Feudo Arancio
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
sabato 22 febbraio 2020 | aggiornato alle 07:50| 63601 articoli in archivio
Feudo Arancio
Pentole Agnelli
HOME     OLIO    
di Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
Monica Di Pillo
di Monica Di Pillo

Non chiamatelo solo frantoio
Centumbrie, progetto d'accoglienza

Non chiamatelo solo frantoio 
Centumbrie, progetto d'accoglienza
Non chiamatelo solo frantoio Centumbrie, progetto d'accoglienza
Pubblicato il 04 gennaio 2020 | 12:31

Non si tratta solo di un frantoio di ultima generazione, ma della volontà di valorizzare l’Umbria. Il progetto l'ha voluto l’imprenditore dell’Itc, Michele Cinaglia.

Più che un frantoio ha l’aspetto di una galleria d’arte contemporanea, di un luogo consacrato al design e all’accoglienza. Ma è proprio la mission di Centumbrie, che già dal nome evoca le cento anime del terroir. Centumbrie è un progetto di accoglienza ed un moderno frantoio che si trova nella frazione di Agello, più precisamente in località Osteria San Martino, nel comune di Magione, in provincia di Perugia, a due passi dal lago Trasimeno.

Centumbrie, un luogo consacrato al design e all'accoglienza (Non chiamatelo solo frantoio Centumbrie, progetto d'accoglienza)
Centumbrie, un luogo consacrato al design e all'accoglienza

Una zona dove si respira l’amore per la terra e per i suoi frutti. Una zona che ha attirato anche altri mecenati dell’Umbria, ambasciatori del Made in Italy nel mondo, come Brunello Cucinelli. Una zona che può avere un futuro prospero, valorizzando ed innovando le sue antiche radici contadine. Ed è così che l’imprenditore Michele Cinaglia, nato a Lisciano Niccone ma da anni a Roma, dove ha fondato il gruppo internazionale Engineering, ha deciso di investire nei luoghi della sua infanzia e della sua adolescenza, gli stessi che percorreva tutti i giorni a piedi per andare a scuola.

Così a fine settembre ha inaugurato Centumbrie, un frantoio modernissimo costruito in 8 mesi e costato 15 milioni di euro, che oltre a produrre olii spettacolari, è anche un centro per degustare, conoscere e apprezzare l’olio, ma più in generale i cento volti dell’Umbria.

Cento volti anche per la struttura, che attorno ospita un vasto podere, dove si coltivano legumi e si allevano animali, un orto e un molino in costruzione, che entro l’anno sarà ultimato con macine a pietra e poi affiancato da una panetteria e da una pasticceria a metro zero. Dai silos custodi dei grani autoctoni, scenderanno in tempo reale le farine macinate a pietra naturale, per sfornare pagnotte e altre leccornie dolci e salate, da consumare anche nella sala degustazione della struttura o in quella del frantoio di fronte, magari con un filo di olio Dop Umbria.

Una zona dove si respira l’amore per la terra e per i suoi frutti (Non chiamatelo solo frantoio Centumbrie, progetto d'accoglienza)
Una zona dove si respira l’amore per la terra e per i suoi frutti

Ma Centumbrie è anche accoglienza, perché l’olio è unione, è sinonimo di convivialità, di ristoro. Da alcuni anni l’ingegner Cinaglia ha acquistato alcuni antichi casali che si affacciano sul Lago Trasimeno, li ha ristrutturati e dotati di ogni comfort, dalle piscine alle vasche idromassaggio, dalle saune ai bagni turchi. I lussuosi casali, che rispondono al brand Casa Mia, hanno ciascuno delle caratteristiche che li rendono unici, ma sono accomunati dalla vista del lago Trasimeno e dalla presenza, neanche a dirlo, di uliveti. Originali e preziose location, già dai nomi scelti, come la Cotogna o Bianca la luna.

Ma perché Cinaglia, considerato il re dell’information technology, ha deciso di puntare sull’olio, sui cereali e sul turismo?
Sicuramente c’è un filo conduttore che lega tutti questi elementi, tutte le cento sfaccettature dell’Umbria, ma non è tutto.

