Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
mercoledì 29 giugno 2022 | aggiornato alle 06:03 | 85801 articoli in archivio

Abi Professional

Piscitelli e Cottarelli, barman impegnati nella formazione delle giovani leve

I due bergamaschi hanno fatto la gavetta insieme. La loro esperienza è maturata sul campo con passione e sacrificio. La loro attività, aperta da più di 10 anni, si chiama Quality Events ed è dedicata a corsi e bar catering

 
05 maggio 2022 | 09:30

Piscitelli e Cottarelli, barman impegnati nella formazione delle giovani leve

I due bergamaschi hanno fatto la gavetta insieme. La loro esperienza è maturata sul campo con passione e sacrificio. La loro attività, aperta da più di 10 anni, si chiama Quality Events ed è dedicata a corsi e bar catering

05 maggio 2022 | 09:30
 

Abbiamo incontrato Daniele Piscitelli e Nicola Cottarelli in occasione del Concorso interregionale nord Italia dell’Abi Professional che si è svolto a Torre Boldone (Bg) presso la Fondazione Isb, un centro di formazione del settore della ristorazione. Daniele a Nicola hanno più o meno la stessa età e provengono da percorsi formativi differenti, ma oggi sono sicuramente dei professionisti del bar banqueting affermati a livello europeo. Ma se gli studi non sono indirizzati al mondo della ristorazione come ci sono finiti loro? C’è da dire che in qualche modo per mantenersi gli studi lavoravano entrambi in diversi locali serali della bergamasca e lì si sono incrociati più volte.

Daniele Piscitelli e Nicola Cottarelli Piscitelli e Cottarelli, giovani barman al servizio dei... futuri colleghi

Daniele Piscitelli e Nicola Cottarelli

Una "gavetta" in comune

Lavorare sul banco e servire in velocità tanti clienti soddisfacendo le loro richieste comportava sicuramente una buona dose di sacrificio e soprattutto lo sviluppo di una buona capacità tecnica. Va da se che sia Nicola che Daniele si impegnavano per ottenere il massimo del loro sforzo. Casualmente si trovano a fare un corso di barman e capiscono quanto importante sia la consapevolezza del “fare bene”. Questo “fare bene” è in qualche modo il leitmotiv che li accompagna nel loro percorso professionale. Si ritrovano in una stagione in Sardegna e progettano di aprire una attività in società che gli faccia fare quello che più piace a loro, il barman ma soprattutto nei modi e le condizioni che permettano di farlo bene.

Di ritorno a Bergamo riprendono il lavoro in discoteca e nel frattempo organizzano corsi di aggiornamento, prima base poi avanzati e di alto livello, anche di caffetteria, con personaggi del calibro di Ezio Falconi (professionista dell’anno 2016 Solidus, autore di numerosi testi sul bar che non possono mancare nelle librerie dei barman) e Fabio Dotti, neo campione italiano di caffetteria. La loro attività aperta oramai da più di dieci anni, non per niente si chiama Quality Events, non si limita solo ai corsi ma anche e soprattutto al bar catering e ora anche al noleggio di strutture per eventi in generale dove il bar la fa da padrona.

Collaborano con molte strutture illustri, anche Da Vittorio li chiama per i loro servizi, perché sicuramente hanno lo stesso “fare bene” del servizio da tre stelle Michelin.

Carry, uno dei cocktail della coppia Piscitelli e Cottarelli, giovani barman al servizio dei... futuri colleghi

Carry, uno dei cocktail della coppia
 

La realizzazione di un sogno

«Ci capitava spesso - racconta Nicola - di fare open bar per feste, matrimoni e altri eventi e tutte le volte ci trovavamo in condizioni non ottimale per lavorare al meglio, non potevamo sicuramente dire a chi ci aveva ingaggiato che cosi non si fa e allora abbiamo preso in mano la situazione e abbiamo deciso di mostrare come fare e come farlo bene. Le prime volte che ci portavamo i nostri banchi e creavamo le scenografia adatte all’evento ci sentivamo un po’ pazzi per lo sforzo che questo richiedeva, ma alla fine siamo stati ripagati dalle fatiche fatte».

Oggi il mondo del bar presenta aspetti variegati ma i due bergamaschi propongono nelle cocktail list dei drink degni dei lounge bar di hotel di lusso e non disdegnano di utilizzare tecniche da mixologist di alto livello, mentre gli open bar banali propongono le solite bevande. «Facevamo eventi - spiega Nicola - dove la nostra professionalità era impoverita dai prodotti che ci mettevano a disposizione. Oltre alla difficoltà di lavorare su banchetti bassi e poco attrezzati. Così quello che noi facciamo oltre alla proposta di diverse cocktail list è offrire diversi tipi di ghiaccio di nostra produzione, diverse cocktail station per creare atmosfere eleganti, ricercate o più semplicemente adatte all’evento».

L'importanza delle associazioni

«Le associazioni - prosegue Nicola - hanno lo scopo di permettere a professionisti di incontrarsi, condividere le proprie esperienze e come in questo caso confrontarsi a “suon di shaker” per migliorare il proprio bagaglio culturale. Noi abbiamo avuto la fortuna di avere un grande maestro che è stato il mattatore di alcune nostre serate nei corsi, come Ezio Falconi che è Fondatore di Abi Professional e ci ha fatto capire che essere uniti, avere un unico intento è la cosa più importante per un professionista. Poi Bergamo ha tanti altri professionisti di livello come Fiorenzo Colombo che hanno diffuso per anni il bere bene. Quindi per noi associarsi a Abi Professional è stato quasi normale. Oggi credo proprio che tutti i concorrenti abbiano avuto il piacere a lavorare sopra un banco ben strutturato con del ghiaccio perfetto e sempre fresco in una scenografia curata nei minimi particolari. Ogni evento deve essere perfetto per essere ricordato nel tempo come un qualcosa di speciale. Ai giovani dico che bisogna sempre cercare di fare bene e impegnarsi sempre a farlo. Costa sacrifici perché ci espone sempre in prima persone, non ci si può nascondere dietro la frase questo e quello che ho e questo è quello che posso fare. Studiare, evolversi, impegnarsi e essere sempre pronti ad accettare una critica sfoggiando un bel sorriso».

«Con Abi - conclude - potremmo sviluppare una serie di eventi mettendo a disposizione i nostri laboratori e anche i servizi che già eroghiamo e ai giovani diciamo che se si vogliono mettere in gioco noi potremmo dar loro delle interessanti opportunità di lavoro e di apprendimento, siamo disponibili a trasmettere il nostro sapere».

Lasciamo Nicola e Daniele con la promessa di poterci incontrare ancora in qualche altra occasione per poter continuare questa bella chiacchierata che ci ha mostrato quanta passion mettono in quello che fanno e soprattutto facendoci indicare le ricette di qualche loro cocktail che propongono con successo ai loro eventi. Cin-cin.

Carry 

  • 40 ml Vodka Gray Goose
  • 10 ml Sciroppo di carota home made 
  • 60 ml Tonica aromatizzata a Rosmarino

Herby Fizz 

  • 45 ml Gin Bombay
  • 20 ml Dry Vermouth Martini
  • 10 ml Sciroppo di Lemongrass home made
  • 10 ml Succo di Limone fresco
  • Top di Soda Water

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali
       


Algida Dolce Vita