Ros Forniture Alberghiere
Pentole Agnelli
Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
domenica 22 settembre 2019 | aggiornato alle 01:39| 61011 articoli in archivio
HOME     PROFESSIONI     BARMAN
di Ernesto Molteni
presidente ABI Professional
Ernesto Molteni
Ernesto Molteni
di Ernesto Molteni

I cocktail scientifici del futuro
Fisica e chimica nella cultura dei barman

I cocktail scientifici del futuro 
Fisica e chimica nella cultura dei barman
I cocktail scientifici del futuro Fisica e chimica nella cultura dei barman
Pubblicato il 11 settembre 2018 | 12:38

La professionalità del barman si sta evolvendo e in futuro il suo bagaglio di conoscenze dovrà essere ampliato. Ormai la nostra figura si avvicina sempre più a quella dello chef di cucina.

Sempre più oggi dobbiamo essere a conoscenza e avere pratica di tecniche culinarie, saper preparare infusioni idroalcoliche con vegetali, frutta e spezie, infusioni rapide con tecniche innovative grazie alla conoscenza di leggi fisiche e chimiche, preparare decotti, tinture e bitter, utilizzare azoto liquido e ghiaccio secco, tecniche di infusione sottovuoto, preparare sciroppi e ghiaccio cristallino multiforme, utilizzare attizzatoi, affumicatori, conoscere le tecniche di chiarificazione e carbonatazione e addirittura distillare sottovuoto con evaporatori rotanti.

(I cocktail scientifici del futuro Fisica e chimica nella cultura dei barman)

Il barman dovrà avere conoscenze scientifiche, conoscere le proprietà di tutti gli acidi e gli zuccheri e il loro rapporto con le differenti temperature. Dovrà calcolare la diluizione in acqua del ghiaccio a seconda delle tecniche utilizzate e il valore del trattenuto. Dovrà conoscere i tempi fisici per ottenere la corretta diluizione e valutare l’utilizzo di ingredienti proteici e di polisaccaridi provenienti dal mondo vegetale per dare una maggiore consistenza o texture al cocktail tramite anche l’utilizzo di tecniche “washing”.

Deve sapere che il vuoto parziale che chiude ermeticamente lo shaker è dovuto fisicamente alle due forze fisiche meccaniche, la temperatura e la dinamica, mentre nello dry shake questo non avviene. Deve sapere che lo zucchero diluendosi con l’acqua attenua la propria forza più di quanto faccia l’acido, quindi quando il cocktail viene molto diluito bisogna aumentare gli zuccheri e diminuire gli acidi. Deve sapere che a seconda delle tecniche utilizzate i drink possono risultare più freddi o meno freddi e che non sempre più freddo vuol dire che sia meglio, dipende appunto dagli ingredienti utilizzati. Deve sapere che il ghiaccio in un drink “on the rocks” non deve mai galleggiare. E tanto altro ancora.

La logica della scuola classica però ci ha insegnato che usare nuove tecniche ha un senso solo quando servono a migliorare il sapore del drink, che bisogna provare a fare un drink fantastico con quanti meno ingredienti possibile e non viceversa. È necessario altresì fare in modo che chi consuma il drink lo apprezzi indipendentemente dal fatto di conoscere gli ingredienti e pensare al drink come ad un successo se il cliente ne ordina un altro e non se lo considera interessante. Fondamentale inoltre educare il nostro palato ed affidarsi ad esso e mettersi costantemente in discussione, soprattutto mettere in discussione i propri principi e le proprie conoscenze ci aiuta a migliorare dietro al bancone. Infine non dimentichiamo che siamo innanzitutto degli anfitrioni, dei gentlemen che con savoir-faire ed empatia sanno accogliere i clienti e creare la giusta atmosfera.

bar barman miscelati drink iat italiaatavola fisica chimica cocktail ghiaccio chef cucina bar locale ristorante scienza

SCRIVI UN COMMENTO    
Esprimi liberamente il tuo commento scrivendo nella finestra, indica nome, cognome ed indirizzo e-mail e il campo alfanumerico di sicurezza.
 
 
 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
Ai sensi del D.lgs. 196/2003, La informiamo che i dati personali da lei forniti sono necessari per poter procedere alla gestione della Sua segnalazione e saranno utilizzati, con strumenti informatici e manuali, esclusivamente per tali finalità. Letta l'informativa ai sensi del D.lgs. 196/2003, cliccando sul tasto INVIA, autorizzo il trattamento dei miei dati personali, per le finalità e con le modalità ivi indicate.

ARTICOLI CORRELATI
Loading...
Mostra più articoli >

APPROFONDIMENTI
Loading...
Mostra più articoli >



Caricamento...
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160 - & Credits - Sitemap - Policy - © ® - Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)
Edizioni Contatto Srl - via Piatti 51, 24030 Mozzo (Bg) - P.IVA 02990040160
& Credits - Sitemap - Policy - © ®
Registrazione Tribunale di Bergamo n. 8 del 25/02/2009 - Roc n. 10548
Il portale www.italiaatavola.net è strettamente integrato a tutti i mezzi del network: la rivista mensile per la ristorazione Italia a Tavola, la rivista in versione digitale per un pubblico più vasto, le diverse newsletter Italia a Tavola settimanale rivolte ad un pubblico di esperti ed appassionati, i canali video, il tg pomeridiano (Iat Live news) e la presenza su tutti i principali social (Facebook, Twitter, Youtube, Instagram, Flipboard, Pinterest, Telegram e Twitch)