«Sono voluto tornare qui - commenta Michele Cinaglia - per amore della mia terra. Io lavoro nel campo dell’informatica e faccio, quindi, un mestiere che è un po’ evanescente; allora, ho voluto esaudire un mio desiderio: mettere gli ulivi che sono piante che durano mille anni. E l’ho voluto fare nel migliore dei modi, per produrre cose sane e far conoscere questa terra bellissima».

(Non chiamatelo solo frantoio Centumbrie, progetto d'accoglienza)
Centumbrie è un luogo di lavoro e produzione in cui sono impiegate 15 persone

Centumbrie è un luogo di lavoro e produzione, ovviamente, in cui sono impiegate 15 persone, ma anche un posto dove è possibile degustare, studiare e amare l’olio e dove la bellezza regna sovrana. Intenzione dell’azienda è inoltre quella di devolvere nel tempo, d’intesa con il comune di Magione, parte dei profitti in iniziative benefiche e di carattere sociale.

Centumbrie è insomma la storia emozionante di due famiglie umbre, del legame indissolubile tra l’olivo e l’Umbria, fatto da esseri umani, territori e cultivar.

«Ci dedichiamo - spiegano l’amministratore delegato di Centumbrie, Sergio Rutili, e il direttore commerciale, Giulia Trifu - con grande passione ai nostri oliveti adottando metodologie biologiche, con il massimo rispetto per l’ambiente e per il consumatore. Il nostro frantoio di ultima generazione ci permette di operare a freddo, estraendo grandi oli con uso limitato di acqua per rispetto verso le risorse idriche ed ambientali».

(Non chiamatelo solo frantoio Centumbrie, progetto d'accoglienza)
A Centumbrie un olio evo di alta qualità

«Prevediamo - aggiunge il responsabile di produzione, Luca Mencaglia - due linee di lavorazione, una a 2 fasi ed una a 3 fasi, al fine di adottare la migliore soluzione estrattiva in fuzione delle caratteristiche delle olive raccolte con numerosi accorgimenti tecnologici. L’intero ciclo di lavorazione è rigorosamente monitorato così da garantire un’altissima qualità dell’olio extravergine d’oliva. Lo stoccaggio e l’imbottigliamento vengono eseguiti in locali a temperatura controllata e con l’ausilio di gas inerte per salvaguardare le caratteristiche organolettiche e chimiche del prodotto».

Tra le chicche prodotte: Olio Evo Nuovo, il primo olio extra vergine di oliva della campagna olearia; Centoleum, ottenuto da olive italiane più mature che regalano un olio più delicato e rotondo; Centoleum Monocultivar, da monocultivar Dolce Agogia, lascito degli etruschi che già utilizzavano i frutti di questo albero durante il loro transito su questa terra; infine Centumbrie, Evo Dop Umbria, blend espressione del Trasimeno di cultivar Frantoio, Moraiolo, Leccino, Dolce Agogia.

Per informazioni: www.centumbrie.com

© Riproduzione riservata

RESTA SEMPRE AGGIORNATO!
Iscriviti alle newsletter quotidiane e ricevile direttamente su WhatsApp
Ricevi in tempo reale le principali notizie del giorno su Telegram
Iscriviti alle newsletter settimanali inviate via mail

“Italia a Tavola è da sempre in prima linea per garantire un’informazione libera e aggiornamenti puntuali sul mondo dell’enogastronomia e del turismo, promuovendo la conoscenza di tutti i suoi protagonisti attraverso l’utilizzo dei diversi media disponibili”

Alberto Lupini


Centumbrie olio oil evo olio extravergine d oliva ospitalita design accoglienza Umbria Luca Mencaglia Sergio Rutili Giulia Trifu Michele Cinaglia

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - Mail & Credits  -  Sitemap  -  Policy  -  PARTNER  -  EURO-TOQUES - Reg. Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Italia a Tavola è il principale quotidiano online rivolto al mondo Food Service, Horeca, F&B Manager, ristorazione, pizzerie, pasticcerie, bar, turismo, benessere e salute. Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato con tutti i mezzi del network: la rivista mensile cartacea e digitale Italia a Tavola, le newsletter quotidiane su Whatsapp e Telegram, le newsletter settimanali del lunedì e del sabato rivolte a professionisti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza sui principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch). - © ®