra grillo con le polemiche sulla meningite????? Niente! ma nel titolo dite 'i medici contro grillo'. Qualcosa non torna... siete un po' troppo di parte.

***

siamo di parte nella difesa della libera informazione e nella richiedta di norne che valgano per tutti, per la stamoa 'tradizionale' e per i blog. E in tema di sanità e medicina la invitiamo a leggere cosa ha detto Grillo negli anni e cosa dicono alcuni parlamentari 5 stelle sul tema vaccinazioni.
Comunque ha in parte ragione, il titolo in questione è un po' forzato... in questo magari sbagliamo perchè rischiamo di allinearci ai comportamenti di Grillo. E di questo ce ne scusiamo.

redazione
Matteo Grossi


ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch).