Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 23 settembre 2021 | aggiornato alle 02:12 | 78058 articoli in archivio

Arluno Cocktail Fest Gabriele Olindo vince la 1ª edizione

07 settembre 2018 | 10:00

Arluno Cocktail Fest Gabriele Olindo vince la 1ª edizione

07 settembre 2018 | 10:00

Gabriele Olindo è il vincitore della prima edizione di Arluno Cocktail Fest, manifestazione ideata da Abi Professional e svoltasi al Gentlemen’s Cafè nata con l’idea di incrociare i cocktail con la musica.

Gabriele Olindo è il vincitore della prima edizione di Arluno Cocktail Fest, manifestazione ideata da Abi Professional e svoltasi al Gentlemen’s Cafè nata con l’idea di incrociare i cocktail con la musica.

A fare da colonna sonora alla creazione del vincitore la canzone di Lou Reed “Vicious”. Reggae, rock e qualche richiamo a grandi classici del cinema (Il Padrino, Pirati dei Caraibi) per scaldare i curiosi che si sono riuniti nei pressi del Gentlemen’s Cafè di Christian Olivari, il cervello del Festival: «Un evento che ci ha dato soddisfazioni - ha detto - abbiamo cercato di aprire un piccolo centro come Arluno a una filosofia di lavoro e una cultura sempre più internazionale come quella della mixology. E speriamo che in futuro potremo fare meglio».

Gabriele Olindo, Daniele Porta, Laura Dalcaldo (Arluno Cocktail Fest Gabriele Olino vince la 1ª edizione)
Gabriele Olindo, Daniele Porta, Laura Dalcaldo

Undici i concorrenti che Olindo Gabriele ha dovuto superare col suo cocktail “Mahalo”, composto da Disaronno, succo di limone, Gin Bloom, gocce di peperoncino e bitter di Angostura, servito in una coppa di champagne con una crosta di amaretto.

Battuti nel round finale Daniele Porta (“Lady Klondike”, Lime Juice Ilva, Martini bianco, Jack Honey, Ginger Ale Cortese) e Laura Dalcaldo (“Cannolo Siciliano”, Rum Barcelò bianco, crema di cacao bianca, Mandarino Varnelli, gocce di cannella La Delizia Varnelli, ricotta fresca). Il verdetto è stato firmato dalla competente giuria composta da Danilo Bellucci (ex presidente Aibes), Michele Di Carlo (Bonaventura Maschio) e Patrizia Bevilacqua (Bevande Futuriste). Quarto con plauso Francesco Pogni con “Notte di Mezza Estate” (Rum Bacardi Oakheart, Saint Germain, succo di mango, succo di lime, sciroppo di passion fruit Fabbri); a Giuseppe Stumbo, con il suo “Verpoli” (Major Gin London Dry, Mandarino Varnelli, Riserva Martini Ambrato, succo di lime e succo di pompelmo) è andato il premio per la miglior tecnica.

Soddisfazione nelle parole del consigliere nazionale Abi Professional Fiorenzo Colombo: «Siamo sempre alla ricerca di nuove soluzioni e nuove idee per poter espandere il nostro movimento - ha detto - il nostro obiettivo principale sono i giovani, per dimostrare che la professione del barmen è una realtà sempre in movimento e in innovazione. Abbiamo già altre manifestazioni in programma».

Ai primi tre classificati è andato in premio un set di attrezzatura e materiale didattico, oltre ad un grembiule realizzato appositamente per l’occasione dal brand “Studs&Buttons” di Rho, trainato da Desirèe Gabriele, Simone Passarello e Angelo Di Placido, già al fianco di Olivari e del Gentlemen’s Cafè sin dall’apertura.

Soddisfatto e lungimirante anche il sindaco di Arluno, Moreno Agolli, che si è detto fiducioso in ottica futura: «È un segnale importante per un piccolo centro come Arluno. Un’apertura di rilievo nei confronti di un mondo di fatto nuovo per noi, che ci ha permesso di entrare in contatto con conoscenze solo apparentemente lontane. Speriamo che già dalla seconda edizione si possa avere un riscontro ancor più positivo, per allargare il bacino di utenza e l’abbraccio di Arluno verso la mixology».

Per informazioni: www.abiprofessional.it

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       




Consorzio Vini Abruzzo