Quotidiano di enogastronomia, turismo, ristorazione e accoglienza
giovedì 26 maggio 2022 | aggiornato alle 10:08 | 84948 articoli in archivio

Chicco d’Oro a Giuseppe Scarlato

Il cuoco foggiano ha vinto la 28ª edizione del concorso nazionale a Isola della Scala (Vr) sbaragliando una concorrenza di altri 21 professionisti provenienti da altre 5 regioni.

di Sandro Romano
 
08 ottobre 2019 | 15:42

Chicco d’Oro a Giuseppe Scarlato

Il cuoco foggiano ha vinto la 28ª edizione del concorso nazionale a Isola della Scala (Vr) sbaragliando una concorrenza di altri 21 professionisti provenienti da altre 5 regioni.

di Sandro Romano
08 ottobre 2019 | 15:42
 

Unico rappresentante della Puglia, Giuseppe Scarlato si è imposto, presentando il piatto intitolato Sor-Riso di Puglia, a base di riso Vialone nano, plancton, scampi di Molfetta, ostriche di Lesina, mozzarella, mandorle tuono, lavanda, timo, melissa, basilico, canestrato foggiano di Idarola, e datterini gialli di Lesina azienda Turco.

Davide Ghiotto, Giuseppe Scarlato e Massimo Torrisi (Chicco d’Oro a Giuseppe Scarlato)

Davide Ghiotto, Giuseppe Scarlato e Massimo Torrisi

Con questo ambizioso piatto lo chef foggiano ha convinto la prestigiosa giuria composta dagli chef Fabio Tacchella - consigliere nazionale della Federazione Italiana Cuochi, Luca Fasoli - consigliere regionale Veneto Fic, e Gaetano Cassini - vicepresidente dell’Associazione Cuochi Scaligeri.

Con il punteggio (altissimo) di 97,5 lo chef pugliese è stato premiato così con la medaglia d’oro e, in base ai criteri internazionali di valutazione, anche con l’oro assoluto. Il successo del giovane cuoco, allenato dall’executive chef dell’Hotel Salsello di Bisceglie Domenico Lampedecchia, è stato completato con il premio per aver saputo utilizzare al meglio le erbe aromatiche offerte dallo sponsor locale, senza sprechi alimentari.

Sor-Riso di Puglia (Chicco d’Oro a Giuseppe Scarlato)
Sor-Riso di Puglia

Tra gli ingredienti di ogni risotto, infatti, per regolamento di gara doveva essere utilizzata almeno un’erba aromatica.
Gli altri concorrenti provenivano da regioni come Lombardia, Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, tradizionalmente più votate all’utilizzo del riso in cucina. Al secondo posto si è classificato il veronese Massimo Torrisi, con il “riso ai 4 sapori” (gorgonzola, liquirizia, lavanda e zucca) seguito dal padovano Davide Ghiotto con “Il pedrocchino”, un riso al latte con sfere di caffè ed emulsione di menta.

Il premio a Giuseppe Scarlato è stato consegnato da Michele Filippi presidente dell’Ente Fiera (sede della manifestazione), dal sindaco di Isola della Scala Stefano Canazza e dal presidente dell’Associazione Cuochi Scaligeri Paolo Forgia, nel corso della cena-evento “L’Italia del riso”.

© Riproduzione riservata STAMPA

 
 
Voglio ricevere le newsletter settimanali