Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 27 maggio 2022 | aggiornato alle 07:35 | 84976 articoli in archivio

Italia in zona rossa? Boom di comfort food Made in Usa

15 marzo 2021 | 14:27
 

Italia in zona rossa? Boom di comfort food Made in Usa

15 marzo 2021 | 14:27
 

In Italia sono scattate le restrizioni anti-Covid fino alle vacanze di Pasqua, ma in Italia i consumatori non si sono fatti trovare impreparati. Sopratutto quelli di età compresa tra i 18 e i 35 anni, residenti prevalentemente nelle città del Nord Italia e appassionati di videogiochi. Sono loro il profilo degli appassionati di snack Made in Usa che, nel corso del 2020, hanno contribuito a una crescita del +60% degli ordini per barrette al cioccolato, patatine, caramelle, biscotti rispetto all'anno precedente.

Videogiocatori fra i 18 e i 35 anni sono i maggiori consumatori di cibo Usa in Italia Italia in zona rossa? Boom di comfort foodMade in Usa

Videogiocatori fra i 18 e i 35 anni sono i maggiori consumatori di cibo Usa in Italia


I dati emergono dall'analisi elaborata da American Uncle, piattaforma di eCommerce che in Italia distribuisce oltre 1.800 prodotti alimentari difficilmente reperibili sul territorio nazionale. Il focus, relativo al 2020, è stato effettuato analizzando la banca dati del sito e utilizzando come campione gli 86.000 utenti maggiorenni che ne hanno usufruito. La regione in cui si consumano più snack a stelle e strisce è la Lombardia (16,7%) seguita da Lazio (10,30%) e Campania (10,23%), mentre la città che guida la classifica dei consumi è Roma con il 7,21% del consumo complessivo, poi Napoli, con il 5,28%, e Milano, con il 4,28%. Il 64,2% degli utenti è under 35. In particolare, la fascia 18-24 anni rispetto al 2019 ha registrato un incremento di consumo dell'82%.

Il marchio M&M's è il più acquistato, seguito da Fanta, Oreo, Kinder (unico italiano in classifica), Airheads, Reese's, Pringles e Doritos. Molto singolare è la popolarità del brand di carne secca Jack Link's, nonostante l'assenza di una cultura del prodotto in Italia rispetto agli Stati Uniti, dove invece il mercato vale circa 1,4 miliardi di dollari e dove è considerato uno snack salutare per il suo alto contenuto proteico. La categoria più cercata in Italia, invece, è quella dei cereali.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
LE ALTRE NOTIZIE IN TEMPO REALE
Loading...