Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 26 ottobre 2021 | aggiornato alle 17:42 | 78959 articoli in archivio

Euro-Toques ci ha messo il cuore Un anno a raccontare la Cucina italiana

di Enrico Derflingher
presidente Euro-Toques
12 gennaio 2018 | 09:39

Euro-Toques ci ha messo il cuore Un anno a raccontare la Cucina italiana

di Enrico Derflingher
presidente Euro-Toques
12 gennaio 2018 | 09:39

Un anno di eventi, tra fornelli e amici, cene ed incontri, dal Premio IaT all'assemblea nazionale, dalla Celebrity Fight Night al sostegno di #pizzaUnesco. Euro-Toques ha valorizzato ancora la Cucina in questo 2017.

Un anno di eventi, tra fornelli e amici, cene ed incontri, dal Premio IaT all'assemblea nazionale, dalla Celebrity Fight Night al sostegno di #pizzaUnesco. Euro-Toques ha valorizzato ancora la Cucina in questo 2017.

Un anno di grandi soddisfazioni, un anno che ancora una volta ha testimoniato l'implacabile crescita dell'associazione, sia a livello di numeri che di solidità, come struttura, come unione tra i soci, come devozione ai valori che ci contraddistinguono come cuochi. Euro-Toques ha passato un 2017 portando in lungo e in largo per l'Italia e per il mondo la sua filosofia di cucina e la valorizzazione della materia prima e della tradizione, e l'ha fatto con quasi 50 tra cene, incontri e momenti di approfondimento.

(Euro-Toques ci ha messo il cuore Un anno a raccontare la Cucina italiana)

Tra questi però, tirando le somme dei mesi trascorsi, ne spiccano quattro. Il primo è il Premio Italia a Tavola, un'occasione di incontro per tutto il Made in Italy a Firenze, dove Euro-Toques ha partecipato con i suoi soci e i suoi piatti per rendere la cena di gala un vero momento di espressione dell'alta Cucina italiana. Forse il più importante poi, per l'associazione, durante l'anno, l'assemblea nazionale a Borgo Egnazia, una parentesi all'interno della quale sono stati affrontati temi di fondamentale importanza, dalla forza dell'associazionismo che contraddistingue Euro-Toques Italia come associazione al ruolo del cuoco come traino del turismo fino alla presentazione della Guida 2017 dell'associazione, che quest'anno è forte di ben 62 new entry, tra le quali anche diversi cuochi bistellati - come Valeria Piccini e Ciccio Sultano - e stellati. Insomma, una squadra sempre più forte e capace di attrarre sempre nuove iscrizioni grazie all'impegno costante nel raccontare i valori della propria Cucina. Dopo il weekend dedicato all'assemblea nazionale, anche una settimana intera di grande cucina con incontri ai fornelli tra alcuni membri Euro-Toques (Matteo Sangiovanni, Marco Bottega, Fabio Pisani e Pasquale Laera) con il resident chef Domingo Schingaro, tra le altre cose premiato come Novità dell'anno dalla Guida L'Espresso.

Poco dopo, a giugno, l'assemblea internazionale di Euro-Toques tenutasi per la prima volta in Italia, al CastaDiva Resort & Spa di Blevio (Co), un incontro importante e significativo per la delegazione Italia e in generale per il nostro Paese, durante il quale sono stato rieletto presidente internazionale, in rappresentanza di oltre 3mila Maestri di cucina europei, con al mio fianco il belga Jean Castodot. Un momento che mi ha riempito di orgoglio e mi ha stimolato per fare ancora di più: tra gli obiettivi già raggiunti da quel momento, l'ampliamento del numero di delegazioni di Euro-Toques in Europa.

Non abbiamo dimenticato neanche quest'anno che la nostra cucina è indissolubilmente legata al voler fare del bene: ecco perché tanti sono stati anche gli eventi in cui abbiamo cucinato e dai quali i fondi raccolti sono stati devoluti in beneficenza. Uno tra tutti è stata la Celebrity Fight Night a Roma, accanto ad Andrea Bocelli e a personaggi dello spettacolo come Antonio Banderas e Sofia Lauren, o della musica, come Steven Tyler ed Elton John. Un grande onore per noi, ma anche una grande responsabilità, di cui ogni anno ci prendiamo carico e per la quale riceviamo tanti complimenti, ringraziamenti e soddisfazioni.

Protagonisti anche durante la seconda Settimana della Cucina italiana nel mondo (dopo il successo già della sua prima edizione), abbiamo aperto in Svezia e chiuso a Taiwan, dopo esserci impegnati in quasi 50 eventi in tutto il mondo, e sostenendo al tempo stesso un'iniziativa importante come la candidatura dell'Arte dei pizzaiuoli napoletani a Patrimonio Unesco. Siamo stati infatti vicini a Pecoraro Scanio - e lui a noi - per portare avanti questo progetto.

Nonostante siano stati tanti i traguardi, tante le soddisfazioni, io e la mia associazione non abbiamo intenzione di fermarci: il 2018 è alle porte e sono già tanti gli eventi che abbiamo messo sul tavolo, tra cui l'assemblea italiana durante la quale verrà eletto il nuovo presidente di Euro-Toques Italia. A prescindere dal risultato, io ho messo quest'anno e durante tutto il mio mandato il massimo impegno e la massima fede nei valori e negli eventi che ho promosso, rendendo fieri sia me che i miei soci, sempre vicini, sempre pronti a dare una mano, come una vera squadra al servizio della Cucina italiana.

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali