Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
martedì 25 gennaio 2022 | aggiornato alle 16:17 | 81288 articoli in archivio

«Costi troppo alti con la Michelin» Jérôme Brochot vuol restituire la stella

05 gennaio 2018 | 11:55

«Costi troppo alti con la Michelin» Jérôme Brochot vuol restituire la stella

05 gennaio 2018 | 11:55

Il cuoco francese ha chiesto alla Guida rossa di rescindere il suo ristorante dalla guida perché non riesce a sostenere i costi di mantenimento che un ristorante stellato comporta.

Il cuoco francese ha chiesto alla Guida rossa di rescindere il suo ristorante dalla guida perché non riesce a sostenere i costi di mantenimento che un ristorante stellato comporta.

Jérôme Brochot de Le France, hotel con ristorante a Montceau-les-Mines, cittadina mineraria della bassa Borgogna, ha ottenuto una stella Michelin nel 2005, ma anche lui, come altri cuochi per altri motivi (Sebastian Bras, ad esempio) ha scritto alla Rossa chiedendo di poter restituire il riconoscimento.

Jérôme Brochot («Costi troppo alti con la Michelin» Jérôme Brochot vuol restituire la stella)
Jérôme Brochot

L'ha detto in un'intervista al New York Times: Brochot ha dichiarato di aver dovuto lasciare a casa metà della sua brigata, per via degli altissimi costi di un ristorante stellato in una piccola città. Garantire 60 coperti era diventato quasi impossibile, ingredienti di qualità come spigola e rombo finivano nella spazzatura, così al termine del 2016 parte la richiesta alla Michelin.

La scelta dello chef è stata, dopo la richiesta, quella di cambiare formula, iniziando dai prezzi: ha dimezzato il costo di un pasto nel suo ristorante, optando per un menu più semplice, usando ingredienti meno costosi. Da lì, qualche cambiamento positivo c'è stato: «Da quando abbiamo cambiato formula, la clientela è aumentata in maniera esponenziale. Spesso le persone sono convinte che una stella Michelin sia solo una fascia di prezzo».

Non è stata una decisione facile, le critiche non sono mancate, il sindaco ha descritto la decisione del cuoco come un vero e proprio «danno per l'intera regione». «Quello che sto facendo adesso - ha detto Brochot alla Michelin - non lo faccio di certo a cuor leggero, ma non ho scelta».

© Riproduzione riservata

 
Voglio ricevere le newsletter settimanali