Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 25 maggio 2022 | aggiornato alle 00:22 | 84908 articoli in archivio

Pesca nel Mediterraneo occidentale: le giornate si riducono del 7,5%

17 dicembre 2020 | 12:59
 

Pesca nel Mediterraneo occidentale: le giornate si riducono del 7,5%

17 dicembre 2020 | 12:59
 

La riduzione delle giornate di pesca per il Mediterraneo occidentale nel 2021 sarà del 7,5%, "oltre il 10% deciso nel 2020". Lo ha dichiarato il commissario Ue alla pesca Virginijus Sinkevicius sintetizzando la decisione presa dai ministri riuniti a Bruxelles dopo una maratona negoziale di 24 ore, particolarmente difficile perché si discutevano anche le quote per il Nord Atlantico e il Mare del Nord, legate alle trattative sulla Brexit.

I ministri hanno deciso di rinnovare il 25% delle quote 2020 per gli stock condivisi con il Regno Unito, con l'impegno a tornare sulla questione una volta che siano state definite le nuove relazioni tra Bruxelles e Londra. Per quanto riguarda il Mediterraneo, il compromesso finale, che riguarda principalmente i pescherecci da traino, è per una riduzione dello sforzo del 7,5% "che si aggiunge a quella del 10% decisa per il 2020", ha detto Sinkevicius.

La Commissione proponeva il 15% in più, mentre Italia, Spagna e Francia chiedevano di mantenere il 10%. "Quello sul Mediterraneo e Mar Nero è stato uno dei compromessi più difficili da raggiungere", ha detto la presidente di turno del Consiglio Agricoltura Julia Kloeckner. "C'è rammarico che i ministri non siano stati pronti ad accordarsi su un target più ambizioso - ha sottolineato Sinkevicius - allineandosi ai pareri scientifici sul sovrasfruttamento degli stock ittici. Ma con l'accordo di stanotte rimaniamo in linea con l'obiettivo per le rese massime sostenibili del 2025".

© Riproduzione riservata STAMPA

 
LE ALTRE NOTIZIE IN TEMPO REALE
Loading...