Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
venerdì 27 maggio 2022 | aggiornato alle 07:47 | 84976 articoli in archivio

Cibo Nostrum conquista Taormina Oltre 100 cuochi nel centro storico

Per la sua seconda giornata, “Cibo Nostrum” si è spostato nel centro storico di Taormina (Me), dove oltre 100 cuochi, siciliani e non solo, hanno cucinato dal vivo piatti di alta qualità con prodotti del territorio. A deliziare i palati dei presenti anche i dolci della Confederazione pasticceri italiani e i cocktail di Abi Professional

di Clara Mennella
vicedirettore
24 maggio 2016 | 10:21
Cibo Nostrum conquista Taormina 
Oltre 100 cuochi nel centro storico
 
Cibo Nostrum conquista Taormina 
Oltre 100 cuochi nel centro storico

Cibo Nostrum conquista Taormina Oltre 100 cuochi nel centro storico

Per la sua seconda giornata, “Cibo Nostrum” si è spostato nel centro storico di Taormina (Me), dove oltre 100 cuochi, siciliani e non solo, hanno cucinato dal vivo piatti di alta qualità con prodotti del territorio. A deliziare i palati dei presenti anche i dolci della Confederazione pasticceri italiani e i cocktail di Abi Professional

di Clara Mennella
vicedirettore
24 maggio 2016 | 10:21
 

Una giornata splendida per il secondo giorno di “Cibo Nostrum”, la manifestazione giunta quest’anno alla quinta edizione ideata dall’Associazione provinciale Cuochi Etnei e dalla Fic (Federazione italiana cuochi). In questo anticipo d’estate, la meravigliosa location del centro storico di Taormina (Me) ha brillato più che mai. Gente, prodotti, piatti, profumi e tanta partecipazione hanno caratterizzato questo appuntamento che è stato fortemente voluto da Pietro D’Agostino, patron del ristorante “La Capinera”; un evento irrinunciabile per quanti vogliono avere un saggio di altissima cucina siciliana.



Ideato da Seby Sorbello, presidente dei Cuochi Etnei e di Fic Promotion, ideatore e creatore di Cibo Nostrum, e “nato” nella vicina Zafferana Etnea, Cibo Nostrum abbraccia ormai la bellissima fetta di territorio che collega le due cittadine. Dalla mattina fino al pomeriggio inoltrato, il “Taormina Cooking Fest - Omaggio ad Aurelio Baciunì” ha visto scendere in piazza e per le vie del centro oltre 110 cuochi, siciliani e ospiti, che hanno cucinato dal vivo in altrettante postazioni con una serie di denominatori comuni; cibo vero, italiano, di qualità, preparato da mani professionali e rispettose, un vero inno alla vita, all’amicizia e al made in Italy.



Ad affiancare i cuochi, sommelier e professionisti di sala, tutti impegnati a dare il meglio, anche perché il ricavato della giornata è stato devoluto in beneficienza alla Fondazione Limpe-Dismov Onlus per la ricerca sul Parkinson. Seguiti con partecipazione anche gli otto laboratori di alto livello, disseminati nelle location taorminesi più belle:
  • Laboratorio sul pesce azzurro presso "Pietro D'Agostino Cooking Lab di via Pirandello 61 Taormina", chef Tony Lo Coco del ristorante "I Pupi" di Bagheria (Pa), in collaborazione con Sniff;
  • Laboratorio sul pesce azzurro in vasocottura presso "Hotel Villa Schuler", chef Carmelo Floridia e chef Stefano Alfano del progetto "Gurmè" di Modica;
  • Laboratorio sul pesce azzurro presso "San Domenico Palace di Taormina", chef Massimo Mantarro;
  • Laboratorio sul pesce azzurro con il tema: "La Sicilia vista sotto un altro punto di vista", presso la Baronessa di Taormina, con lo chef Paolo Barrale e la famiglia Piccirillo con la famosa pizza fritta;
  • Laboratorio sul pesce azzurro con gli chef Alfio Visalli, Pietro D'Agostino e Seby Sorbello, in piazza IX Aprile a Taormina;
  • Laboratorio "Qua la zampa", con lo chef Marco Sacco del ristorante "Il Piccolo Lago", presso l'Atelier Parisi in corso Umberto a Taormina;
  • Laboratorio sul pesce azzurro con Gianpaolo Raschi e Riccardo Agostini all'Hotel "Excelsior Palace" di Taormina;
  • Laboratorio sul pesce azzurro, "Omaggio ad Aurelio Buciuni", in piazza IX Aprile.

Un contributo importante è stato dato dalla partecipazione di Conpait (Confederazione pasticceri italiani) che ha schierato numerose postazioni di pasticceria dove i migliori professionisti italiani e i loro giovani collaboratori hanno dato un saggio di bravura che ha incantato tutti i presenti, sfidando le temperature e lavorando con velocità e precisione, impiattando dolci senza sosta per diverse ore.



La manifestazione ha dato un grande esempio di civiltà, utilizzando solo stoviglie ecologiche e riciclabili, nel rispetto dell’ambiente. E, visto che non può esserci festa senza un buon bere consapevole, sono scesi in campo i barmen professionisti di Abi Professional che hanno allestito un vero e proprio bar ricco di ogni ingrediente. La delegazione siciliana, vertici compresi, ha miscelato, mesciato e servito cocktail creativi, classici e su richiesta, con un occhio di riguardo ai gusti e alla freschezza più adatti ad essere abbinati con le preparazioni di pesce azzurro e con la stagione.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali